Le Rubriche

I cilindri del potere e le città vuote nelle opere

News image

Si conclude oggi nella galleria dello studio fotografico "Riflessi" di ...

Sabato, 8 Marzo 2014

Leggi tutto

Il filo rosso delle storie di "Donne allo specchio

News image

Un contributo letterario con forte valenza sociale nella raccolta di ...

Giovedì, 6 Marzo 2014

Leggi tutto

E Matteo il Magnifico si prese l'Italia

News image

E' bastato un blitz durato poche settimane e la determinazione ...

Sabato, 1 Marzo 2014

Leggi tutto

Rubriche - Burnia

Governo Renzi: l'opinione di Antonio Liotta

altLa realtà politica di queste ultime settimane è ricchissima di fatti che acquistano, inevitabilmente, valore di storia, sono la storia con cui ci rapporteremo ora, domani e nei mesi ed anni che sono davanti a noi.
Nello spirito e senso della rubrica "burnia" è fondamentale analizzare quanto passa, a velocità supersonica, sotto i nostri occhi. Metteremo tutto nello scaffale a "futura memoria" anche se non ci compete il ruolo divinatorio, ma semplicemente, quello dell'analisi -appunto- dei fatti.
Nasce il Governo Renzi. Matteo Renzi Uno, a presagire chissà quali e quanti altri numeri.

Matteo Renzi, erede postumo della generazione del 'tutto e subito', ha saputo mettere in atto una straordinaria strategia -per ora vincente- che applica pienamente ed integralmente il pensiero machiavellico che si fonda sull'utilizzo di qualunque mezzo al fine di raggiungere le finalità desiderate.
Il primo elemento strategico messo in atto da Renzi è dettato da una grande furbizia: l'economia inizia ad invertire la rotta e tutti gli indicatori portano alla previsione di uno sviluppo che si tradurrà -sicuramente- in aumento dell'occupazione e quindi in un rilancio dell'economia reale.
Il secondo elemento è basato sulla precisa individuazione dell'autore del 'rilancio' che per forza è sempre lui e nessun altro. Che senso avrebbe avuto affidare il 'rilancio' a Gianni Letta anche in previsione della vicina prossima campagna elettorale di maggio per il rinnovo del Parlamento Europeo e del successivo semestre di Presidenza affidata propria all'Italia?
Renzi che arriva alla travolgente vittoria delle primarie e diventa segretario del Partito Democratico, capisce che bisogna accelerare, passare su tutti come un bulldozer e parlare di orizzonte elettorale sino alla fine della legislatura. Che notizia per i Deputati ed i Senatori sotto minaccia continua di elezioni vicine vicinissime con il pericolo costante di un conseguente ritorno a casa e con la certezza, invece, che non saranno più i privilegiati arrivati al Parlamento solo perché nominati.
Ed allora, velocità, cambiamento radicale, via Letta e programma politico di lungo respiro pur nella consapevolezza di Renzi che il suo è un posizionamento su una trave sospesa con in mano un bilanciere e senza rete di protezione. Rischiatutto, recitava una vecchia trasmissione Rai!.
In tutto questo contesto, si verificano tre fatti importanti determinati e guidati da Renzi: primo, accordo istituzionale con vero respiro dello statista, con il caimano Berlusconi che va a casa del Partito Democratico nonostante i nasi storti e le narici otturate di molti militanti; secondo, il posizionamento di Angelino Alfano che cerca di recitare il ruolo del 'temporeggiatore' anche se consapevolmente sa che non può tirare la corda perché rischia di annullare l'operazione politica dello 'strappo' con Forza Italia (e con Berlusconi) e che -in ogni caso- viene ridimensionato nel suo ruolo politico rinunziando alla vice-presidenza di Primo Ministro; terzo, il capolavoro di Renzi nel rendere nudo il re Grillo che dimostra tutta la sua incapacità politica nelle consultazioni pre-governo facendo registrare il più grande flop del suo movimento pentastellato ed evidenziando il vero volto del comico. Sì, perché protestare su tutto e contro tutto mostra solo i limiti di chi si trova fuori dalla storia e non sa leggere l'evidenza reale dei fatti.
Saprà navigare Matteo Renzi in questo mare non proprio sereno con trappole posizionate dentro e fuori tutti i partiti?
La metodologia che Renzi ha utilizzato è sicuramente vincente; infatti, ha privilegiato i contenuti, i programmi ai nomi e mettendo in riga, ognuno per i propri interessi di bottega, tutte le forze politiche che sono costrette a dargli forza per rendere utile conto ai propri elettori sostenendo che, in fondo, si realizzerà quanto loro hanno previsto ed auspicato.
Che dire, un vero capolavoro strategico e tattico e tempistico di Matteo Renzi.
Se è vero, ma lo vedremo nelle prossime settimane, nei prossimi mesi, verranno avviate: una riforma del lavoro che prevederà una maggiore flessibilità dei contratti; una riduzione del cuneo fiscale con possibile maggiore tassazione delle rendite finanziarie; riforme istituzionali a partire da quella elettorale, del Senato, ecc; lotta concreta ed ogni forma di evasione; semplificazione della macchina dello Stato e della burocrazia.
Se tutto questo si verificherà, significa che in Italia viene, verrà realizzato un programma di politica socialdemocratica e non liberale come qualcuno sostiene.
Se avremo ritardi o mancate riforme sarà lo stesso Renzi che sosterrà l'inefficacia degli altri e darà la responsabilità a chi non lo ha fatto lavorare.
Il 22 febbraio 2014, giorno del giuramento di fedeltà alla Repubblica, con la presentazione di un Consiglio dei Ministri snello, qualificato, a parità di genere, si può affermare che la democrazia in Italia non è morta e che il guascone fiorentino Matteo Renzi può segnare l'inizio di una nuova storia dove non c'è posto per caimani e comici.

Antonio Liotta

PROVINCIA E DINTORNI

Indietro Avanti

Frane di Agrigento: "La furia edifica…

Frane di Agrigento:

Nota di Legambiente. "Questa città è tra gli esempi più chiari della condizione in cui vivono molti milioni di italiani, i quali sono soggetti a gravi condizioni di rischio senza nemmeno averne consapevolezza" L'evento franoso che ha interessato una porzione del versante calcarenico-argilloso che sovrasta il Viale della Vittoria è riconducibile ad una alcune cause strutturali dovute principalmente...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"Rispetto e centralità della donna ne…

La prlamentare del Pd Maria Iacono auspica ulteriori passi in avanti per l'acquisizione di una cultura che abbia come elemento caratteristico maggiore considerazione verso il ruolo della donna "In un momento come quello attuale nel quale le donne sono ancora vittime di violenza, emarginazione sociale e discriminazioni di ogni ordine e grado, la giornata internazionale delle donne deve...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Favara, presentato al Papiro "Donne a…

Favara, presentato al Papiro

Il libro di Daniela Spalanca al centro di un confronto ricco di riflessioni profonde Sara, Anna, Roberta, Paola, Marina e Valeria. Sei donne, con storie diverse e contesti diversi. Sei donne con età diverse. Ma l'elenco potrebbe essere più lungo. Sulle storie, tratte da storie vere, ci ha costruito un bel romanzo la giornalista di Agrigento Daniela Spalanca....

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Agrigento: "Urgente una ricognizione …

Agrigento:

Il geologo Antonio Calamita, vice presidente del WWF, interviene sulla frana del costone del Viale della Vittoria, ne spiega le cause e avverte che non bisogna perdere tempo se si vogliono prevenire altri eventi del genere Che vi fosse un problema idrogeologico nella zona a monte dei palazzi Crea del Viale della Vittoria lo sapevamo tutti, anche perchè...

Antonio Calamita 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"Green Italia", costituito il "Comita…

Quattro gli agrigentini che ne fanno Parte: Rosa Galluzzo, Mimmo Fontana, Giuseppe Grimaldi e Claudia Casa Costituita ufficialmente la nuova casa politica degli ecologisti italiani.Sono quattro gli agrigentini chiamati a far parte del "Comitato dei 100", organismo che punterà alla diffusione sui territori delle idee del nuovo movimento politico che, nelle prossime settimane, sarà presentato anche nella Città...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Castrofilippo, Carnevale spostato a d…

Castrofilippo, Carnevale spostato a domenica

Il programma delle iniziative Anche il Carnevale di Castrofilippo ha dovuto fare i conti con il maltempo che in questi giorni è imperversato sulla Sicilia.Sferrazza Gli organizzatori, quindi, non hanno potuto fare a meno di rinviare tutte le iniziative previste a domenica 9 marzo. Lo annunciano in un comunicato il sindaco, Calogero Sferrazza, e l'assessore al Turismo Angela...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Edilizia scolastica, la Provincia chi…

Edilizia scolastica, la Provincia chiede finanziamenti alla Regione

Serviranno per la costruzione di due istituti a Sciacca e a Campobello di Licata Chiesta l'ammissione, alla Regione, al finanziamento per la costruzione di due istituti scolastici della Provincia. Si tratta del Liceo Scientifico Fermi di Sciacca e dell'I.T.C. di Campobello di Licata. Le istanze riguardano il decreto dell'Assessorato Regionale dell'Istruzione e della Formazione Professionale del 23 dicembre...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"No a Finanziaria bis lacrime e sangu…

Dichiarazione di Venturino, Gianni e Cimino "La finanziaria bis dell'assessore Bianchi non può essere una riscrittura lacrime e sangue dei dicktat della burocrazia romana".A dichiararlo sono il vice presidente dell'Ars Antonio Venturino, P.S.E, ed i deputati Michele Cimino, Voce Siciliana, e Pippo Gianni Centro Democratico."Non si possono penalizzare in un momento di stagnazione economica leimprese, il lavoro, l'università...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

CGIL, Iacono: "Esprimo compiacimento …

CGIL, Iacono:

Dichiarazione della parlamentare del Pd sul rinnovo delle cariche direttive del sindacato Maria Iacono, parlamentare nazionale del Pd interviene sul rinnovo delle cariche direttive della CGIL. "Salutdichiara- con soddisfazione e compiacimento la rielezione di Massimo Raso alla guida della CGIL agrigentina e dei nuovi vertici provinciali delle sigle di categoria.Tali riconferme costituiscono il segno evidente dell'ottimo lavoro svolto...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Gela, "I nuovi linguaggi della politi…

Gela,

Venerdì 14 marzo  incontro organizzato dall'Associazione CIFRA. Relatori Francesco Pira e Marco Trainito "I NUOVI LINGUAGGI DELLA POLITICA- Dalla retorica a Facebook,Twitter e Youtube- Dal "Vaffa" a "stai sereno".Questo il tema di un incontro che si svolgerà a Gela il prossimo venerdì 14 marzo organizzato dall'Associazione CIFRA (Cultura, Istruzione,Formazione, Ricerca, Autonomia) presieduta dal dottor Emanuele Antonuzzo, che introdurrà...

Redazione 06 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Sciascia e Malgrado Tutto 

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/649271slide01.jpg

Leonardo Sciascia

“Ho tentato di raccontare qualcosa della vita di un paese che amo e spero di aver dato il senso di quanto lontana sia questa vita dalla libertà e dalla giustizia, cioè dalla ragione…. Tutti amiamo il luogo in cui siamo nati, ma Racalmuto è davvero un paese straordinario”.

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/139987slide02.jpg

Leonardo Sciascia

“Malgrado tutto”: per il mio amico Bufalino – e anche per me – è il più bel titolo che si sia mai trovato per un giornale. Malgrè tout: un francesismo, direbbero i puristi che contiene una visione delle cose illuministica, diderotiana.Malgrado tutto, Ottobre 1987

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/661701slide03.jpg

Leonardo Sciascia

I giornali locali dovrebbero fare opposizione seria sui fatti quotidiani, sulle cose da fare, prendendo così il ruolo di opposizione vera che in molte amministrazioni viene mancando. Opposizione quindi non per principio, per il gusto di farla: ma opposizione sulle cose concrete.Malgrado tutto, aprile 1985

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/416423slide04.jpg

Leonardo Sciascia

La democrazia, da noi, è più forma che sostanza. Non basta che i cittadini votino – e da noi si vota continuamente, troppo – perché un paese possa dirsi democratico. Il banco di prova è l’amministrazione della giustizia. E si suol dire, retoricamente, che l’Italia è la culla del diritto: e invece ne è la bara.Malgrado tutto, giugno 1984

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/133702slide05.jpg

Leonardo Sciascia

Ci sono i magistrati buoni, ottimi, perfetti: ma le leggi non servono contro i buoni cittadini, servono contro i cattivi; quindi è contro il cattivo magistrato che si vuole avere una regolamentazione, una disciplina, al di là di quelle che già ci sono e non funzionano.Malgrado tutto, agosto 1986

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/505851slide06.jpg

Leonardo Sciascia

E’ stato detto – ed è vero – che non c’è fotografia che nel giro di pochi anni non diventi bella per quel che vi si cristallizza di nostalgia, di rimpianto, di sentimento personale o collettivo. E insomma: perché è un ricordo. Malgrado tutto, giugno 1985

Newsletter di Malgrado Tutto Web