Tutti i sindaci eletti in provincia di Agrigento. Nessuna donna

|




Cremona a Naro, Gueli a Santa Elisabetta, Sabella a San Biagio Platani, Segreto a Caltabellotta e Messana a Racalmuto. VIDEO

I nuovi sindaci

Cremona, Gueli, Segreto, Sabella, Messana

L’election day ha decretato la vittoria del Partito Democratico. Oltre che dal voto europeo, la fiducia per i democratici è arrivata anche alle regionali con i successi in Piemonte e Abruzzo e alle amministrative, dove il partito di Renzi, ha confermato i consensi a Firenze ed è riuscito ad espugnare roccaforti nemiche, come nel caso di Bergamo.

Mentre in molti altri comuni, il Pd, si giocherà la vittoria al ballottaggio, che si terrà tra due settimane.
E questo trend, è stato confermato anche nei comuni della provincia di Agrigento, in cui si è votato per il rinnovo del consiglio comunale e per eleggere il sindaco, che ricordiamo essere: Naro, Racalmuto, Santa Elisabetta, Caltabellotta e San Biagio Platani.

Nel borgo barocco di Naro, ad avere la meglio è stato il medico Lillo Cremona, supportato dalla lista “Ricominciamo”, il quale con il 36.86% di preferenze ha avuto la meglio sugli sfidanti, tra cui l’uscente Pippo Morello.

Il nuovo sindaco di Racalmuto è invece Emilio Messana. L’ex segretario provinciale del PD, è stato votato dal 35.33% dei racalmutesi, dopo un’ iniziale testa a testa con Carmelo Borsellino, attestatosi al 26.45%.

Primo cittadino di Santa Elisabetta è Mimmo Gueli.
Con il supporto della lista “Santa Elisabetta bene comune”, Gueli, è stato votato dal 40.9% dei sabettesi, tenendo dietro Francesca Rizzo e Salvatore Gaziano.

Con il 60,53% Paolo Segreto, candidato di area socialista, è stato eletto sindaco di Caltabellotta. battendo Biagio Marciante 39,47%.

Infine, a San Biagio Platani, il nuovo sindaco è Santino Sabella eletto con il 45.56% dei consensi.
Sabella, che già in passato ha ricoperto la carica di primo cittadino, ha avuto la meglio sulle due candidate Rosalba Di Piazza e Rossella Amoroso.

Fonte: Teleacras

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *