“Ecco il segretario del Pd. Ma sparisce subito”

|




Primo ciak per il nuovo film di Roberto Andò tratto dal suo libro “Il trono vuoto”. Sul set Toni Servillo, Valerio Mastandrea e Michela Cescon. Le riprese a Roma nei palazzi del potere e nei luoghi della sinistra 

Toni ServilloLe primarie del Pd le vincerà Toni Servillo. Altro che Pierluigi Bersani, altro che Matteo Renzi. Lo scenario è già disegnato: segretario del maggiore partito di sinistra d’Italia è l’attore già protagonista di pellicole come “Gomorra” e “Il Divo”, considerato in questo momento il miglior interprete del cinema italiano.
Eppure, la segreteria di Servillo non durerà a lungo. Perché un giorno, d’improvviso, il segretario del Pd scompare nel nulla. Ancor più disorientati di sempre, i vertici del Partito democratico trovano uno stratagemma. E al posto del segretario mettono suo fratello gemello. Con un solo piccolo inconveniente: il gemello sosia del segretario è completamente matto.

Da questo colpo di scena parte il film che il regista Roberto Andò ha cominciato a girare in questi giorni a Roma, per poi proseguire le riprese in Francia. “Notizie dall’Italia”, questo il titolo provvisorio, è tratto dal libro dello stesso Roberto Andò “Il trono vuoto”, pubblicato da Bompiani, finalista nell’ultima edizione del Premio Racalmare-Leonardo Sciascia e vincitore del Campiello Opera Prima.

Roberto Andò Accanto a Servillo, recitano Valerio Mastandrea e Michela Cescon. L’ultimo film di Roberto Andò è stato “Viaggio segreto”, uscito nel 2006, con Alessio Boni, Valeria Solarino, Claudia Gerini, Marco Baliani, Emir Kusturica e Donatella Finocchiaro.

Andò in questi anni si è dedicato molto al teatro con opere come “Il dio della carneficina” di Yasmina Reza (l’opera teatrale dalla quale Roman Polansky ha tratto il suo film “Carnage”), interpretato da Silvio Orlando, Alessio Boni, Anna Bonaiuto e Michela Cescon. Ha diretto anche “La notte delle lucciole”, con Marco Baliani, opera teatrale dedicata al pensiero di Leonardo Sciascia.

Anna Rita Peritore

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *