Le Rubriche

I cilindri del potere e le città vuote nelle opere

News image

Si conclude oggi nella galleria dello studio fotografico "Riflessi" di ...

Sabato, 8 Marzo 2014

Leggi tutto

Il filo rosso delle storie di "Donne allo specchio

News image

Un contributo letterario con forte valenza sociale nella raccolta di ...

Giovedì, 6 Marzo 2014

Leggi tutto

E Matteo il Magnifico si prese l'Italia

News image

E' bastato un blitz durato poche settimane e la determinazione ...

Sabato, 1 Marzo 2014

Leggi tutto

Rubriche - Vesper

Sciacca non ha dimenticato la storia di Domenico "Mimmo" Marchica, giovane pescatore subacqueo morto durante un'immersione nell'estate del 1977.

 Mimmo MarchicaVittorio si alza da tavola. Ha appena finito di pranzare. E sta sorseggiando il caffè mentre, dal balcone della sua casa di via Gramsci, osserva il mare di Sciacca. Una splendida abitudine, la sua. Anche quel pomeriggio ammira il panorama mozzafiato che gli offre il sole che si staglia sul mare: uno spettacolo emozionante e ancora oggi inimitabile. Lo sguardo di Vittorio è improvvisamente attratto da un particolare. Sul molo di ponente intravede un capannello di gente.

Da lontano non capisce cosa ci facciano lì tutte quelle persone assiepate, molte delle quali guardano giù, sotto il pelo dell'acqua. Può solo intuire che deve essere successo qualcosa. Esce dal portone e si dirige nel piazzale di Gaie di Garaffe. Si avvicina all'assembramento. L' atmosfera non è buona, percepisce un brusio sempre più insistente. Poi una, due, tre voci in successione che ripetono lo stesso refrain: - Murìu Mimmu, murìu Mimmu...Vittorio continua a camminare verso il gruppo.

Non sa ancora di quale Mimmo stiano parlando. Eppure Sciacca non è grande, allo Stazzone non sono poi molti quelli che si chiamano così. Ma il suo inconscio gli impedisce ancora di pensare al suo più caro amico. A lui, a Mimmo Marchica, leader degli "stazzunara", sportivo e abile appassionato di pesca subacquea. Vittorio realizzerà che si tratta proprio di lui solo nel momento in cui, dalla banchina, un possente agente di polizia, aiutato da un paio di volontari, ne prende in braccio il corpo esanime. Si avvicina all'amico, Vittorio. Non pensa ad altro che a fare qualcosa di utile. Istintivamente gli apre la zip della muta da sub. Il petto di Mimmo non sembra gonfio come, ragionevolmente, dovrebbe essere quello di uno che può aver ingoiato un bel po' d'acqua. Gli pare persino di percepire un sussulto respiratorio. Accenna ad un massaggio cardiaco, per quello che può saperne lui che lavora all'Enel. L'ambulanza intanto è arrivata. Il ragazzo viene trasportato d'urgenza in ospedale. Corsa inutile, purtroppo. Mimmo Marchica, 24 anni, brillante studente di medicina, vi giunge morto. Probabilmente per sincope da apnea prolungata. Lo sconcerto si abbatte su Sciacca. E' il primo pomeriggio di martedì, 23 agosto 1977. È il giorno della storia di Mimmo che cambia il suo corso, della sua vita che si spezza, dello spartiacque che cambia la vita della sua famiglia e dei suoi amici.
Sportivo, compagnone, organizzatore di spedizioni in quel mare da lui amatissimo ma che sarà la sua trappola mortale, è uno che fermo non ci sa proprio stare, Mimmo Marchica. Di quel giorno nella memoria collettiva degli "stazzunara" resterà iconoclastica la sua Fiat 500, rimasta parcheggiata vicino al molo, ad attenderne invano il ritorno da quell'immersione fatale. Quella 500 che lo rendeva riconoscibile a tutti, che anche quel giorno fece dire a più di qualcuno:
- Taliàti, Mimmo a moddu è. Chidda è 'a machina. Capaci chi sta circannu
"pizzicannacchi" (così qui chiamano la tipica granseola).

Sciacca. Il molo vecchioA Mimmo la sua Fiat 500 lo aveva accompagnato in mille scorribande. Perché se a Sciacca, come spesso accade ancora, lo scirocco impedisce di tuffarsi, lui chiamava a raccolta i suoi amici fraterni, tutti come lui amanti del mare: Vittorio, Roberto, Nino, Anselmo. Li costringeva a seguirlo a Palermo. A Sferracavallo, o all'Addaura. D'altra parte, per Mimmo, un posto valeva l'altro per una bella immersione, a godere dei fondali, a caccia di un grosso pesce ovviamente da mangiare la sera in uno schiticchio con tanto di carbonella intonando le canzoni di Lucio Battisti. E non era stato forse il minuscolo bagagliaio della sua Fiat 500 che una volta aveva ospitato perfino una cernia da 18 kg, pescata poco proprio prima e portata in processione allo Stazzone?
Poco tempo prima di quel maledetto 23 agosto '77 amici e parenti si erano già preoccupati per lui. Da ore nessuno aveva notizie. La madre di Mimmo allertò Anselmo e Vittorio, pregandoli di andarlo a cercare. La notte prima su Sciacca aveva piovuto. Il maltempo aveva reso il mare torbido, e l'oscurità aveva impedito a Mimmo di immergersi per la caccia subacquea che aveva programmato.
Ma poteva tornarsene a casa così, senza aver fatto niente? Ecco che, dunque, Mimmo rimediò con una raccolta di "babbaluci". Lo ritrovarono a Maragani, tra il mare e la campagna, soddisfatto della raccolta ma dispiaciuto di aver fatto stare in pena tutti. Perché non riusciva a stare fermo, quello lì. Il fucile di Mimmo fu recuperato dal suo amico Vittorio. Ad autorizzarlo fu la magistratura. Era là, sott'acqua, appoggiato su uno scoglio. Durante la sua immersione Mimmo aveva chiesto a qualcuno che dalla sua auto gli portassero la sua lampada subacquea. C'era un pesce che non voleva saperne di finire nel mirino. Lui risaliva, prendeva fiato e tornava giù. Due ragazzini divertiti cronometravano il tempo che Mimmo riusciva a stare in apnea: quarantotto secondi, un minuto e venti, un minuto e quaranta. Si erano esaltati, i due. Poi però il cronometro era andato avanti. Troppo avanti, ma Mimmo non era ancora risalito. L'apnea prolungata fa perdere lucidità.
Alla memoria di Mimmo Marchica è stato intitolato il Circolo nautico "Il Corallo", fondato appena un paio di settimane prima della sua morte. A proporre quella intitolazione fu un altro suo grande amico: Gaspare Falautano. Lo fece il giorno stesso dei funerali del giovane. Una lapide fu poi deposta sott' acqua, proprio sullo scoglio dove Mimmo Marchica perse la vita. Ma il tempo e le mareggiate l'hanno fatta sparire.
Sono passati trentacinque anni da quel martedì pomeriggio del 1977. Vittorio ora è in pensione. Ancora oggi, ogni giorno, dopo mangiato, si alza da tavola e, dalla veranda della sua casa di via Gramsci, osserva il mare azzurro di Sciacca. E ripensa, commosso, a quella canaglia di Mimmo, che non riusciva mai a stare fermo.

Massimo D'Antoni

PROVINCIA E DINTORNI

Indietro Avanti

Frane di Agrigento: "La furia edifica…

Frane di Agrigento:

Nota di Legambiente. "Questa città è tra gli esempi più chiari della condizione in cui vivono molti milioni di italiani, i quali sono soggetti a gravi condizioni di rischio senza nemmeno averne consapevolezza" L'evento franoso che ha interessato una porzione del versante calcarenico-argilloso che sovrasta il Viale della Vittoria è riconducibile ad una alcune cause strutturali dovute principalmente...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"Rispetto e centralità della donna ne…

La prlamentare del Pd Maria Iacono auspica ulteriori passi in avanti per l'acquisizione di una cultura che abbia come elemento caratteristico maggiore considerazione verso il ruolo della donna "In un momento come quello attuale nel quale le donne sono ancora vittime di violenza, emarginazione sociale e discriminazioni di ogni ordine e grado, la giornata internazionale delle donne deve...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Favara, presentato al Papiro "Donne a…

Favara, presentato al Papiro

Il libro di Daniela Spalanca al centro di un confronto ricco di riflessioni profonde Sara, Anna, Roberta, Paola, Marina e Valeria. Sei donne, con storie diverse e contesti diversi. Sei donne con età diverse. Ma l'elenco potrebbe essere più lungo. Sulle storie, tratte da storie vere, ci ha costruito un bel romanzo la giornalista di Agrigento Daniela Spalanca....

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Agrigento: "Urgente una ricognizione …

Agrigento:

Il geologo Antonio Calamita, vice presidente del WWF, interviene sulla frana del costone del Viale della Vittoria, ne spiega le cause e avverte che non bisogna perdere tempo se si vogliono prevenire altri eventi del genere Che vi fosse un problema idrogeologico nella zona a monte dei palazzi Crea del Viale della Vittoria lo sapevamo tutti, anche perchè...

Antonio Calamita 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"Green Italia", costituito il "Comita…

Quattro gli agrigentini che ne fanno Parte: Rosa Galluzzo, Mimmo Fontana, Giuseppe Grimaldi e Claudia Casa Costituita ufficialmente la nuova casa politica degli ecologisti italiani.Sono quattro gli agrigentini chiamati a far parte del "Comitato dei 100", organismo che punterà alla diffusione sui territori delle idee del nuovo movimento politico che, nelle prossime settimane, sarà presentato anche nella Città...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Castrofilippo, Carnevale spostato a d…

Castrofilippo, Carnevale spostato a domenica

Il programma delle iniziative Anche il Carnevale di Castrofilippo ha dovuto fare i conti con il maltempo che in questi giorni è imperversato sulla Sicilia.Sferrazza Gli organizzatori, quindi, non hanno potuto fare a meno di rinviare tutte le iniziative previste a domenica 9 marzo. Lo annunciano in un comunicato il sindaco, Calogero Sferrazza, e l'assessore al Turismo Angela...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Edilizia scolastica, la Provincia chi…

Edilizia scolastica, la Provincia chiede finanziamenti alla Regione

Serviranno per la costruzione di due istituti a Sciacca e a Campobello di Licata Chiesta l'ammissione, alla Regione, al finanziamento per la costruzione di due istituti scolastici della Provincia. Si tratta del Liceo Scientifico Fermi di Sciacca e dell'I.T.C. di Campobello di Licata. Le istanze riguardano il decreto dell'Assessorato Regionale dell'Istruzione e della Formazione Professionale del 23 dicembre...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"No a Finanziaria bis lacrime e sangu…

Dichiarazione di Venturino, Gianni e Cimino "La finanziaria bis dell'assessore Bianchi non può essere una riscrittura lacrime e sangue dei dicktat della burocrazia romana".A dichiararlo sono il vice presidente dell'Ars Antonio Venturino, P.S.E, ed i deputati Michele Cimino, Voce Siciliana, e Pippo Gianni Centro Democratico."Non si possono penalizzare in un momento di stagnazione economica leimprese, il lavoro, l'università...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

CGIL, Iacono: "Esprimo compiacimento …

CGIL, Iacono:

Dichiarazione della parlamentare del Pd sul rinnovo delle cariche direttive del sindacato Maria Iacono, parlamentare nazionale del Pd interviene sul rinnovo delle cariche direttive della CGIL. "Salutdichiara- con soddisfazione e compiacimento la rielezione di Massimo Raso alla guida della CGIL agrigentina e dei nuovi vertici provinciali delle sigle di categoria.Tali riconferme costituiscono il segno evidente dell'ottimo lavoro svolto...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Gela, "I nuovi linguaggi della politi…

Gela,

Venerdì 14 marzo  incontro organizzato dall'Associazione CIFRA. Relatori Francesco Pira e Marco Trainito "I NUOVI LINGUAGGI DELLA POLITICA- Dalla retorica a Facebook,Twitter e Youtube- Dal "Vaffa" a "stai sereno".Questo il tema di un incontro che si svolgerà a Gela il prossimo venerdì 14 marzo organizzato dall'Associazione CIFRA (Cultura, Istruzione,Formazione, Ricerca, Autonomia) presieduta dal dottor Emanuele Antonuzzo, che introdurrà...

Redazione 06 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Sciascia e Malgrado Tutto 

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/649271slide01.jpg

Leonardo Sciascia

“Ho tentato di raccontare qualcosa della vita di un paese che amo e spero di aver dato il senso di quanto lontana sia questa vita dalla libertà e dalla giustizia, cioè dalla ragione…. Tutti amiamo il luogo in cui siamo nati, ma Racalmuto è davvero un paese straordinario”.

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/139987slide02.jpg

Leonardo Sciascia

“Malgrado tutto”: per il mio amico Bufalino – e anche per me – è il più bel titolo che si sia mai trovato per un giornale. Malgrè tout: un francesismo, direbbero i puristi che contiene una visione delle cose illuministica, diderotiana.Malgrado tutto, Ottobre 1987

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/661701slide03.jpg

Leonardo Sciascia

I giornali locali dovrebbero fare opposizione seria sui fatti quotidiani, sulle cose da fare, prendendo così il ruolo di opposizione vera che in molte amministrazioni viene mancando. Opposizione quindi non per principio, per il gusto di farla: ma opposizione sulle cose concrete.Malgrado tutto, aprile 1985

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/416423slide04.jpg

Leonardo Sciascia

La democrazia, da noi, è più forma che sostanza. Non basta che i cittadini votino – e da noi si vota continuamente, troppo – perché un paese possa dirsi democratico. Il banco di prova è l’amministrazione della giustizia. E si suol dire, retoricamente, che l’Italia è la culla del diritto: e invece ne è la bara.Malgrado tutto, giugno 1984

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/133702slide05.jpg

Leonardo Sciascia

Ci sono i magistrati buoni, ottimi, perfetti: ma le leggi non servono contro i buoni cittadini, servono contro i cattivi; quindi è contro il cattivo magistrato che si vuole avere una regolamentazione, una disciplina, al di là di quelle che già ci sono e non funzionano.Malgrado tutto, agosto 1986

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/505851slide06.jpg

Leonardo Sciascia

E’ stato detto – ed è vero – che non c’è fotografia che nel giro di pochi anni non diventi bella per quel che vi si cristallizza di nostalgia, di rimpianto, di sentimento personale o collettivo. E insomma: perché è un ricordo. Malgrado tutto, giugno 1985

Newsletter di Malgrado Tutto Web