Sull’antica Ferrovia degli scrittori con il Treno storico del Kaos

|




Dalla stazione centrale di Catania alla volta della Valle dei Templi e della Vigata di Camilleri. Un viaggio affascinante nel cuore della Sicilia. Previste fermate nelle stazioni di Enna, Caltanissetta, Racalmuto e Grotte.

Treno storico letterario del kaos01

Fondazione FS Italiane e Ferrovie Kaos organizzano un evento ferroviario unico nel suo genere in Sicilia.

Il prossimo 9 Novembre , dalla stazione di Catania Centrale partirà, alla volta della Valle dei templi di Agrigento e della Vigata di Andrea Camilleri, il primo Treno storico letterario del Kaos che percorrerà l’antica Ferrovia degli scrittori. Il treno sarà effettuato utilizzando locomotive e carrozze d’epoca che consentiranno ai viaggiatori di vivere un vero e proprio viaggio nel tempo. La partenza è prevista dalla stazione di Catania Centrale, con raduno dei partecipanti programmato per le 8.15 del mattino di domenica 9 Novembre 2014. Terminate le procedure di incarrozzamento il treno storico inizierà il suo affascinante viaggio, attraversando l’entroterra siciliano.

Previste fermate nelle principali stazioni storiche come Enna, Villarosa, Caltanissetta, Canicattì, Racalmuto – il paese di Leonardo Sciascia – e Grotte. L’arrivo a destinazione è previsto intorno alle 12.15 presso l’ottocentesca stazione ferroviaria di Porto Empedocle C.le. Sarà dunque possibile effettuare una escursione dell’impianto storico, sede operativa di Ferrovie Kaos, per approfondire le conoscenze sulle ferrovie siciliane. Alle 13 è in programma un pranzo a cestino presso la stazione. Successivamente sarà possibile visitare il centro storico di Vigata, i luoghi dei romanzi di Andrea Camilleri, come la Torre Carlo V. Alle 15.30 il treno ripartirà in direzione valle dei templi: alla fermata del tempio di Vulcano, infatti, è in programma una visita guidata del Giardino della Kolymbetra, bene del FAI unico nel suo genere, e una breve passeggiata al tramonto presso le rovine del tempio di Castore e Polluce. Alle 17.30 il treno storico riprenderà la via del ritorno, raggiungendo Catania in serata.

Per partecipare all’iniziativa è necessario prenotare il proprio posto a bordo del treno storico presso l’Agenzia Garmon viaggi di Catania, chiamando al numero 095 7221422 o inviando una mail all’indirizzo mailing@garmonviaggi.it . Si raccomanda di prenotare con largo anticipo. Il costo di partecipazione è di 30 euro a persona per gli adulti e di 20 euro per i ragazzi fino a 12 anni non compiuti. Non saranno ammessi a bordo viaggiatori che non abbiano provveduto a prenotare la propria partecipazione presso i canali indicati. La quota comprende il viaggio in treno storico, tutte le escursioni guidate, l’assistenza viaggiatori a bordo ed il pranzo in stazione a Porto Empedocle (piattino con mignon di tavola calda).  A richiesta è possibile effettuare pranzo in ristorante a Porto Empedocle, pagando un supplemento di 12 euro, comunicando il tutto all’agenzia entro mercoledì 5 novembre 2014.

“Per la prima volta dopo anni – si legge in una nota dell’associazione Ferrovie Kaos – si torna ad organizzare, grazie alla lungimiranza di Fondazione FS Italiane e del suo direttore Ing. Luigi Cantamessa, un treno storico con partenza dalle zone orientali della Sicilia. Offriremo a tanti abitanti del catanese, dell’ennese, del nisseno e dell’entroterra dell’isola, la possibilità di vivere una esperienza che li catapulterà indietro di quasi un secolo. I viaggiatori avranno, per una giornata, il privilegio di respirare odori ormai dimenticati, di ascoltare suoni di un altro tempo, di vedere paesaggi e colori di una Sicilia inimmaginabile e perduta. A bordo del convoglio storico, composto dalle leggendarie  centoporte e da una carrozza tipo 59, vi sarà anche la possibilità di usufruire del servizio bar, tradizione consolidatasi negli ultimi anni sui “binari storici” della Sicilia grazie agli amici dell’associazione Trenodoc di Palermo.  L’appuntamento è dunque per il 9 Novembre, per un altro affascinante viaggio sui binari senza tempo del nostro territorio”, conclude la nota.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *