Provincia e Dintorni - Notizie Provincia e Dintorni

Il geologo Antonio Calamita, vice presidente del WWF, interviene sulla frana del costone del Viale della Vittoria, ne spiega le cause e avverte che non bisogna perdere tempo se si vogliono prevenire altri eventi del genere

Antonio CalamitaChe vi fosse un problema idrogeologico nella zona a monte dei palazzi Crea del Viale della Vittoria lo sapevamo tutti, anche perchè vi erano state tante e ripetute manifestazioni di colamenti argillosi che arrivavano a lambire il marciapiede, ma quello che è accaduto mercoledì 5, a mio avviso, ha un carattere eccezionale: è franata una parete di calcarenite con il sovrastante muro a gravità e con il retrostante versante argilloso; questa spessa parete si è staccata, lungo una linea preferenziale di distacco, formatasi presumibilmente nel tempo, franando assieme a tutto ciò che la sovrastava sulla porzione occidentale dei palazzi Crea.

La frattura, presuntivamente, era localizzata subito a monte del muro a gravità impostato proprio sul "ciglio" della parete calcarenitica; all'interno di tale frattura le acque di precipitazione meteorica nel tempo hanno avuto la possibilità di esplicare la loro azione dissolvente, di trasporto e di imbibizione, con il risultato finale di destabilizzare la parete calcarenitica.
A questa descrizione sommaria dei luoghi e degli eventi vorrei aggiungere un dettaglio sullo stato della calcarenite di Agrigento. Trattasi di una arenaria sabbiosa con livelli duri cementati alternati a livelli teneri poco cementati; queste variazioni, in un senso o nell'altro, sono sia di tipo laterale che verticale. Ne consegue, anche alla luce di questo nuovo evento disastroso, che non è del tutto corretto assimilare il comportamento meccanico della calcarenite a quello delle rocce coerenti, cementate dure, perchè il loro comportamento è complesso e va assimilato ad una roccia incoerente molto densa, con livelli duri cementati alternati a livelli sabbiosi teneri. Una roccia con tali caratteristiche litologiche e geomeccaniche nel tempo è soggetta all'azione della gravità e degli altri agenti esogeni: acque dilavanti, acque di percolazione, acque di falda, gelo e disgelo ecc. ed è destinata a degradarsi naturalmente lungo la sua superficie; ancor più sarà la degradazione e l'azione della gravità se questa è esposta lungo un pendio molto acclive o verticale come nel caso in esame. L'azione erosiva selettiva degli agenti esogeni e delle acque in particolare si concentra sulle porzioni meno coerenti che vengono asportate con il risultato finale che la parete calcarenitica, inizialmente integra, presenta nel tempo tutta una serie di sporgenze e rientranze causate proprio da questa azione selettiva. Se si osserva la base della parete calcarenitica lungo il confine orientale dell'area interessata dal crollo si potranno constatare tali forme di erosione.
Ciò esposto tende a smitizzare quanto sinora un po' da tutti asserito e considerato in merito alle caratteristiche meccaniche della calcarenite ed alla stabilità delle pareti calcarenitiche che come ha evidenziato il crollo di mercoledì 5 c.m., non sono da considerare stabili nel tempo.
Volendo trarre un insegnamento da quanto accaduto appare evidente che il centro urbano della città di Agrigento, interessato nel tempo da vari e differenziati dissesti, presenta ulteriori aree apparentemente stabili che nel tempo hanno modificato il loro assetto anche senza la comparsa di segni evidenti di instabilità.
Tali aree coincidono con tutte quelle zone in cui la pendenza è elevata o, a maggior ragione, se esposte su pareti verticali. Su queste aree va condotta subito, adesso "e non fra un anno" una prima ricognizione di carattere idrogeologico che sia in grado di evidenziare le criticità dei versanti ed il loro stato di equilibrio. Questo studio deve chiaramente essere propedeutico ad un successivo progetto di messa in sicurezza delle pendici in dissesto del centro abitato della città di Agrigento a salvaguardia della viabilità e dei fabbricati esistenti.

Antonio Calamita



Sciascia e Malgrado Tutto 

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/649271slide01.jpg

Leonardo Sciascia

“Ho tentato di raccontare qualcosa della vita di un paese che amo e spero di aver dato il senso di quanto lontana sia questa vita dalla libertà e dalla giustizia, cioè dalla ragione…. Tutti amiamo il luogo in cui siamo nati, ma Racalmuto è davvero un paese straordinario”.

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/139987slide02.jpg

Leonardo Sciascia

“Malgrado tutto”: per il mio amico Bufalino – e anche per me – è il più bel titolo che si sia mai trovato per un giornale. Malgrè tout: un francesismo, direbbero i puristi che contiene una visione delle cose illuministica, diderotiana.Malgrado tutto, Ottobre 1987

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/661701slide03.jpg

Leonardo Sciascia

I giornali locali dovrebbero fare opposizione seria sui fatti quotidiani, sulle cose da fare, prendendo così il ruolo di opposizione vera che in molte amministrazioni viene mancando. Opposizione quindi non per principio, per il gusto di farla: ma opposizione sulle cose concrete.Malgrado tutto, aprile 1985

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/416423slide04.jpg

Leonardo Sciascia

La democrazia, da noi, è più forma che sostanza. Non basta che i cittadini votino – e da noi si vota continuamente, troppo – perché un paese possa dirsi democratico. Il banco di prova è l’amministrazione della giustizia. E si suol dire, retoricamente, che l’Italia è la culla del diritto: e invece ne è la bara.Malgrado tutto, giugno 1984

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/133702slide05.jpg

Leonardo Sciascia

Ci sono i magistrati buoni, ottimi, perfetti: ma le leggi non servono contro i buoni cittadini, servono contro i cattivi; quindi è contro il cattivo magistrato che si vuole avere una regolamentazione, una disciplina, al di là di quelle che già ci sono e non funzionano.Malgrado tutto, agosto 1986

http://www.malgradotuttoweb.it/sito2013/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/505851slide06.jpg

Leonardo Sciascia

E’ stato detto – ed è vero – che non c’è fotografia che nel giro di pochi anni non diventi bella per quel che vi si cristallizza di nostalgia, di rimpianto, di sentimento personale o collettivo. E insomma: perché è un ricordo. Malgrado tutto, giugno 1985

Le nostre rubriche in breve...

I cilindri del potere e le città vuote n…

I cilindri del potere e le città vuote nelle opere di Alessandro Erriu

Si conclude oggi nella galleria dello studio fotografico "Riflessi" di Racalmuto la mostra di pittura dell'artista agrigentino. Un viaggio nel tempo, tra maschere cappelli e identità perdute Peccato che la mostra...

08 Mar 2014 Piazza Regalpetra

Il filo rosso delle storie di "Donne all…

Il filo rosso delle storie di

Un contributo letterario con forte valenza sociale nella raccolta di racconti di Daniela Spalanca Un filo rosso sangue lega l'infinita sequenza di avvenimenti che hanno visto protagoniste le donne lungo i...

07 Mar 2014 Burnia

E Matteo il Magnifico si prese l'Italia

E Matteo il Magnifico si prese l'Italia

E' bastato un blitz durato poche settimane e la determinazione cinica dei condottieri che sanno che la via del potere è sempre lastricata di tradimenti e slealtà Veni, vidi, vicit. Come...

01 Mar 2014 Sussurri e grida

Da Berlusconi a Renzi, al Carnevale di S…

Da Berlusconi a Renzi, al Carnevale di Sciacca i politici che contano

Ritorna dopo tre anni uno degli eventi più attesi e importanti della Sicilia, con l'immancabile maschera simbolo: Peppe Nappa Tre anni dopo l'ultima edizione, quella del 2011, torna il carnevale di...

01 Mar 2014 Vesper

Paolo, il dj che adesso fa ballare gli a…

Paolo, il dj che adesso fa ballare gli angeli

Favara, la prematura morte di Paolo Varisano, apprezzato dj e animatore di indimenticabili serate, ha sconvolto un intero paese. Il giovane era uno degli organizzatori del carnevale. I suoi genitori...

27 Feb 2014 Favara in linea

Le foto inedite di Enzo Sellerio, Racalm…

Le foto inedite di Enzo Sellerio, Racalmuto e mia nonna

ANTEPRIMA ECLUSIVA. Il grande fotografo palermitano avrebbe compiuto 90 anni. Per ricordarlo, i figli Olivia e Antonio hanno ritrovato una cinquantina di immagini inedite, in gran parte scattate a Racalmuto...

26 Feb 2014 La stanza dello scirocco

Salpa la nave del "Governo beautiful"

Salpa la nave del

Governo Renzi: l'opinione di Luigi Galluzzo Eppur si muove. Da qualche ora la nave di Renzi va, è in mare aperto, si offre ai flutti della governabilità. Abbiamo assistito, personalmente l'ho...

23 Feb 2014 Sussurri e grida

L'azzardo vincente del machiavellico Ren…

L'azzardo vincente del machiavellico Renzi

Governo Renzi: l'opinione di Antonio Liotta La realtà politica di queste ultime settimane è ricchissima di fatti che acquistano, inevitabilmente, valore di storia, sono la storia con cui ci rapporteremo ora,...

23 Feb 2014 Burnia

Sanremo, foto di un Paese ingessato

Sanremo, foto di un Paese ingessato

Eppure il festival che delude può forse aiutarci a capire cosa accade in questo strampalato Paese San Remo delude gli ascolti, fa quasi flop e tutti i giornali strillano titoli allarmati...

23 Feb 2014 Sussurri e grida

Agrigento, quando la burocrazia "penaliz…

Agrigento, quando la burocrazia

Il caso di 33 ragazzi sordi che frequentano le scuole medie e che aspettano da mesi un assistente per la comunicazione senza il quale non riescono a seguire le lezioni....

22 Feb 2014 Agrigento racconta

Newsletter di Malgrado Tutto Web

Banner
Banner