Racalmuto, la prima volta del Conte

|




Uno degli eredi dei Requesenz in visita al paese che fu governato dai suoi avi

Stefano D'Ayala Valva con la moglie e i figli a Racalmuto accolti dal sindaco Messana e dall'assessore Picone

Stefano D’Ayala Valva con la moglie e i figli a Racalmuto, accolti dal sindaco Messana e dall’assessore Picone

Non sono mai stato a Racalmuto, ma ne conserviamo il nome nel nostro cuore”. Parla così Stefano D’Ayala Valva, uno dei figli dell’ultimo Conte di Racalmuto che ha visitato oggi, con la moglie e i figli, il paese che ha sempre sentito nominare nella sua famiglia che mantiene il titolo di “Conti di Racalmuto”. Una visita lampo carica di significati per Stefano D’Ayala Valva, figlio di Giuseppe, toscano, l’ultimo ad avere avuto un riconoscimento formale quale Conte di Racalmuto dal Sovrano Militare Ordine di Malta (nato nel 1932, bisnipote di Lucia Grifeo e Reggio Requesenz).

Nella tarda mattinata i D’Ayala Valva hanno visitato il castello Chiaramontano, residenza dei Del Carretto, famiglia ligure da cui proviene il titolo, passando ai Requesenz (1771), ai Reggio (1852), ai Grifeo (1871) e poi ai D’Ayala Valva (1900).

D'Ayala Valva con Emilio Messana

D’Ayala Valva con Emilio Messana

Il sindaco di Racalmuto Emilio Messana e l’assessore alla Cultura Salvatore Picone si sono intrattenuti con i “conti di Racalmuto” nella piazza del Castello e hanno chiesto a Stefano D’Ayala Valva copie dei documenti storici sulla ricostruzione genealogica degli ultimi Conti del paese, da conservare in una delle sale del castello dove sarà ricostruita, in collaborazione con gli appassionati e gli storici locali, la storia dei suoi nobili proprietari.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *