Quel nulla intorno a noi e il rischio emicrania per un intero Paese

|




Quando i politici non hanno le idee chiare

altPoche ore dopo il vortice di avvenimenti che ci hanno sconvolto le ultime settimane, poche ore dopo, un sabato mattina in cui ti fermi a riflettere per rimettere a posto pensieri confusi dall’urgenza delle emozioni, fatta una rapida analisi per un elenco di punti rilevanti ti ricordi che: il Governo sembrava in frantumi, Berlusconi annunciava il voto per vincerlo e cambiare la Giustizia, una nave di disperati affondava a Lampedusa, Letta Enrico si inginocchiava davanti ai morti, la gente lo contestava e con lui contestava Barroso, Presidente Ue, un’altra nave, ieri, venerdi, è affondata, altri morti. Abbiamo letto fiumi di parole, faremo, faremo, faremo. Grillo si divide dai grillini sul reato di clandestinità, parole, parole, parole.

Abbiamo sentito che l’economia italiana ripartirà, rischiamo di sforare il pareggio di bilancio, anzi no, faremo una nuova legge elettorale, no meglio votare subito col porcellum, stiamo ripartendo, no siamo fermi, taglieremo il cuneo fiscale con una manovrina, no serve una manovrona, gia l’Imu, no mettiamo l’Imu ai ricchi, no togliamola a tutti, non aumenteremo l’Iva, no l’abbiamo già aumentata, il governo dura fino al 2015, no cade ad aprile, il Pdl si spacca, no resta unito, il leader è sempre Berlusconi, no tocca ad Alfano, facciamo le primarie, no non le facciamo. Chi fa il segretario nel Pd non può fare il Premier, no al contrario chi fa il Segretario fa anche il Premier. Se vince Renzi sarà scissione, no anche se vince si resta uniti. Berlusconi andrà in carcere, no andrà ai servizi sociali, si dimette, non si dimette, facciamo l’amnistia e l’indulto, no perchè sarebbe un regalo a Berlusconi, no non è un regalo a Berlusconi, le carceri sono troppo piene vanno svuotate con l’indulto, no non serve a niente, costruiamo altri penitenziari, assumiamo secondini, no non ci abbiamo i soldi per farlo, la carcerazione preventiva è una barbarie, no ci sono troppi ladri in giro, tutti i parlamentari sono ladri, fuori, fuori, fuori.
Sono le 10.45 di oggi sabato 12 ottobre 2013 e vi confesso che mi sta venendo un gran brutto mal di testa.

Luigi Galluzzo

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *