“Il partigiano bambino” entra in chiesa

|




Domani a Riesi, promossa dalla Chiesa Valdese, la presentazione del libro di Raimondo Moncada.

Il partigiano bambino entra per la prima volta in una chiesa. Miracoli di questo libro, uscito da alcuni mesi e dedicato alla storia di Gildo Moncada, agrigentino col sogno dell’arte che a sedici anni si ritrovò in Umbria e decise di dare il proprio contributo alla Resistenza per la liberazione dell’Italia dal nazifascismo entrando da volontario nella brigata “Leoni”, rientrando a casa mutilato.

Il libro scritto dal figlio Raimondo e pubblicato dal gruppo editoriale emiliano di Ad Est, sarà presentato domani, venerdì 19 agosto 2017, alle ore 18 nei locali della Chiesa Valdese di Riesi, in via Cap. Faraci 63. Siamo nel cuore della Sicilia, in provincia di Caltanissetta, in un terra che ha conosciuto il dramma dell’emigrazione, in un paese dove nei primi del ‘900 e per pochi giorni è stata fondata la Repubblica di Riesi. L’iniziativa è stata promossa e organizzata dalla stessa Chiesa Valdese, che da sempre a Riesi si distingue anche in diverse e meritevoli attività di servizio cristiano: nel sociale, nella formazione, nella cultura.

Alla presentazione del Partigiano bambino interverranno l’autore Raimondo Moncada e l’editore Gaetano Alessi. Ci saranno anche la partecipazione di Gaetano Butera dell’Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) e gli interventi musicali del gruppo dei “Canto e cunto” con Felice Rindone, Sergio Buttigè e Giuseppe Di Legami.

Il Partigiano bambino – la storia di Gildo Moncada è già stato presentato in questi mesi a Vignola (Modena), Ravenna, Licata, Agrigento, Ribera, Palma di Montechiaro, Reggio Emila, sulla vetta di Ca’ di Malanca (Brisighella), San Leone e Burgio. Dopo Riesi sono state già programmate altre presentazioni: a ottobre ritorno in Emilia Romagna a Modena, Carpi e San Martino in Rio; a novembre si va a Roma, in Parlamento; a dicembre si espatria con due appuntamenti in Belgio.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *