“Malgrado tutto” tocca il mezzo milione di clic. C’è anche il tuo

|




In sei mesi Malgrado tutto ha raggiunto il mezzo milione di contatti. Ci sei anche tu. Grazie. E grazie a tutti i nostri collaboratori che fanno uniche queste pagine

Dall’aprile scorso questo giornale ha cambiato aspetto, ha rimodernato le sue pagine e la sua grafica. Un progetto non semplice, realizzato grazie all’indispensabile apporto di Eugenio Agnello, ma che ha dato i suoi risultati. In sei mesi Malgrado tutto ha totalizzato cinquecentomila contatti. Non sono numeri da poco per una piccola testata nata e radicata in un piccolo paese della Sicilia, Racalmuto, ma con l’aspirazione di volere e saper raccontare anche le cose che vanno ben al di là dell’orizzonte del paese in cui nacque, sotto forma di foglio stampato, nel lontano 1980.lettori.mezzo.milione

Sono passati tanti anni e molta acqua sotto i ponti. Dalla tipografia del nostro caro amico Lillo Vitello, dove per un trentennio si è stampato il giornale, siamo passati al web e questo ci ha consentito di raggiungere, in tempo reale, tantissime persone, in giro per l’Italia e per il mondo.

Abbiamo esordito on line nell’aprile 2012. Nell’aprile 2014 abbiamo cambiato la nostra piattaforma e la nostra impostazione grafica. Appena sei mesi dopo, i risultati sono sorprendenti per noi stessi. Non ci sbrodoleremo addosso raccontando da quanta gente, inaspettatamente, abbiamo ricevuto complimenti, anche al di fuori della nostra cerchia. Ma siamo orgogliosi di annunciare che in sei mesi e poco più, abbiamo avuto cinquecentomila lettori, con punte record giornaliere che, in alcune occasioni, sono arrivate a sfiorare i ventimila contatti.

Vi vogliamo ringraziare perchè questo è stato possibile grazie a voi che ci seguite e ci leggete. Ed è stato possibile grazie a tutti gli amici e collaboratori che contribuiscono a rendere interessanti le nostre pagine. E mi piace citarli tutti, sperando di non dimenticare nessuno.

Grazie, dunque, a Giancarlo Macaluso, Gigi Restivo, Gaetano Savatteri, Paolo Terrana e Salvatore Picone (autosospeso dal suo ruolo in questo giornale da quando è diventato assessore alla Cultura del Comune di Racalmuto). Grazie a Eugenio Agnello. Grazie ai curatori delle nostre rubriche:  Salvatore Alfano, Carlo Barbieri, Daniele Billitteri, Simona Carisi, Felice Cavallaro, Massimo D’Antoni, Luigi Galluzzo, Alessandro Giudice Jyoti, Alfonso Maurizio Iacono, Antonio Liotta, Anna Rita Peritore, Francesco Pira, Giuseppe Piscopo, Carmelo Sardo, Anna Maria Scicolone, Ignazio Scimé, Annamaria Tedesco. Grazie a chi è spesso presente su queste pagine come  Valeria Iannuzzo, Ester Rizzo, Alan David Scifo, Daniela Spalanca, Raimondo Moncanda. Grazie a Ignazio Gueli e Pietro Tulumello.

Ma soprattutto grazie a voi che ogni giorno ci confermate la vostra fiducia e la vostra attenzione. Siamo tanti. Anzi tantissimi. Siamo mezzo milione e diventeremo ancora di più.

 

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *