“Sulla statale 189 si è consumato il fallimento della politica”

|




E’ quanto denuncia il Segretario Provinciale della Uil di Agrigento Gero Acquisto, che rimprovera ai parlamentari nazionali e regionali della provincia di non aver fatto sentire la loro voce.

Statale 189 (Foto archivio)

“Sulla ss. 189 si è consumato il fallimento della politica e del sistema dei lavori pubblici, adesso pagheranno solo i lavoratori e i cittadini?”

E’ quanto denuncia in una nota il Segretario Provinciale della UIL di Agrigento Gero Acquisto dopo i primi licenziamenti sul cantiere della Palermo-Agrigento nel tratto Bolognetta-Lercara”.

“E’ vero-sostiene Acquisto- che nell’accordo sindacale è prevista la clausola del riassorbimento, ma ci chiediamo il governo nazionale e l’Anas perché nel contenzioso in corso non hanno mosso un dito? Eppure c’erano tutte le condizioni per non bloccare il cantiere con le conseguenze catastrofiche per i livelli occupazionali, economici e sociali”.

Gero Acquisto, segretario Uil

“E adesso vogliamo ancora una volta capire-continua il Segretario della Uil- perché il cantiere dei 1000 giorni e lo stanziamento hanno subito tutti questi ritardi, perché ci sono stati tutti questi sconvolgimenti al progetto esecutivo, qualcuno ha delle responsabilità e non possono essere sottaciute. Dispiace constatare che tutti i parlamentari regionali e nazionali agrigentini non hanno sbattuto i pugni, questo segna un altro fallimento conclamato dalla politica decidente nella sua interezza”.

“L’ammodernamento della ss.189-continua ancora Acquisto- era attesa da anni e per tre province doveva apportare un rilancio economico, sociale e perequativo a livello infrastrutturale e invece siamo qui come sindacato a difendere allo strenuo la sorte di questi lavoratori che non hanno nessuna responsabilità per questo ping pong di ricorsi”.

“Seguiremo il prosieguo della situazione perché è inaccettabile che i lavori non possano ripartire e si possano penalizzare 25 mila pendolari e una trentina di comunità a cavallo delle province agrigentine, nissene e palermitane per questi ritardi e imprevisti che tutta la gente e le forze sindacali e  del territorio-conclude Gero Acquisto- respingono con forza”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *