Si lavora per il raddoppio della Palermo-Agrigento

|




Ruspe in azione nel tratto della SS 121, da Bolognetta a Lercara Friddi. Il campo base del Contraente generale a Cefalà Diana, in un terreno confiscato ai boss

Lavori in corsoNon sarà più la “strada della morte”. La “Palermo-Agrigento” sarà una strada più sicura. Nel palermitano, infatti, sono già iniziati i lavori di ammodernamento a quattro corsie del tratto che va dalla rotatoria Bolognetta allo svincolo Manganaro di Lercara. I lavori sono stati affidati dall’Anas al Contraente generale “Bolognetta scpa”, consorzio di imprese tra la storica Cooperativa Muratori e Cementisti di Ravenna (Cmc), la Tecnis e la Ccc. Le stesse imprese che stanno realizzando la strada statale 640.

Sulla SS 121 – nei 34 chilometri complessivi – le squadre di operai fin’ora sono intervenuti per la demolizione di alcuni viadotti, restauro e ripristino di quelli esistenti e in tutte quelle attività propedeutiche all’avvio generale dei lavori che dovrebbero concludersi nel 2017. Dal punto di vista tecnico l’intervento prevede, all’interno del tratto Palermo-Lercara Friddi, l’ammodernamento del lotto funzionale della strada statale 121 “Catanese”, compresi i raccordi con le attuali strade statali 189 “della Valle dei Platani” e 121 “Catanese”.

Restauro viadotti esistenti

Restauro dei viadotti esistenti

Anche qui, come nel cantiere della “Agrigento-Caltanissetta”, grande attenzione del Contraente generale ai temi della legalità nei cantieri. Verrà adottato il modello di applicazione dei protocolli antimafia già esistente per “Empedocle2”. Intanto un importante segnale arriva dal fatto che il campo base di “Bolognetta scpa” verrà realizzato in un terreno confiscato alla mafia, nel comune di Cefalà Diana: i lavori di realizzazione delle strutture che ospiteranno uffici e magazzini, sono in corso e a breve la sede della società sarà pronta.

“La realizzazione dell’opera – dice il project manager ingegner Pierfrancesco Paglini – costituisce un momento di estrema importanza non solo per quanto riguarda il sistema delle comunicazioni e trasporti della Sicilia ma anche per quanto attiene i risvolti economici, sociali ed occupazionali delle aree interessate dai lavori”.

Recentemente, per quanto riguarda la sicurezza, è stato stipulato un Protocollo tra il Contraente generale e l’Organismo Paritetico per la Formazione e la Sicurezza in Edilizia di Palermo. “Ci siamo impegnati – ha dichiarato in una nota il responsabile dei lavori l’ingegner Costanzo Di Gioia – ad una collaborazione fattiva affinché nei luoghi di lavoro vengano rispettati i principi di legalità, nonché le condizioni di prevenzione e sicurezza delle maestranze e dei tecnici e di tutti i lavoratori”.

Altri articoli della stessa

One Response to Si lavora per il raddoppio della Palermo-Agrigento

  1. pietro bellavia Rispondi

    28 settembre 2014 a 12:29

    Sono molto contento che finalmente si interviene sulla pa/ag. La percorro tutti i giorni da piu’ di trent’anni per lavoro e ne ho visto su quella strada. Vorrei fare solo un appunto: ci sono due 2 cantieri dove sono state istituite delle rotonde per permettere ai mezzi che lavorano nei cantieri di transitare. Quest’ultime sono tanto o troppo pericolose, perche incontrandosi due 2 mezzi pesanti che stiano transitando nelle corsie opposte se non si presta tantissima attenzione i due mezzi anche percorrendo a bassissima velocità si sfiorano quasi a toccarsi.Buon lavoro, basterebbe cosi poco per migliorarle grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *