Sicilia. Ma siamo sicuri che ha vinto Crocetta?

|




Come la mettiamo con Grillo e Micciché?

 

altDopo il voto in Sicilia tutto si muove vorticosamente dentro e fuori dai Palazzi a Roma. Tra paure e speranze si disegnano strategie ai limiti dell’incredibile. Berlusconi pensa a lanciare una nuova “Forza Italia” a cui i maligni accreditano però al massimo un 6/7 per cento, Alfano si dice pronto a correre da solo con un manipolo di ex Pdl, tutti vorrebbero dare una spallata a Monti per andare al voto a febbraio invece che ad aprile.

Un’ipotesi che adesso sorride un poco anche a Napolitano che cosi’ gestirebbe in prima persona la fase travagliata della chiamata alle urne. Bersani, che definisce storico il risultato in Sicilia anche se non si capisce storico per chi, teme ancora gli aculei velenosi di Renzi. Qualcuno gia’ sogna un duello rusticano Grillo versus Renzi per Palazzo Chigi. intanto ci si chiede chi abbia vinto davvero in Sicilia: Crocetta, Grillo o forse Micciche’, i cui voti dovrebbero risultare determinanti in Assemblea per qualunque forma di maggioranza? Di sicuro ha vinto il partito che non c’e’, il primo partito vero, quello degli astenuti che aspetta gonfolando di paura il momento in cui la Sicilia sull’orlo de fallimento sara’ costretta ad alzare mestamente bandiera bianca sperando di nuovo che arrivi gli americani a salvarla?

                                                                    Luigi Galluzzo

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *