Porto Empedocle aderisce alla Giornata sull’Autismo

|




Il sindaco Firetto: “Auspico che l’Italia vari al più presto di una legge che possa aiutare le famiglie colpite”

Porto Empedocle. Torre Carlo V

Torre Carlo V

Nei giorni 1 e 2 aprile, in occasione della VII Giornata Mondiale di sensibilizzazione sull’Autismo la Torre Carlo V di Porto Empedocle sarà illuminata di blu dalle ore 20 e fino all’alba del giorno dopo, in segno di adesione all’iniziativa della Giornata Mondiale di sensibilizzazione sull’Autismo, istituita nel 2007 dall’ONU ed alla campagna “Light it up blue”, lanciata nel 2010 da “Autism speaks”, la più grande organizzazione mondiale che si occupa di promuovere la ricerca scientifica sull’autismo.

Anche Porto Empedocle – come da diversi anni accade in tante città del mondo in cui monumenti e palazzi vengono illuminati di blu – intende porre l’attenzione su questa grave patologia anche in segno di solidarietà a tutte le famiglie che vivono questo grave disagio giorno per giorno. “Una testimonianza di vicinanza – ha detto il Sindaco On. Firetto – che è doverosa da parte delle amministrazioni pubbliche e che deve spronare la classe politica e dirigenziale dell’intero Paese ad attuare tutte quelle risorse umane ed economiche per sostenere le persone con disabilità”.

Questa attenzione internazionale è essenziale per diffondere una nuova consapevolezza e incentivare la ricerca e la creazione di strutture adeguate ad affrontare e magari nel futuro sconfiggere questa patologia. Il contributo della città di Porto Empedocle e della sua Amministrazione vuole tendere alla promozione di una società più inclusiva che abbia più rispetto dei diritti delle persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, infrangendo tutti gli stereotipi e i pregiudizi che spesso accompagnano le persone con autismo.

“Auspico – prosegue il sindaco On. Firetto – che l’Italia si doti al più presto di uno strumento legislativo ad hoc come l’Inghilterra e l’Ungheria e gli Stati Uniti per sostenere concretamente le centinaia di migliaia di famiglie colpite”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *