Uichend di Meteobilli. La primavera si fa sentire, non ve la passerete male

|




Le previsioni tutte speciali di Daniele Billitteri. Bontempo o malotempo, per decidere se essere contenti o siddiati. Da oggi, su Malgrado tutto, il Uichend di Meteobilli. Buon divertimento.

Carissimi amici di Racalmuto e dintorni. Da questa settimana comincio a raccontarvi com’è il tempo sulle vostre teste nei uichend.

Io non ho tanto il coccio di lettura ma di bontempo e malotempo me ne sento abbastanza anche perchè ho fatto un gruppo su Facebook che si chiama Meteobilli dove, da più di due anni, ogni giorno, metto le previsioni su Palermo.

Disegno di Ignazio Piacenti

Disegno di Ignazio Piacenti

Io vi dico questo: che cosa fate la mattina appena vi alzate? La pipì, va bene. Ma subito dopo? Già prima di farivi u cafè, aprite la finestra e guardate con’è il tempo. Così sapete come vi dovete vestire, se dovete prendere la machina o il motore, se vi dovete portare il paraqqua o no, se dovete essere di buonumore oppure siddiati.

Insomma, il tempo è importante ma quelli che fanno le previsioni nella telemusione fanno di tutto per non farvene capire un beneamato con tutte le parolone difficili che usano attipo isobare, moti termoconvettivi, gocce fredde, dorsali termiche e via così. Come se parlassero tra di loro che le cose le sanno. Ma voi? Vi limitate a guardare i disegnini per capire se c’è nuvolo o c’è il sole, se c’è il disegno del lampo che vuol dire temporali. Ma già con la freccetta della direzione e della forza del vento magari vi dovete fermare un poco.

Io invece spero di raccontarvela giusta in modo che voi leggete e capite. E vi potete fidare perché pure se sgherzo, le previsioni sono come quelle che fanno gli scinziati perché io, modestamente a parte, mi guardo le carte e le capisco.

Detto ciò vi voglio raccontare innanzitutto dove siete. Lo so che lo sapete ma, dal punto di vista del tempo, è bene dire due cose importantissime.

La prima è che il vostro bellissimo paese si trova a 450 metri sul livello del mare quindi siete in una fascia che si chiama “media collina”.

La seconda cosa è che non siete in riva al mare e anche questo è importantissimo perché, in un modo o nell’altro, il fatto di essere una zona interna vi regala un clima che si chiama “continentale” e le conseguenze sono molte perché il mare è come uno che mette pace quando c’è sciarra.

Quando il mare non c’è, succede che, per esempio, c’è una bella differenza tra la temperatura di giorno e quella di notte. Questa situazione la chiamano “escursione termica”- E poi cambia il modo di come la terra si quaria; allora capita che arriva l’aria calda e umita dal mare e incoccia nella terra più fredda e questa sciarra fa nascere nuvole e magari poi picchiulia acqua.

Ma veniamo alle previsioni per questo uichend. Che vi devo dire? La primavera si fa sentire e vi posso assicurare che non ve la passerete male.

Sabato pomeriggio nuvole

Sabato pomeriggio nuvole

Sabato aggiorna sereno e solo verso le quattro di doppopranzo arriva qualche nuvoletta che comunque non fa parte di qualche pettubbazzione più grande. Sono nuvolette che si formano a causa di quella cosa che vi ho detto delle differenze di temperatura.

E questo succede, di solito, di pomeriggio quando la terra è più calda e l’aria più fredda. I venti vanno firriando tra Levante (Est) e Scirocco (Sud Est) di cui le temperature massime sabato saranno attorno ai 16 gradi.

Domenica il tempo sarà generalmente nuvoloso, ma si tratta di “nuvole termiche” che magari coprono il cielo ma non diventano mai così dense di umidità da provocare pioggia. Quindi cielo coperto ma tempo asciutto. Ma attenzione: può essere che verso le cinque di pomeriggio cade qualche goccia d’acqua. Io penso di no ma non si può mai dire.  Non vi dimenticate che siamo a marzo, il mese “pazzo”. In realtà i mesi non sono nè pazzi nè saggi. Il fatto è che le mezze stagioni ci sono ancora è hanno sempre la faccia della variabilità: a che sono tranquille a che si incazzano. Un poco di pacienza. Tante belle cose. Primaverili.

 Daniele Billitteri

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *