Le Rubriche

I cilindri del potere e le città vuote nelle opere

News image

Si conclude oggi nella galleria dello studio fotografico "Riflessi" di ...

Sabato, 8 Marzo 2014

Leggi tutto

Il filo rosso delle storie di "Donne allo specchio

News image

Un contributo letterario con forte valenza sociale nella raccolta di ...

Giovedì, 6 Marzo 2014

Leggi tutto

E Matteo il Magnifico si prese l'Italia

News image

E' bastato un blitz durato poche settimane e la determinazione ...

Sabato, 1 Marzo 2014

Leggi tutto

Rubriche - Agrigento racconta

E' in assoluto la prima rievocazione storica dell'arrivo del Santo ad Agrigento. Con il servizio di Anna Maria Scicolone Malgrado tutto anticipa  tutti i particolari dell'evento

altOltre 150 figuranti, inseriti in unico grande corteo, sfileranno nel centro storico di Agrigento, dalle 18 del 22 febbraio. Partiranno dalla piazzetta del Purgatorio fino a giungere a piazza Don Minzoni, passando per via Porcello, Salita Cognata, via San Girolamo, Bibbirria e Duomo. La prima Rievocazione Storica dell'arrivo di San Gerlando, vescovo di Agrigento nel 1088, è uno dei momenti più attesi delle celebrazioni in onore del Santo Patrono, organizzate dall'Arcidiocesi. Vedremo passare, in atteggiamento solenne, i personaggi del tempo: i nobili e il clero, i soldati, gli sbandieratori in festa per l'arrivo del nuovo vescovo. Si rivivranno gli avvenimenti, i riti e le tradizioni della storia medievale di Agrigento.

L'arrivo è previsto intorno alle 20, alla Cattedrale, ai cui piedi ci sarà il momento dell'ambientazione, dell'animazione e dei giochi medievali. Sarà una festa, ma non solo.

 La rievocazione intende promuovere la conoscenza della storia e della cultura di un Agrigento dimenticata, ed è frutto di studio e di documentazione. Sarà una forma di intrattenimento, ma rispecchierà nel modo più autentico gli abiti, le usanze, i momenti storici più importanti. Dietro questo lavoro certosino c'è un insegnante che dedica la sua vita alla Storia e a questa forma di divulgazione. La sua casa è divenuta una specie di museo, dove sono conservati con cura abiti, mantelli, stendardi, pergamene, corone e ogni oggetto è copia fedele di un originale, magari custodito in un vero spazio museale. Si chiama Benedetto Raneri ed è di Comitini. Docente di storia e filosofia al Liceo Artistico Michelangelo e di Storia dell'Arte Medievale ed Estetica all'Accademia di Belle Arti di Agrigento, nonché uno dei tutor e responsabile di sede di un ente di formazione privato. Presiede l'Associazione "La Corte dei Giganti", specializzata nelle rievocazioni storiche.
altCon entusiasmo svela l'intero progetto della Rievocazione di sabato prossimo e come si snoderà il corteo.
"All'inizio partiranno gli sbandieratori di Vicari – anticipa il professor Raneri -; seguiranno gli arcieri, e un gruppo di oltre 70 persone in costume storico".

Tra i figuranti non mancherà la componente araba con la famiglia dell'Emiro, seguita dai servi e delle guardie. Poi, la parte armata, con il gruppo del Tataratà di Casteltermini, che con i loro costumi e la travolgente danza tra duellanti con vere spade sono un riflesso della dominazione araba. I nobili normanni saranno rappresentati dal Corteo Storico di Comitini, con costumi che rievocano vari periodi, dal basso Medio Evo fino al 1300". Ci sarà anche un gruppo di Agrigento, organizzato per la prima volta, che sfilerà con abiti medievali realizzati per l'occasione e ci saranno anche alcuni cavalieri. Questi porteranno solennemente una copia dell'urna di legno, che contiene le spoglie di San Gerlando, perfettamente fedele a quella conservata nell'arca d'argento (che sarà esposta per la prima volta al pubblico, con i puttini, rubati e ritrovati, rimessi al loro posto). "Abbiamo scelto per questa prima volta di non raffigurare il Santo con un personaggio in costume – chiarisce Raneri -; ma San Gerlando comunicherà alla folla, simbolicamente, attraverso le sue spoglie". Dei giovani agrigentini gli staranno intorno con le fiaccole, tutti con abiti medievali storicamente appropriati. Sono i ragazzi che fanno parte del Laboratorio medievale, che si sta allestendo presso la Curia, sotto la guida attenta di don Giuseppe Pontillo, direttore dell'Ufficio Diocesano Beni Culturali. I costumi sono stati acquistati presso rivenditori di abiti d'epoca, altri sono stati realizzati in parrocchia e dalle suore, ma sempre secondo le indicazioni fornite dal professor Raneri. "Gli agrigentini sono venticinque, ma è intenzione, per il futuro, di incrementare il numero". Nel corteo della Rievocazione storica saranno due le voci narranti: quella dell'imperatore Federico, impersonato da Raneri, e quella di Francesca Cumella, nei panni dell'imperatrice, entrambi però privi delle insegne, per onorare San Gerlando. "Tutte le parti drammatizzate e le pergamene saranno lette dalla voce maschile, le altre da Francesca".

A seguito dell'urna ci saranno un cardinale, due vescovi e un gruppo di uomini di Chiesa. Seguiranno i Milites Trinacriae, con le armature pesanti. Ci saranno diversi allestimenti medievali: la gogna, o altri strumenti di tortura, come il "violino", nonché sedie e panche, che verranno disposte in piazza per l'arrivo dei figuranti. Infatti è proprio davanti alla Cattedrale che entreranno in azione i giocolieri, ed è in questo luogo che avverranno i duelli. Non mancheranno le danze, con tre coreografie, una delle quali è quella del "palo medievale con la cordella" (una serie di nastri). Saranno diversi, dunque, i momenti di intrattenimento e di attrazione non soltanto per gli agrigentini, ma anche per visitatori dei comuni vicini e per i turisti: la rievocazione è un evento dal grande valore socio-culturale, ma può avere anche ricadute di natura economica. alt"Assolutamente sì – conferma Raneri -; immaginiamo l'interesse che la ricostruzione fedele di un accampamento militare medievale possa avere per gli alunni delle scuole. È a mio parere il modo più efficace per insegnare la storia e trasmettere dei valori.

Significa tramandare la storia in maniera da affascinare e trasmettere conoscenza in modo più immediato. Pensiamo alle cene medievali, che ormai si realizzano in diverse parti d'Italia. Significa riappropriarsi della propria storia, riscoprire le proprie radici, comprendere meglio da dove veniamo. Una rievocazione storica è una lezione di storia vivente". Raneri crede profondamente nei suoi studi e nelle rievocazioni. "Questa avventura è nata nel 2003 con il Corteo storico di Comitini. Da quel momento siamo stati chiamati a partecipare a numerose rievocazioni storiche in Italia e all'Estero. L'esperienza che ricordo più volentieri è quella di Colonia, in Germania, dove c'è un'ammirazione straordinaria per la corte di Federico II. In Sicilia non abbiamo la stessa cura, la stessa attenzione per un periodo storico così importante della storia. Altrettanto interessante è stata la nostra partecipazione a Malta, dove c'è un vero e proprio culto per le rievocazioni storiche." Fu sin dagli albori che al Corteo Storico di Comitini fu chiesto di realizzare la corte imperiale di Federico, sostituendo la figura centrale, che era quella di un omonimo, Federico II d'Aragona: questi veniva rappresentato come il fantasma di Palazzo Bellacera, storico edificio del 1600 di grande pregio architettonico, che si trova proprio a Comitini.
"Quando in Sicilia cominciò a diffondersi un certo interesse per la Corte Imperiale, noi già giravamo per il mondo. Così – ricorda Raneri – la Presidenza della Regione ci nominò Ambasciatori dell'Identità Siciliana nel mondo".
La formula del Corteo storico di Comitini ruota attorno alla figura di Federico, che coordina tutte le epoche storiche e celebra l'evento, che può essere la fondazione di un Comune, la concessione dello jus populandi o, come in questo caso, l'arrivo del Vescovo Gerlando ad Agrigento. Federico "torna" a rendere omaggio ai grandi dell'epoca storica, anche se non suoi contemporanei. "Ho riproposto anche l'investitura medievale come avveniva in Sicilia, che era molto diversa da quella che viene rappresentata nei film sui cavalieri – sorride Raneri - . Infatti, in Sicilia, il cavaliere poneva le mani in quelle del signore del tempo e costui gli chiedeva fedeltà. Il cavaliere giurava e donava al suo signore la vita. Quest'ultimo allora gli consegnava simbolicamente un pugno di terra della tenuta del feudo che gli veniva concessa, o un ramoscello dell'albero appartenente alla coltivazione: d'olivo, di mandorlo...".

alt"La Rievocazione storica – chiarisce – riproduce una vicenda del passato così com'è avvenuta, attraverso la cura dei costumi e utilizzando un linguaggio più vicino a quello contemporaneo, in modo che sia comprensibile". Ed aggiunge: "Le rievocazioni storiche riescono a trasmettere anche fiducia e speranza. Come quando a Comitini rievochiamo i garibaldini, oppure l'affrancarsi dei contadini dal potere dei signori, o come quando, sabato, mostreremo i vincitori normanni accanto ai musulmani, poiché furono rispettosi dei vinti, e con loro furono capaci di convivere serenamente". In questo modo Raneri riesce a far capire perché siamo così diversi tra noi, perché il nostro sangue è frutto di una convivenza tra popoli diversi, perché siamo il risultato di tante epoche e, pertanto, sentiamo uno stimolo in più per imparare a vivere in armonia con tutti.

Anna Maria Scicolone

PROVINCIA E DINTORNI

Indietro Avanti

Frane di Agrigento: "La furia edifica…

Frane di Agrigento:

Nota di Legambiente. "Questa città è tra gli esempi più chiari della condizione in cui vivono molti milioni di italiani, i quali sono soggetti a gravi condizioni di rischio senza nemmeno averne consapevolezza" L'evento franoso che ha interessato una porzione del versante calcarenico-argilloso che sovrasta il Viale della Vittoria è riconducibile ad una alcune cause strutturali dovute principalmente...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"Rispetto e centralità della donna ne…

La prlamentare del Pd Maria Iacono auspica ulteriori passi in avanti per l'acquisizione di una cultura che abbia come elemento caratteristico maggiore considerazione verso il ruolo della donna "In un momento come quello attuale nel quale le donne sono ancora vittime di violenza, emarginazione sociale e discriminazioni di ogni ordine e grado, la giornata internazionale delle donne deve...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Favara, presentato al Papiro "Donne a…

Favara, presentato al Papiro

Il libro di Daniela Spalanca al centro di un confronto ricco di riflessioni profonde Sara, Anna, Roberta, Paola, Marina e Valeria. Sei donne, con storie diverse e contesti diversi. Sei donne con età diverse. Ma l'elenco potrebbe essere più lungo. Sulle storie, tratte da storie vere, ci ha costruito un bel romanzo la giornalista di Agrigento Daniela Spalanca....

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Agrigento: "Urgente una ricognizione …

Agrigento:

Il geologo Antonio Calamita, vice presidente del WWF, interviene sulla frana del costone del Viale della Vittoria, ne spiega le cause e avverte che non bisogna perdere tempo se si vogliono prevenire altri eventi del genere Che vi fosse un problema idrogeologico nella zona a monte dei palazzi Crea del Viale della Vittoria lo sapevamo tutti, anche perchè...

Antonio Calamita 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"Green Italia", costituito il "Comita…

Quattro gli agrigentini che ne fanno Parte: Rosa Galluzzo, Mimmo Fontana, Giuseppe Grimaldi e Claudia Casa Costituita ufficialmente la nuova casa politica degli ecologisti italiani.Sono quattro gli agrigentini chiamati a far parte del "Comitato dei 100", organismo che punterà alla diffusione sui territori delle idee del nuovo movimento politico che, nelle prossime settimane, sarà presentato anche nella Città...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Castrofilippo, Carnevale spostato a d…

Castrofilippo, Carnevale spostato a domenica

Il programma delle iniziative Anche il Carnevale di Castrofilippo ha dovuto fare i conti con il maltempo che in questi giorni è imperversato sulla Sicilia.Sferrazza Gli organizzatori, quindi, non hanno potuto fare a meno di rinviare tutte le iniziative previste a domenica 9 marzo. Lo annunciano in un comunicato il sindaco, Calogero Sferrazza, e l'assessore al Turismo Angela...

Redazione 08 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Edilizia scolastica, la Provincia chi…

Edilizia scolastica, la Provincia chiede finanziamenti alla Regione

Serviranno per la costruzione di due istituti a Sciacca e a Campobello di Licata Chiesta l'ammissione, alla Regione, al finanziamento per la costruzione di due istituti scolastici della Provincia. Si tratta del Liceo Scientifico Fermi di Sciacca e dell'I.T.C. di Campobello di Licata. Le istanze riguardano il decreto dell'Assessorato Regionale dell'Istruzione e della Formazione Professionale del 23 dicembre...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

"No a Finanziaria bis lacrime e sangu…

Dichiarazione di Venturino, Gianni e Cimino "La finanziaria bis dell'assessore Bianchi non può essere una riscrittura lacrime e sangue dei dicktat della burocrazia romana".A dichiararlo sono il vice presidente dell'Ars Antonio Venturino, P.S.E, ed i deputati Michele Cimino, Voce Siciliana, e Pippo Gianni Centro Democratico."Non si possono penalizzare in un momento di stagnazione economica leimprese, il lavoro, l'università...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

CGIL, Iacono: "Esprimo compiacimento …

CGIL, Iacono:

Dichiarazione della parlamentare del Pd sul rinnovo delle cariche direttive del sindacato Maria Iacono, parlamentare nazionale del Pd interviene sul rinnovo delle cariche direttive della CGIL. "Salutdichiara- con soddisfazione e compiacimento la rielezione di Massimo Raso alla guida della CGIL agrigentina e dei nuovi vertici provinciali delle sigle di categoria.Tali riconferme costituiscono il segno evidente dell'ottimo lavoro svolto...

Redazione 07 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Gela, "I nuovi linguaggi della politi…

Gela,

Venerdì 14 marzo  incontro organizzato dall'Associazione CIFRA. Relatori Francesco Pira e Marco Trainito "I NUOVI LINGUAGGI DELLA POLITICA- Dalla retorica a Facebook,Twitter e Youtube- Dal "Vaffa" a "stai sereno".Questo il tema di un incontro che si svolgerà a Gela il prossimo venerdì 14 marzo organizzato dall'Associazione CIFRA (Cultura, Istruzione,Formazione, Ricerca, Autonomia) presieduta dal dottor Emanuele Antonuzzo, che introdurrà...

Redazione 06 Mar 2014 Notizie Provincia e Dintorni

Sciascia e Malgrado Tutto 

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/649271slide01.jpg

Leonardo Sciascia

“Ho tentato di raccontare qualcosa della vita di un paese che amo e spero di aver dato il senso di quanto lontana sia questa vita dalla libertà e dalla giustizia, cioè dalla ragione…. Tutti amiamo il luogo in cui siamo nati, ma Racalmuto è davvero un paese straordinario”.

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/139987slide02.jpg

Leonardo Sciascia

“Malgrado tutto”: per il mio amico Bufalino – e anche per me – è il più bel titolo che si sia mai trovato per un giornale. Malgrè tout: un francesismo, direbbero i puristi che contiene una visione delle cose illuministica, diderotiana.Malgrado tutto, Ottobre 1987

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/661701slide03.jpg

Leonardo Sciascia

I giornali locali dovrebbero fare opposizione seria sui fatti quotidiani, sulle cose da fare, prendendo così il ruolo di opposizione vera che in molte amministrazioni viene mancando. Opposizione quindi non per principio, per il gusto di farla: ma opposizione sulle cose concrete.Malgrado tutto, aprile 1985

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/416423slide04.jpg

Leonardo Sciascia

La democrazia, da noi, è più forma che sostanza. Non basta che i cittadini votino – e da noi si vota continuamente, troppo – perché un paese possa dirsi democratico. Il banco di prova è l’amministrazione della giustizia. E si suol dire, retoricamente, che l’Italia è la culla del diritto: e invece ne è la bara.Malgrado tutto, giugno 1984

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/133702slide05.jpg

Leonardo Sciascia

Ci sono i magistrati buoni, ottimi, perfetti: ma le leggi non servono contro i buoni cittadini, servono contro i cattivi; quindi è contro il cattivo magistrato che si vuole avere una regolamentazione, una disciplina, al di là di quelle che già ci sono e non funzionano.Malgrado tutto, agosto 1986

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/505851slide06.jpg

Leonardo Sciascia

E’ stato detto – ed è vero – che non c’è fotografia che nel giro di pochi anni non diventi bella per quel che vi si cristallizza di nostalgia, di rimpianto, di sentimento personale o collettivo. E insomma: perché è un ricordo. Malgrado tutto, giugno 1985

Newsletter di Malgrado Tutto Web