Tony Sperandeo: “Ora mi sento anch’io un racalmutese”

|




Così ha concluso lo spettacolo ieri sera a Racalmuto il noto attore siciliano. Il ricordo commosso dell’amico Luigi Burruano.

Tony Sperandeo

A quasi venti giorni dalla scomparsa dell’attore Gigi Burruano, uno dei suoi amici e colleghi più stretti, l’attore Tony Sperandeo, lo ha ricordato ieri sera a Racalmuto, nel corso dello spettacolo “Con una faccia un po’ così” in scena nel nuovo anfiteatro “Leonardo Sciascia”.

Sperandeo si è commosso quando ha ricordato la sua lunga amicizia con Burruano che a Racalmuto conservava le sue radici. Suo papà e suo nonno, il medico filantropo don Ciccu, erano infatti di Racalmuto.

“Non sporchiamo il cielo dando il nome alle stelle – ha detto Sperandeo  – ma stasera qui, sotto il cielo di Racalmuto, dove anch’io mi sento racalmutese, un nome ad una stella lo voglio dare. Ciao Gigi”.

Nello spettacolo, da lui scritto e diretto,  Sperandeo  ha costruito un viaggio nella sua lunga carriera di attore, cercando di dare il suo volto, la sua “faccia un po’ così”, a personaggi  non siano legati alla mafia o alla divisa.

“Mi diverte sdoppiarmi – commenta l’attore palermitano – disquisire con me stesso e riflettere sulla Sicilia, sui mali e i pregi della nostra terra meravigliosa”.

Lo spettacolo, organizzato dal Comune di Racalmuto a chiusura della stagione estiva, è stato introdotto dal sindaco di Racalmuto Emilio Messana e dall’assessore alla Cultura Salvatore Picone.

Guarda foto gallery di Massimo Macaluso

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *