Piazza Castello, incontro tra la Commissione e i commercianti

|




Parcheggio o salotto cittadino? Si è parlato di questo stamattina al Comune di Racalmuto nella riunione dei commercianti con il Commissario Filippo Romano. Trovata un’intesa: auto in sosta nei giorni feriali solo per un’ora. Per il futuro: bisogna pensare a far tornare la gente in piazza

La riunione di oggiSi è concluso poco prima dell’una l’incontro dei commercianti del centro storico di Racalmuto con uno dei commissari straordinari, Filippo Romano, per discutere di viabilità e soprattutto del destino della piazza Umberto I. Da un lato i commercianti, quei pochi rimasti tra la piazzetta Crispi e la scuola media, hanno sempre lamentato la decisione di chiudere la piazza Castello al traffico, dall’altro la necessità di un Comune di prevedere una possibilità in più per rendere il cuore antico di Racalmuto il salotto del paese. Dopo un lungo dibattito, dove si è parlato anche della mancanza di un parcheggio in zona o dei problemi generali legati alla crisi di un piccolo paese che, dal punto di vista commerciale, ha ben poco (dovuto a tanti fattori, alla presenza di un centro commerciale in zona e alla vicinanza di grossi centri come Canicattì e Agrigento), si è trovata una linea d’intesa.

In poche parole fra circa una settimana, si potrà nuovamente parcheggiare in piazza Castello solo durante i giorni feriali, tranne la sera. Giusto il tempo, per chi parcheggia, di prendere il caffè, fare la spesa, andare in banca. Non più soste lunghe e selvagge, ma regolate con il disco orario. Ed inoltre sarà vietato parcheggiare davanti la chiesa Madre, al fine di rendere la visibilità meno caotica rispetto ad ora. Nei mesi estivi, naturalmente, la piazza resterà chiusa al traffico. “Chiediamo già da ora – ha detto Romano – di pensare a opportunità tali, soprattutto per baristi e pasticceri, di poter usufruire della piazza nel periodo estivo per rendere veramente questo spazio un luogo non solo per chi viene a visitare Racalmuto, ma anche per i ragazzi e i bambini che potranno avere uno spazio dove poter stare senza nessun pericolo“.Racalmuto, piazza Umberto I

All’incontro era presente anche il comandante della Polizia Municipale Nicolò Sferrazza che ha predisposto un progetto per la piazza Umberto I. “Saremo presenti con il nostro personale per garantire una sosta regolare – dice Sferrazza – e venire incontro alle esigenze degli esercizi commerciali“.

Filippo Romano chiede una fattiva collaborazione ai presenti. Una collaborazione che dovrebbe essere intesa con iniziare ad inculcare tra i cittadini, ma soprattutto tra i commercianti stessi, che il parcheggio in piazza Castello deve essere solo per poche ore. Non si potrà più lasciare l’auto giornate intere. Vale per i commercianti, prima di tutto, per i residenti e poi per tutti gli altri.
Tra le novità emerse durante l’incontro anche la decisione di estendere il servizio del disco orario fino a via Filippo Villa, cioè dalla chiesa dell’Itria e tutto il corso Garibaldi, fino al vecchio campo sportivo; ed inoltre non dimenticare l’opportunità di parcheggiare in piazza Barona.
L’incontro di questa mattina dei commercianti, una quindicina in tutto, fa sperare ad una nuova fase anche per l’unione di idee tra chi, in piazza, ha una attività commerciale. Mettersi assieme per realizzare iniziative e fare in modo che la gente – cittadini o turisti che siano – vengano qui, in piazza. Perché forse questo è il vero problema: cercare soluzioni per incrementare la presenza di persone nel centro storico, oggi abbandonato e mai seriamente considerato opportunità di crescita e di sviluppo da chi, in questi anni, ha gestito la cosa pubblica.

Salvatore Picone

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *