Tutti solisti, nessun accordatore

|




Elezioni. Candidati, partiti, liste. Tattiche e strategie di una vigilia elettorale convulsa. Gli strumenti ci sono, manca chi dirige l’orchestra. Grande confusione sotto il cielo di Racalmuto.

Siamo a pochi giorni dalla presentazione delle liste. In paese le situazioni cambiano e si evolvono continuamente. Vediamo di raccapezzarci.

Il commercialista Carmelo Borsellino scioglierà le sue riserve sabato. Poche indiscrezioni sulla sua lista, dove sembra sia approdata per ultima l’avvocato Cinzia Leone.

Ciascuno suona la sua musica

Questa sera si recita a soggetto

L’urologo Biagio Adile, domani a Racalmuto per comunicare, probabilmente, la rinuncia a candidarsi a sindaco. Si vocifera che pochi giorni fa è stato convocato in gran segreto dall’ecclesia racalmutese per discutere sulla situazione attuale. Dove andranno le anime del medico palermitano, non è dato ancora sapere. Si parla di una lista civica con a capo sempre un medico.

Enzo Sardo, alla ricerca sempre di notizie di prima mano, lo abbiamo visto più volte in grande fibrillazione, come se aspettasse il ritiro di tutti gli avversari per avere la strada spianata. Raccoglie pezzi dell’UDC, di Carmelo Mulè o di Lillo Bongiorno? Non riesco più a capire a chi ormai appartenga il partito a Racalmuto.

Il M5S sembra abbia trovato il suo astro nascente in Luigi Falletti che, fino a poco tempo fa rinnegava l’appartenenza al movimento di Grillo. Sarà stata strategia.

brucculeri-giuseppe1

Giuseppe Brucculeri – che a breve aderirà a “Fratelli d’Italia”- continua la sua solitaria corsa.

Grande coalizione nel PD, aderiscono NCD di Carmelo Collura, MPA cui fa parte Luigi Penzillo e Lillo Bongiorno appartenente all’UDC, o non più? Che grande confusione. Emilio Messana, senza tema di smentita è il candidato del PD e dei partiti della coalizione. Promosso sul campo, senza le annunciate primarie.

Cosa farà a questo punto il segretario del locale PD? Conoscendo la grande coerenza, rettitudine morale, onestà di Vincenzo Maniglia, visto che il nome del candidato esce dalla coalizione di NCD, MPA, UDC, PD e che l’ala renziana, più volte, ha dichiarato il suo diniego su Emilio Messana, paventiamo le sue dimissioni.

Giglia, Guagliano e Lillo Conte insieme a Maniglia, saranno prossimi alla scissione? O era tutta tattica e si è trovata una convergenza col partito poiché sono cambiate le condizioni?

Si affaccia alla ribalta il nome di Angelo Cutaia; sembra stia decidendo la sua discesa in campo. Lo affiancherebbe una lista di professionisti.

Ho riletto quello che ho scritto fin qui e, mi rendo conto, che la situazione non è di facile comprensione. Balza chiaramente che fino ad ora abbiamo assistito a tatticismi, strategie di ogni sorta, ma di concreto non abbiamo ancora visto nulla. Non uno straccio di programma, nemmeno accennato a voce, non un intento di risolvere problemi immediati del paese quali precariato e tasse.

Sembra che a tutti questi politici delle sorti del paese, almeno fino ad ora, non interessi nulla. Tutti sono concentrati come veri giocatori di poker attenti a non far scoprire il proprio bluff. Come non accorgersi che ognuno è intento a suonare la propria musica su uno strumento non più accordato e che è mancata, fino ad ora, la figura dell’accordatore, capace di intonare i vari strumenti, capace di metterli in condizione di suonare tutti assieme.

Racalmuto avrebbe avuto bisogno di un accordatore e di un accordo generale per far sì che si operasse per il bene comune, per il bene, frase tanto abusata, del paese.

Racalmuto, passeggiando passeggiando

Racalmuto, passeggiando passeggiando

Ieri questo giornale ha organizzato nei minimi particolari un divertentissimo pesce d’aprile, uno scherzo che ha visto la convergenza e l’operato comune di tanti appartenenti alla testata. Uno scherzo riuscito e non di cattivo gusto, come i soliti bastian contrari vogliono a tutti i costi dire.

Ma al di là del divertimento, c’è da riflettere su come una squadra, in così poco tempo, abbia potuto suonare assieme la stessa musica, senza stonature, con strumenti diversi, facendo convergere l’opinione pubblica verso un candidato,  anche se non reale.

Quello che manca a Racalmuto è proprio questo, il gioco di squadra, ognuno persegue il proprio obiettivo, suona la propria musica anche stonando. Prima ancora di ogni decisione sui nomi, occorre quel concerto perfettamente a tempo, perfettamente intonato.

Questo ancora qui non si è capito e non credo che alla fine potrà cambiare qualcosa per Racalmuto. Dovrebbe modificarsi la mentalità, il tatticismo, l’intento, il modo di fare politica per far risplendere di nuovo questo martoriato paese.

 

Altri articoli della stessa

3 Responses to Tutti solisti, nessun accordatore

  1. angelo Rispondi

    2 aprile 2014 a 19:00

    Signor Alfano mi ha colpito una sua frase come una squadra, in così poco tempo, abbia potuto suonare assieme la stessa musica, senza stonature, con strumenti diversi, facendo convergere l’opinione pubblica verso un candidato, anche se non reale.
    Appunto visto che ci siete riusciti perchè non lo fate realmente visto che il vero problema del paese e proprio questo,manca proprio una squadra,ne sono convinto se volete ci riusciti a trovare un buon direttore che sappia dirigere questa orchestra.

  2. Calogero Taverna Rispondi

    2 aprile 2014 a 22:52

    Sono ovviamente felice per la scelta Messana. Le ipocrite parole del segretario provinciale lasciano il tempo che trovano. Già Malgradotutto dopo avermi derubricato a modesto “guastatore” da stamani mi ha cassato dalle sue foto segnaletiche. Del resto Zambito manco rammenta che avevo inviato una istanza persino formale per una mia candidatura di partito alla gestione del Comune di Racalmuto. Ciò naturalmente mi rende libero da ogni disciplina partitica e se ho cartucce inconsuete da sparare le sparerò senza dovere rendere conto a certi miei scupoli politici.

    Chi mi impedisce ad esempio di raccattonare qui a Roma un simbolo e scendere a Racalmuto più temerario di Tano per una lista davvero alternativa. Per il momento, coerente con me stesso, plaudo alla auspicata candidatura di Messana.

    Ma più che i renziani gli ostacoli ad Emilio verranno dai suoi necessitati compartecipi.

    Collura ha problemi interni: Alfano fin quando farà finta di essere aliunde occupato? Buongiorno non si candida ma vorà contropartite preponderanti. Milioto se c’è batta un colpo. Ma siccome c’è chissà cosa pretenderà. Mulè lascia Buongiorno per accasarsi da Enzo Sardo, mi dicono. Ma cosa può trovare in un fondaco che nulla ha a che pretendere e per nulla i racalmutesi saranno disposti a degnarlo; Penzillo ha una squadra famelica; chi accontentare, chi escludere? forse dimentico qualche minuscolo pitocco politico.

    Stasera Emilio è alle prese con incontri difficili ed astiosi. Non ne so ancora nulla. In casa PD bipolare destra renziana di qua, vecchia guardia comunista di là hanno già sacrificato il dottor Sardo estorcendogli una rinuncia. Il mio amico Totò non pretenderà la vicesindacatura? Ma Emilio non potrebbe accordargliela. Già il PD ha fatto la parte del leone con la sindacatura e gli alleati la mettono in conto per il debito sconto. La morte si sconta vivendo. Il mio amico Carmelo Brucculeri viene pretermesso ignominiosamente. La tradionale donna consigliere paga il fio di un triplice accasamento alle Girgenti Acque che ha gridare allo scandalo il cazzuto Ignazio Licata. Giglia, rinunciando a Morena, cosa ora vorrà a riparazione? Maniglia stesso unanimemento eletto nuero uno del partito, e ne starà bob bono sena nulla im ano o con un scettro di carta pesta? vedo tsunamidell’ultimo istante. E Calogero Taverna è proprio il tipo da piegarsi umile e dimesso alle abrasioni fotografiche di MalgradoTutto!. Certo,domani Adile ci farà capire cosa farà da grande. Mi dicono che presenta unalista di destra controla ista di ultradestra capitanata da Borsellino e supportata dalla mia quasi parente Salemi, figlia valida della San Vincenzo acciappavoti di un tempo. Non credo che con questi chiari di luna M5S si presenterà; spese buttate al vento. Per quel che appare stasera, la contesa politica racalmutese si restringe a Messana (sicuramente vittorioso, Adile che seondo o terzo che risulti non avrebbe di che occuparsi e Borsellino che comunque spendendo tanti soldi per propaanda e cene elettorali corre il rischio, arrivando secondo (peggio se terzo), di raccogliere solo gli utili della Taberna per le ececzionali frequentazioni culinarie delle normali contese elettorali, come gireranno la scabrosa marreddra? E il mio amico, collega storico e coreuta tributario Sardo? Boh! Mi viene da dire: ma chi glielo fa fare; se pensava di venire cooptato qui o là a stasera non mi pare che vi sia aria a lui propizia. Dimentiavo il mio parente (vero) Peppi Brucculeri. Con l’accordi del primo aprile in casa PD ho voglia di credere che ha cantato un solo inverno, Le calende di Maggio non sono per lui. Come mi pare che lo non siano per l’ing. Cutaia da Malgrado Tutto ancor oggi reclamizzato nell’ostendere il libro sui Del Carretto che avrebbe seppellito ogni mia ricerca su questa ribalda prosapia per nulla di Finale Emilia ma soltanto avventurieri genovesi.

  3. angelo.m Rispondi

    3 aprile 2014 a 21:58

    Non abbiate paura
    Il pesce d’ aprile di Malgradotutto e’ stato servito sulle nostre tavole. Ma
    non è stato digerito o meglio neanche assaggiato. Il giorno dopo e’ stato
    presentato un altro piatto, di Salvatore Alfano, a base di musica. E proprio
    questa pietanza vorrei farla assaggiare ai tanti giovani, soprattutto a quelli
    che durante il periodo natalizio hanno saputo organizzarsi. E chiedo a loro,
    perché non farlo adesso, proprio in questo periodo pre elettorale? Formate una
    squadra, non abbiate paura cari giovani, sono in gioco la vostra, la nostra
    dignità e libertà. Posso capire che siete dominati dalle paure, che pensate di
    non poter essere liberi di esprimere i vostri pensieri, i vostri desideri. Non
    abbiate paura, formate una squadra, non importa se sarà perdente, almeno sarà
    la vostra voce e nulla verrà gettato inutilmente in aria. Non abbiate paura,
    l’esempio lo avete avuto da Malgradotutto, che in così poco tempo e’ riuscito a
    mettere insieme tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *