Racalmuto, a letto circa 25 dipendenti. A rischio la pulizia del paese

|




Emergenza pandemia al Comune. Pare che sia stata rinviata la costituzione della squadra di manutentori e pulizieri.

malatiEmergenza pandemia al comune di Racalmuto. Sembra che un virus, di eziologia sconosciuta, abbia esteso l’epidemia nelle stanze del comune di Racalmuto, mettendo a letto buona parte del personale, si parla di 25 unità.

Sarebbe rinviata, quindi, la costituzione delle squadre di manutentori e pulizieri che avrebbero dovuto occuparsi della pulizia del paese.

Una variante del virus, a detta con disappunto di alcuni dipendenti, sembra colpisca, anche, le vie orali, in quanto favorisce la fuoruscita involontaria di fatti, parole e discussioni varie che così vengono rese, in maniera del tutto accidentale, di dominio pubblico.

I medici, accorsi al capezzale degli ammalati, stanno cercando di prestare le cure del caso per quanto riguarda le squadre dei pulizieri. Di difficile trattamento sembra il caso che ha colpito un esponente di spicco, affetto, come riferiscono contrariati alcuni dipendenti lo ricordiamo, da incontinenza orale, e che necessiterebbe le cure da parte di un’equipe formata da più medici.

Siamo fiduciosi che, al più presto, sarà approntato un vaccino efficace e ad ampio spettro di azione e che la situazione tornerà nella normale e gattopardiana consuetudine del comune.

Altri articoli della stessa

2 Responses to Racalmuto, a letto circa 25 dipendenti. A rischio la pulizia del paese

  1. grillo sparlante Rispondi

    17 giugno 2014 a 19:20

    Il problema ancor più grande è che la pandemia dilaga, e contagia anche chi, fuori dalle stanze comunali, blatera e disserta di questo e di quello, esprimendo apprezzamenti e giudizi non sempre adeguati e pertinenti, nonché provenienti da chi non ha alcun ruolo né rappresentativo né istituzionale!

  2. un cittadino stanco di pagare le tasse per mantenere loro Rispondi

    17 giugno 2014 a 20:09

    dovrebbero rimanere a casa per sempre questi fannulloni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *