Racalmuto. Nello spoglio Messana in testa

|




ELEZIONI RACALMUTO. Spoglio in corsa. Emilio Messana in testa in tutte le undici sezioni elettorali. Per la lista d’opposizione scontro all’ultimo voto tra la lista di Carmelo Borsellino, Biagio Adile ed Enzo Sardo. Fuori dai giochi Angelo Cutaia e Luigi Falletti del Movimento 5 Stelle.

Prime indicazioni dallo spoglio dei seggi. Si profila un vantaggio di Emilio Messana, candidato sindaco della coalizione Pd, Ncd, Mpa e movimenti. Per il secondo posto – riservato a cinque consiglieri d’opposizione – si gioca fino all’ultimo voto tra la lista di Biagio Adile, quella di Enzo Sardo e quella di Carmelo Borsellino. Fuori dai giochi gli altri due candidati.

SEGUI LA NOSTRA DIRETTA TV

Emilio Messana

Emilio Messana

Altri articoli della stessa

2 Responses to Racalmuto. Nello spoglio Messana in testa

  1. Calogero Taverna Rispondi

    26 maggio 2014 a 19:45

    Pubblico e ripubblico la mia lettera a Messana prima che si aprissero le urne: Mi aspettavo smentite sonore dai fatti ma non so se mi sono arrivate. Giudicate voi. Sono 5 ore che sto innervosendomi a seguire questo no.stop non so se di Malgrado Tutto o di Regalpetra libera; e la mia depressione bipolare verso il basso sta snodandosi tutta. L’unica sorpresa sinora è che siamo stati presi tutti per i fondelli: Colpi di Spillo è una donna. Infatti tutto scricchiolava. Non c’erano mai notizie di prima mano. Traduzioni di traduzioni di interessate veline. Peggio della fascista Agenzia Stefani. Ho appreso che il blog che avevo fondato in quel di Milano o dintorni si è chiuso perché stava prendendo una piega che il coeditore non reputava signorile e beneducata.

    Borsellino che mi pare fragorosamente sconfitto da Emilio Messana ad onta di tutte le sagrestie racalmutesi e di tutte le madonne persino slave è serenissimo. Ci dice che il popolo voleva serenità e serenità avrà. Tanto la lista dell’opposizione è tutta sua e Emilio vorrà serenità e facendo assessore e cooptando in squadra Borsellino avrà serenità totale. O così lui spera. Sto a insinuare esiziali problemi incombenti. Ma manco una piega fa Emilio e Borsellino sta ancor più tranquillo. In due la serenità amministrativa sarà quotidiana, immarciscibile, da avello assoluto. Povero paese mio.

  2. Grillo Parlante Rispondi

    26 maggio 2014 a 20:29

    Lu sinnachinu

    Eccu cca lu sinnachinu!
    L’avia dittu, lu pipinu…
    Lu batti’ a Borsillinu
    ca affiancava lu parrinu…
    a Biaginu spariglia’
    ca a Palermu si nni va;
    a Popo’ lu sorpassa’
    e cu Deciu lu lassa’;
    quantu a chiddi di li stiddi:
    vuci e scrusciu, ma tra d’iddi;
    lu ‘ngigneri fu tradutu…:
    antra cosa e’ Racarmutu…
    Eccu cca, pi lu paisi
    ca nunn’avi cchiu’ pritisi,
    ora aviemmu un sinnachinu,
    ed e’ bieddu, stu bamminu!
    E parlari sapi e beni,
    ca cuocciu di littra teni!
    Ma attenzioni a li cumpari,
    si daranno si’ da fari,
    pi putiri cumannari
    e ristari cca a mangiari…
    Ora aviemmu un sinnachinu,
    bieddu e’, e biunnu, ed e’ lustrusu!
    Fu acchianato nni lu ciliu,
    ma eni sempri unu carusu!
    E li lupi cu li baffi,
    ca si diettiru da fari,
    tempu un passa, cari amici,
    ca s’ avrannu rivilari.
    Chissa’ cca e’ na poesiola,
    scritta pi fari l’auguri,
    a cu vinci ed a cu perdi,
    a li buoni e a li cchiu’ duri.
    Vi salutu! E’ gia’ matinu!
    Viva, viva u sinnachinu!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *