“A’ Merica” dei siciliani nei primi anni ’30

|




Nello spettacolo dei Policandri un interessante spaccato della società siciliana durante quel periodo

altProsegue la tournée della compagnia teatrale di Palermo ‘ I Policandri’ con il sorprendente spettacolo dal titolo ‘A’merica’. La rappresentazione in un unico atto, diretto dal regista Maurizio Carlo Luigi Vitale, sarà il 21 Novembre ore 21.30, nel prestigioso teatro Montevergini di Palermo.
Uno spettacolo commuovente e riflessivo, che ha registrato il tutto esaurito nella prima nazionale, lo scorso 8 e 9 Novembre, al teatro l’Idea di Sambuca di Sicilia. A’MERICA racconta uno spaccato della società’ siciliana durante i primi anni ’30; rievoca la vita dei siciliani che, sotto la gendarme fascista, hanno deciso di abbandonare l’amata terra del sole, per partire nella tanto agognata e ambita America.

Lo zio Don Mimì torna dopo tanti anni in America, al suo paese siciliano. Viene accolto a casa della sorella, una donna oramai malata, e dalle nipoti, tre sorelle, illibate, un po’ bigotte innamorate tutte del garbato maestro SanFilippo. Don Mimì attraverso i suoi racconti di belle donne e soldi, riesce a convincere Paolino, il nipote più grande a partire per l A’merica con lui.

Il momento de la “spartenza” dall’Italia, per l’emigrazione negli Stati Uniti, risulta topico e difficile, e la notizia scatena il “lutto” in casa delle sorelle che si vedono portare via l’unico uomo della famiglia, rimanendo sole con la madre malata.

Spettacolo brillante, contemporaneo divertentissimo nutrito dal pathos del dramma antico, e il surrealismo del teatro di Bertold Brecht, in cui la vita quotidiana si racconta attraverso le battute, e il sarcasmo di quel tempo, unita alla lettura di lettere realmente scritte da migranti alle famiglie siciliane.
Un’analisi sociale, o un gioco divertente, che, nel parossismo di una messa in scena tra il grottesco e il comico, il commuovente e il drammatico rimette in vita i ricordi e l’immaginazione, di chi quel tempo l’ha vissuto e di chi, quei viaggi li ha solo immaginati attraverso le storie.

Il cast: Gloria Alfano, Alessandro Accardi, Martina Cassenti, Rita Bongiorno, Margherita Vinci, Roberta Ferraro, Rosetta Iacona, Mariano Lo Bianco, Francesca Maggio, Roberto Matranga, Walter Pegoraro.

Regia : Maurizio Carlo Luigi Vitale
Assistente regia: Greta Pecora
Liberamente ispirato dal racconto “La mia America” di Margherita Spatafora.
Lettere immigrati raccolte dal libro “Nuovi Orizzonti” di Salvatore Maurici.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *