“Tutta un’altra musica”

|




Cronache scolastiche. Anna Maria Van del Poel, docente della “Castagnolo”, ci racconta  i significativi traguardi raggiunti ad Agrigento dalla sua scuola e dalle altre scuole medie ad indirizzo musicale: dal Progetto “Sicilia d’autore”, alla Rassegna “Euterpe”, fino ad arrivare alla spettacolare orchestra “Blue Jeans”

Sei anni fa la (allora) Scuola Media CASTAGNOLO ha acquisito lo status di “Scuola Media ad Indirizzo Musicale” e pertanto oggi i suoi alunni possono studiare come materia opzionale uno dei quattro strumenti musicali proposti dalla scuola: scelgono di frequentare nelle ore pomeridiane e oltre alle loro materie regolari lezioni individuali di flauto traverso, clarinetto, pianoforte o chitarra. Inoltre, gli alunni praticano la musica d’insieme, così formando l’orchestra scolastica. Da allora nella scuola c’è tutta un’altra musica. Nonostante i noti tagli sull’istruzione, che hanno portato una sempre crescente scarsità di risorse sia economiche che di personale e classi sempre più numerosi, la nostra scuola ha trovato nuovo slancio e vigore attraverso la musica. La scuola è aperta ogni giorno dalle 7.00 alle 19.00, ogni pomeriggio c’è un via vai di ragazzi con strumenti e dalle finestre esce un misto di musica, urla e risate che anima il quartiere.

LA MUSICA COME OCCASIONE DI INNOVAZIONE

Oggi, la scuola ha cambiato nome e fisiologia (ormai diventato “Istituto Comprensivo “Esseneto” in seguito alla recente fusione con la scuola elementare “Esseneto”) ma una delle sue caratteristiche più spiccate è senza dubbio il corso ad indirizzo musicale. Negli anni l’orchestra scolastica è diventata il motore propulsore dell’innovazione. Esso rappresenta un’occasione di crescita e di apertura al mondo esterno.
In verità, a scuola abbiamo tre orchestre:
l'”orchestrina” degli alunni del primo anno è il vivaio in cui si imparano le regole di musica e di convivenza;
l’orchestra “grande” è composta da circa 45 alunni delle classi II e III del corso ad indirizzo musicale ed è rappresentativo delle scuola;
l’orchestra degli ex-alunni, per le taglie forti che non riescono a smettere dopo la terza media.

Dice il dirigente scolastico Maria Giovanna Cassaro: “Al di là del settore privato (a pagamento), ad Agrigento solo le scuole medie offrono ai giovani la possibilità di fare esperienze musicali. Tra queste, le tre scuole medie ad indirizzo musicale che il Comune di Agrigento ormai può vantare rivestono un ruolo importantissimo per la diffusione della cultura musicale. Per chi prende seriamente il mestiere di insegnante è impensabile che queste scuole medie ad indirizzo musicale (SMIM), essendo dotate delle risorse umane specializzate e qualificate, non si assumano il ruolo di propulsore della cultura musicale nel territorio circostante, facendo della ricchezza della scuola una risorsa per tutta la comunità locale”
Aggiunge il docente : “Viceversa, il territorio rappresenta anche un’occasione di arricchimento e confronto per gli alunni della scuola. Infatti, uscendo fuori dalle aule e dalle mura scolastiche, gli alunni imparano ad esibirsi in pubblico e a partecipare attivamente alla vita civica della comunità locale”.

Nonostante il corso ad indirizzo musicale sia relativamente giovane, l’orchestra ha già ricevuto alcuni importanti riconoscimenti. Nel 2009 ha conquistato il secondo premio al Concorso nazionale “Percacciolo” di Capo d’Orlando. Nell’aprile del 2010 gli alunni della Castagnolo hanno partecipato al Concorso Nazionale “V.Mennella” di Ischia, vincendo il primo premio in tutte le categorie, con il primo premio in assoluto per l’orchestra scolastica. La giuria esprime particolare apprezzamento per l’esecuzione del brano “Immagine” del compositore palermitano Marco Betta, tratto dallo spettacolo teatrale in commemorazione del giudice Paolo Borsellino. Nel 2011, Nel mese di maggio, la composizione “Concerto Mediterraneo” del M° Buzzurro, composto appositamente per l’orchestra scolastica, è stata premiata con il III premio al concorso nazionale “nuove musiche per la scuola – Jacopone da Todi” di Todi (Umbria).

PROGETTO “SICILIA D’AUTORE” – IMPARARE DALLA MUSICA E I MUSICISTI DEL TERRITORIO

Come si può evincere dal repertorio premiato, da tre anni è stato avviato un Progetto speciale intitolato “Sicilia d’Autore”. Propone un’identità ed un esempio positivo, trae ispirazione dal territorio e si avvale della collaborazione di affermati professionisti siciliani. Gli alunni dell’orchestra vengono coinvolti attivamente nell’esecuzione di repertorio contemporaneo d’autore, spesso incontrando il compositore e affiancandolo nello spettacolo.

Il progetto è finalizzato alla valorizzazione della musica siciliana di qualità. Nasce dal desiderio dei docenti di far conoscere e sperimentare agli alunni la ricchezza delle loro radici culturali ed artistiche attraverso il repertorio musicale e attraverso l’esempio diretto di artisti affermati provenienti dal loro stesso territorio.
Nelle precedenti edizioni hanno prestato la loro collaborazione al progetto i musicisti Anita Vitale (vocalist etno-jazz), Ruggiero Mascellino (pianista, fisarmonicista e compositore), Marco Betta (compositore e docente di composizione presso il Conservatorio di Palermo) e Francesco Buzzuro (chitarrista e docente presso il medesimo Conservatorio di Palermo)

Nel 2010 il progetto si è arricchito con l’approfondimento del tema della legalità, sempre tragicamente attuale nel meridione e purtroppo poco sentito dai giovani. Così, il brano che l’orchestra presenta racchiude in sé la doppia faccia della nostra “sicilianitudine”: cultura e criminalità, bellezza e crudeltà ma anche coraggio e speranza. E’ stato scelto “Immagine”, un brano originale di un affermato compositore siciliano contemporaneo, Marco Betta.

Nel 2011, per festeggiare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, i docenti hanno richiesto una composizione originale per la propria orchestra scolastica al M° Francesco Buzzurro. Partendo dalla considerazione che l’Italia di oggi è il risultato di uno scambio secolare tra le culture dei paesi mediterranei, il nostro intendo era di evocare in musica l’identità italiana in termini storici, sociali, culturali e geografici. L’Italia nel “mare nostrum”. Il risultato è il “Concerto Mediterraneo”, una partitura scritta appositamente per la nostra orchestra scolastica, dal chiaro gusto mediterraneo.

LO SCAMBIO EUROPEO – OCCASIONE DI APPRENDIMENTO SOCIALE, CULTURALE E LINGUISTICO

Il positivo effetto alone ha raggiunto tutti gli ambiti della scuola. Un esempio lampante è l’accoglienza nel nostro istituto di diverse orchestre giovanili europee. La presenza a scuola di coetanei di altri paesi europei, venuti per suonare, soggiornare e studiare insieme è un importante stimolo sia culturale che linguistico. Già quest’anno gli alunni hanno incontrato, sia sul campo di calcetto che in pizzeria e in sala da concerto, loro coetanei europei; molte famiglie hanno accolto in casa e a tavola i giovani ospiti, superando inibizioni, pregiudizi e barriere linguistiche.

Nell’ aprile del 2012 abbiamo ospitato per una settimana il “Vereniging Hofstads Jeugdorkest (VHJO)” – Orchestra Giovanile di l’Aya (Olanda) e insieme i ragazzi si sono esibiti in concerti alla Kolymbetra e al teatro Pirandello. Nell’ ottobre del 2012 abbiamo invitato l’orchestra giovanile “Jugedkammerorchester Birseck-Dorneck” dalla Svizzera che si è esibita in due concerti nel nostro teatro scolastico: un concerto didattico per le classi V e IV elementare e un concerto interattivo per gli alunni del corso ad indirizzo musicale, aperto anche a genitori, docenti ed (ex)alunni della scuola media.

RASSEGNA–CONCORSO “EUTERPE MEDITERRANEA IN MUSICA” – IL CONFRONTO FRA PARI

Naturalmente non è necessario cercare il confronto oltre frontiera e il mese di maggio è sempre stato un “mese musicale” dedicato al confronto con il pubblico e con i giovani musicisti del territorio in concerti, saggi, concorsi e rassegne musicali.
La rassegna musicale più grande della Sicilia, dedicata esclusivamente alle scuole medie ad indirizzo musicale, è “AGRIGENTO EUTERPE MEDITERRANEA IN MUSICA”. La sua VIII edizione, nel maggio del 2012, ha visto la partecipazione di 53 scuole medie ad indirizzo musicale provenienti da tutte le regioni italiane, che si sono esibite nell’arco di cinque giorni, per un numero complessivo di circa 4000 presenze ad Agrigento. Dalla V edizione, la Rassegna viene organizzata e coordinata dalla scuola media “Esseneto”, che assume il ruolo di scuola polo in sinergia con il comitato scientifico e il Comitato Regionale per l’Apprendimento della Musica. Il Comune di Agrigento e la Fondazione Teatro Pirandello sono partner privilegiati nella realizzazione della manifestazione. Alla VIII edizione hanno collaborato inoltre: Ufficio Scolastico Regionale, Ufficio Scolastico Provinciale e il Consorzio Turistico “Valle dei Templi”.
La manifestazione si svolge nel mese di maggio ed è articolata in tre momenti: la prova concorsuale sul palco del Teatro Pirandello nei cinque giorni di concorso, le esibizioni pomeridiane informali nelle vie del centro storico e il grande concerto finale al quale partecipano le orchestre scolastiche ritenute più rappresentative.
La preside Cassaro: “L’intento è quello di mettere a fuoco il contributo specifico e insostituibile della musica e della coralità nelle nostre scuole nel territorio”.
Il responsabile del comitato scientifico, prof. Stefano Tesè: “La rassegna è una vetrina dove ognuno può condividere con i presenti le proprie esperienze, percorsi e risultati attraverso le esecuzioni sul palco e per le vie del centro storico. La partecipazione costituisce una preziosissima occasione di confronto artistico e umano sia per i docenti che per gli alunni che ne partecipano. Inoltre, il concorso mette in risalto non solo le eccellenze esecutive ma premia anche iniziative di carattere interdisciplinare e partiture originali che contribuiscono alla diffusione della disciplina musicale nelle scuole e quindi nel tessuto sociale”.

ORCHESTRA “BLUE JEANS” – LA PRATICA MUSICALE NEL TEMPO LIBERO DEGLI ADOLESCENTI

Il prodotto di cui siamo più orgogliosi, però, non è né la pluripremiata orchestra scolastica né la Rassegna musicale “EUTERPE”, ma è la nascita di un’orchestra giovanile unica nel suo genere in Sicilia: l'”Orchestra BLUE JEANS”.
Come suggerisce il nome, si tratta di un’orchestra giovanile che si riunisce nel tempo libero (domenica) per suonare. E’ un’orchestra interscolastica che nasce dalla spontanea volontà di alunni e docenti.
In risposta alla grande richiesta da parte delle famiglie degli ex-alunni desiderosi di continuare l’esperienza orchestrale anche dopo la terza media, le scuole medie “Garibaldi” e “Castagnolo” hanno unito le forze attraverso un progetto in rete, promuovendo la costituzione dell’orchestra interscolastica di Agrigento. Il risultato è quest’orchestra giovanile molto dinamica e di ottimo livello, composta da cinquanta musicisti “under 18” provenienti da 15 scuole medie e superiori della Provincia di Agrigento. Tutti i musicisti hanno un’età tra 12-18 anni e sono:
i migliori alunni delle scuole medie ad indirizzo musicale della provincia di Agrigento (Garibaldi, Castagnolo, Pascoli, Palma di Montechiaro, Naro )
gli ex-alunni delle stesse scuole che sono passati alla scuole superiori
altri giovani strumentisti provenienti dalle scuole musicali territoriali, bande musicali e gli altri Istituti musicali del territorio

Nei tre anni di vita di questa orchestra, la stampa ha usato diversi aggettivi per descriverlia: “sui generis”, “free” e “la più divertente e colorata mai vista” in parte a causa dell’abbigliamento casual ma soprattutto per il tenore dei concerti che offre.
Con il motto “la musica è per tutti” quest’orchestra si differenzia nettamente dal modello dell’orchestra tradizionale: la missione intrapresa da questi giovani è quella di voler avvicinare la musica d’orchestra dal vivo proprio a persone difficilmente raggiungibili. L’orchestra esce dalla sala da concerto per suonare in luoghi insoliti, andando a trovare le persone. Il gruppo è impegnato in un progetto di solidarietà che porta un repertorio di musica energico, gioioso e coinvolgente anche nei centri di accoglienza, le mense solidali, il carcere e le case di cura.
La tournèe natalizia appena conclusa ha compreso concerti per i detenuti presso la casa circondariale di Caltagirone, per le famiglie coinvolte nel progetto “diversamente” della Caritas Diocesana e per il Centro Storico di Agrigento.

Tutta un’altra musica, appunto. Nonostante tutto……

Anna Maria Van del Poel

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *