Racalmuto, verso l’istituzione dell’Albo delle Associazioni e del Volontariato

|




L’assessore Carmela Matteliano: Una comunità che conta sull’impegno di tutti è migliore, e più ricca di valori e servizi”.

Carmela Matteliano

Carmela Matteliano

Il Consiglio comunale di Racalmuto ad unanimità ha approvato il Regolamento per l’istituzione e l’aggiornamento dell’albo delle associazioni e del volontariato.

L’albo è stato istituito al fine di promuovere l’associazionismo, riconoscere e  favorire  le realtà associative operanti nell’ambito del territorio comunale  e   rendere effettive le forme di partecipazione delle associazioni, senza fini di lucro, all’attività politico-amministrativa, culturale, educativa e sociale della comunità.

“Con questo importante passo-dichiara l’assessore Carmela Matteliano- compiuto dall’Amministrazione e dal Consiglio comunale – si vuole riconoscere, finalmente, un ruolo centrale  nell’ambito del programma di  sviluppo del nostro territorio  all’Associazionismo locale. Le scelte e la programmazione dell’attività amministrativa scaturiranno da processi di coinvolgimento e interconnessione tra pubblico e privato.

A tal fine-prosegue l’assessore Matteliano-ci si doterà della consulta delle associazioni per  favorire lo sviluppo della governance e della partecipazione,- soprattutto dei giovani – alla  vita sociale e civile del Comune,  per intercettare i programmi europei, per favorire la  crescita e lo sviluppo del nostro territorio, proprio a partire dalle nuove generazioni.

Da questo momento, la richiesta di iscrizione all’Albo delle Associazioni  può  essere effettuata da tutte le  Associazioni operanti – per attività o sede – nel  territorio comunale.

Tale Albo è suddiviso per settori di attività, ciascuna relativa ad un  diverso  prevalente ambito di azione delle Associazioni: Culturale, ambientale, civile, educativa, sportiva, ricreativa, musicale, socio assistenziale e sanitaria.

Nei prossimi giorni, sul sito istituzionale dell’Ente sarà possibile  scaricare  il Regolamento e la modulistica per l’iscrizione  all’Albo comunale delle  Associazioni.

“ Una comunità che conta sull’impegno di tutti-conclude Carmela Matteliano-è migliore, e più ricca di valori e servizi”.

 

 

 

Altri articoli della stessa

One Response to Racalmuto, verso l’istituzione dell’Albo delle Associazioni e del Volontariato

  1. calogero taverna Rispondi

    8 agosto 2014 a 15:47

    Cui prodest? Chi ci guadagnerà? Cosa si guadagnerà? Cose del genere a Racalmuto non mi paiono cose nuove. Abbiamo avuto persino la fabbrica dei sagrestani, o no? Rammento un esilarante alterco persino volgare tra il mio dilettissimo ex arciprete di Racaknmuto e l’altrettanto mio amico Carminu Gueli, al secolo Riddiu di la chiazza, per imposizione del vero poeta dialettale Fofu Scimé. Cedto, le portantine hanno permesso percorsi preferenziali, naturalmente nell’occupazione sicura. E i racalmutesi che a Racalmuto ci stanno più di me ne sanno più di me anche se pubblicamente ne dicono meno di me.

    Ma giriamo la faccia del disco: chi ci rimetterà? chi si ritroverà escluso peggio della fondazione Sciascia con le pulizie regionali di Crocetta?

    Ma ci sarà una inchiesta per sapere chi ha sperperato e chi no? Chi è veramente no profit e chi già ci lucra sopra? chi non si sta precostituendo una pedana atta a fare certi salti mortali nell’arraffamento di privilegi, evasioni fiscali, soldi, benemerenze, provvidenze e beneficenze varie: Credo che come sempre essere rossi o dipinti di rosso sia un miracoloso lasciapassare? Ma attenzione che Emilio Messana uomo onesto è e per le esperienze che ha in famiglia va a finire che comincia, con una scure salutare, proprio da estrose sue omonime. Intanto perché al riguardo COLPI DI SPILLO si è data al silenzio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *