Tariffe RC Auto, Iacono: “In Italia le più alte d’Europa e nel Mezzogiorno si paga il triplo rispetto alle altre Regioni”

|




“Normativa inadeguata…Tariffe sproporzionate”. La parlamentare del partito democratico aderisce al comitato Nazionale “ RC-AUTO- Tariffa Italia”, lo stesso che ha promosso, su tutto il territorio Italiano, una proposta di Legge  d’iniziativa popolare per allineare le tariffe applicate in Italia al resto d’Europa.

rc auto 3La parlamentare del partito democratico, Maria Iacono, ha aderito al comitato Nazionale “ RC-AUTO- Tariffa Italia”, lo stesso comitato ha promosso , su tutto il territorio Italiano, una proposta di Legge  d’iniziativa popolare per allineare le tariffe RC auto applicate in Italia al resto d’Europa.

La stessa,  Maria Iacono, è tra i firmatari di una proposta di legge, già depositata alla Camera, con la quale si chiede l’introduzione di un sistema tariffario più equo e giusto.

“Con la proposta di Legge “RC auto Tariffa Italia”-afferma la Iacono- si vuole l’introduzione dell’obbligo per le compagnie assicurative di applicare una tariffa unica nazionale (la più bassa) a tutti gli assicurati che non abbiano causato incidenti negli ultimi cinque anni, l’introduzione di tale obbligo comporterebbe effetti positivi consistenti nel risparmio per i cittadini che vivono nelle regioni del sud  ove le compagnie attualmente applicano le tariffe maggiori. Nelle  Province del Mezzogiorno , infatti, si registrano le tariffe RC Auto più alte d’Italia e d’Europa ed un cittadino che risiede in un Comune del Sud, a parità di sinistrosità, è costretto a pagare per il  premio assicurativo fino al triplo rispetto ad un cittadino che risiede in altre regioni d’Italia.

Maria Iacono

Maria Iacono

Tale forte disuguaglianza-continua la parlamentare del Pd- emerge dai dati pubblicati dall’Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni e talune compagnie assicurative inviano disdetta della polizza anche nei confronti di clienti che non hanno comportamenti anomali. Tale situazione sta determinando una distorsione del mercato mediante l’applicazione di tariffe sproporzionate, il tutto grazie ad una normativa inadeguata a garantire la tutela e l’eguaglianza dei consumatori, a prescindere dalla provincia di residenza.

La ratio ispiratrice della proposta della legge di iniziativa popolare unitamente alla proposta già depositata alla Camera, è quella di  tutelare il diritto ed il principio dell’ uguaglianza dei consumatori.

Nei prossimi giorni-conclude Maria Iacono-promuoveremo una campagna informativa, rivolta ai cittadini della provincia di Agrigento con la quale daremo comunicazione delle iniziative da intraprendere sul territorio.”

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *