“Meno feste di piazza e più protezione civile”

|




Licata. Il consigliere comunale dell’Udc Giuseppe Montana  lancia un appello al Commissario del Comune affinchè si predispongano tutte le misure necessarie per contrastare eventuali alluvioni.

Giuseppe Montana

Giuseppe Montana

Giuseppe Montana, consigliere comunle a Licata, teme che nella sua città con l’arrivo delle piogge possano verificarsi le disavventure dello scorso anno. Ha deciso, quindi, di inviare un appello al Commissario straordinario del Comune, Dario Cartabellotta, affincè mobiliti gli uffici competenti a predisporre in tempo tutte le misure necessarie per affrontare adeguatamente eventuali alluvioni. 

Scrive Montana: “Con l’arrivo della stagione delle piogge la città di Licata potrebbe suo malgrado ridiventare, dopo le disavventure dello scorso anno, scenario di alluvioni a causa di eventi piovosi ad alta intensità. Come si ricorderà lo scorso autunno diverse attività commerciali e artigianali sono state danneggiate dall’alluvione a causa di un evento piovoso che, con la giusta prevenzione, poteva certamente risultare meno gravoso e maggiormente controllabile. Occorre non farsi trovare impreparati di fronte al potenziale ripetersi dell’evento ponendo in essere tutte le misure di contrasto e prevenzione atte a scongiurare  eventuali fenomeni alluvionali che la città certamente non potrebbe sopportare. Faccio appello al Commissario Straordinario del Comune di Licata, Dario Cartabellotta, ai Funzionari Responsabili affinchè predispongano ogni qualsivoglia forma di tutela e salvaguardia del territorio. Chiedo prima di tutto a me stesso cosa sta facendo l’ente con i Funzionari preposti, per la pulizia dei canali di sgombero, l’installazione delle pompe di emergenza, pulizia e manutenzione della rete fognante e dei tombini. Mi auguro che il Commissario, Dario Cartabellotta, accolga il monito lanciato dal Capo della Protezione Civile che, senza mezzi termini, si è rivolto ai sindaci invitandoli a ” fare meno feste di piazza ed attenzionare di più i vari piani di protezione civili dei comuni che amministrano”.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *