Stancheris: “La Valle dei Templi non deve essere solo un luogo di passaggio”

|




Incontro dell’assessore regionale al Turismo con gli albergatori di Agrigento.

Un momento dell'incontro

Un momento dell’incontro

L’assessore regionale al turismo Michela Stancheris ha belle idee e buone intenzioni rispetto ai tanti problemi del settore turistico agrigentino, e le ha manifestate ieri in un incontro con gli albergatori della città.

Fatta salva, naturalmente, la possibilità che non se ne faccia  niente se la Stancheris dovesse improvvisamente scoprire, come è già avvenuto, che non ci sono soldi per potere operare.

L’incontro è stato promosso dal deputato regionale Michele Cimino ed era  finalizzato ad  una  pianificazione di interventi a sostegno dell’imprenditoria agrigentina per rilanciare il turismo nella Città dei Templi, quale potenziale per una ripresa economica ed occupazionale della nostra provincia.

Presente, oltre al presidente di Federalberghi, Francesco Picarella e numerosi titolari di strutture recettive, anche il Dirigente regionale ai Beni Culturali, Rino Giglione.

“Supportare un lavoro di pubblicità e promozione di questo territorio affinché la Valle diventi la miglior pubblicità per tante altre cose e non solo luogo di passaggio– ha detto l’assessore agli albergatori- aggiungendo: ”Pensiamo di creare itinerari turistici-paesaggistici e culturali oltre la Valle, che possano interessare dalla “Strada degli Scrittori”, ai vini, all’offerta di mare come la Scala dei Turchi, realizzando un’offerta completa. Inoltre, l’idea di creare un pacchetto turistico che propone volo, museo, Valle ed hotel, potrebbe essere un’idea realizzabile con un’apertura da parte dei Beni Culturali, ciò consentirebbe agli albergatori di vendere anticipatamente il biglietto. Una programmazione necessaria perché ormai si lavora sulle linee di un turismo globalizzato, in cui la pretesa è di un anno di anticipo rispetto alla proposta e ciò può preservare alcune iniziative come la Sagra del Mandorlo in Fiore, che sono storiche per Agrigento, potrebbe essere un impegno per il 2015”.

Non solo la provincia di Agrigento, tra i punti trattati ma riflettori accesi sul centro storico di Agrigento. E’ quanto hanno sottolineato gli albergatori. “Abbiamo cercato di riprogrammare- afferma Francesco Picarella– le dinamiche burocratiche della regione in merito agli eventi in programma nell’ agenda del governo Crocetta. Finora è mancata una unicità di intenti. Durante l’incontro abbiamo presentato all’assessore un territorio bello come la nostra provincia ed in particolare Agrigento centro ed inoltre, confermiamo la nostra disponibilità a collaborare per la riapertura del Palacongressi, avviando, cosi, un potenziale percorso di turismo congressuale”.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *