Racalmuto, Messana: “La minoranza si è ridotta a maneggiare maldestramente articoli di legge”

|




Polemico intervento del sindaco che rimprovera ai consiglieri di opposizione di non volersi “confrontare con i risultati raggiunti in questi mesi dall’amministrazione”. Da lunedi ripartono alcuni servizi.

Emilio Messana

Emilio Messana

La minoranza “non vuole confrontari con i risultati che abbiamo raggiunto in questi pochi mesi e “si riduce a maneggiare maldestramente articoli di legge, con l’unico obiettivo di ingenerare il convincimento nei cittadini che questo comune possa permettersi di erogare il servizio d scuolabus in forma gratuita”.

Sceglie il giorno Ognissanti il sindaco di Racalmuto per lanciare un piccolo siluro contro i consiglieri di opposizione che gli rimproverano di voler fare pagare il servizio di scuolabus alle famiglie.

“Oggi Racalmuto-scrive il sindaco in una nota diffusa alla stampa- ha di nuovo lo scuolabus, ad un costo inferiore a quello praticato in altri comuni, che non vivono i nostri disagi. L’alternativa della gratuità con questo bilancio, con questo piano di riequilibrio, non esiste. Almeno nell’orizzonte di un’amministrazione prudente e responsabile”.

Messana annuncia poi che da Lunedì, 3 novembre, alle ore 9:00 riparte la circolare a Racalmuto. “Un servizio importante-afferma il sindaco-soprattutto per i più anziani, costretti in questi anni a dipendere dagli altri per i loro spostamenti. Abbiamo trovato un paese con i servizi sociali azzerati, a causa della crisi finanziaria del comune e della necessità di evitare il dissesto. Ma non si può chiedere ai cittadini di pagare tasse elevatissime senza corrispondere alcun servizio. Riattivare i servizi sociali senza mettere in discussione il percorso di risanamento tracciato nel piano di riequilibrio finanziario-prosegue Messana-è il nostro obiettivo. Oltre alla circolare, gratuita per chi avrà 65 anni di età, sempre lunedì alle ore 10:00 incontreremo le famiglie interessate al trasporto gratuito dei portatori di handicap nei centri di riabilitazione”.

E a proposito dello scuolabus precisa, inoltre, che l’amministrazione “è riuscita  a dimezzare il costo della compartecipazione a carico delle famiglie: l’anno scorso per ogni figlio era previsto un contributo di €. 15,00; quest’anno sarà di €. 7,50 e per le famiglie con indicatore ISEE pari a  € 3089,75 sarà esente.  A questi risultati siamo pervenuti operando sul bilancio del 2013, a partire dal mese di giugno, nonostante il piano di riequilibrio e una spesa del personale che si attesta nell’anno 2012 al 69% delle spese correnti”.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *