Racalmuto. Tempi duri per il sindaco: non potrà fare più neanche un selfie

|




I Consiglieri di “Racalmuto prima di tutto”, tornati in maggioranza, agguerriti: “Finito il tempo dei proclami, dei meri annunci, dei selfie, degli inutili presenzialismi a tutte le manifestazioni, dei resoconti del nulla (nessun problema risolto, uno che sia uno)”.

Quando i selfie si potevano fare

A Racalmuto i consiglieri comunali del gruppo “Racalmuto prima di tutto”, nonostante siano tornati in maggioranza, dopo un anno di opposizione, continuano ancora a tuonare contro il sindaco Emilio Messana. E gliele stanno rinfacciando tutte.

Scrivono, tra l’altro, in una nota: “Parleremo con i fatti, perché riteniamo sia finito il tempo dei proclami, dei meri annunci, dei selfie, degli inutili presenzialismi a tutte le manifestazioni, dei resoconti del nulla (nessun problema risolto, uno che sia uno)”.

Carissimo Sindaco Messana, abbiamo la sensazione che che questi di “Racalmuto prima di tutto” siano seriamente incazzati con lei. Come la mettiamo?

A quanto pare non le consentiranno più di fare neanche un innocente selfie. A meno che non stiano scherzando. E, visto come stanno andando le cose in questi ultimi tempi in politica a Racalmuto, il dubbio potrebbe anche essere assolutamente legittimo.

Però, per dovere di cronaca, bisogna anche rilevare, caro sindaco, che qualcosa di carino nella nota c’è. Per esempio quando scrivono: “Abbiamo apprezzato l’azzeramento della giunta deciso dal sindaco ed abbiamo condiviso la scelta di assessori tecnici: personalità di rilievo e persone serie e perbene, dimostrando ancora una volta che le poltrone non ci interessano”. Questa dell’apprezzamento, caro sindaco, lo ammetta, solo a leggerla è da indescrivibile piacere.

Ma scorriamo qualche altro passaggio della nota. “Abbiamo risposto positivamente all’invito del Sindaco Emilio Messana a riprendere la collaborazione amministrativa, perchè “Racalmuto viene prima di tutto”. Prima delle contrapposizioni politiche, degli scontri personali, delle oscure manovre di palazzo, dei complotti e degli inciuci”.

Qui la cosa si fa seria, e poniamo una domanda ai consiglieri del Gruppo “Racalmuto prima di tutto”: perchè non denunciate apertamente, anziché parlare genericamente, quali sono queste manovre, questi inciuci e questi complotti. E’ giusto che i cittadini sappiano e che si dia un volto ai protagonisti di questo bel casino.

Nella nota si legge, inoltre: “Abbiamo condiviso, soprattutto, un programma minimo e concreto di problemi da risolvere prima della fine della consiliatura. Ci impegneremo direttamente, dando il nostro contributo. Siamo aperti alla collaborazione con tutte le forze politiche e con i movimenti, con le associazioni, con il volontariato, con la Chiesa, con la scuola, con i sindacati, con i semplici cittadini. Noi siamo pronti al confronto costruttivo, ma questa volta devono parlare solo i fatti”.

 

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *