Ma che fine hanno fatto i Cinque Stelle?

|




L’eclissi Grillina.

zombieMa che fine hanno fatto i Cinque Stelle, l’armata grillina che avrebbe dovuto aprire, ipse dixit, il Parlamento italiano come una scatola di sardine, che prometteva rivoluzioni e sfracelli, che non voleva fare compromessi con nessuno “perché tanto ancora pochi mesi e ci prendiamo il Paese”, che aveva umiliato in streaming il povero Bersani, che fine ha fatto quell’esercito che prometteva di azzerare il marcio che è in noi, portarci fuori dall’Euro ed aprire un avvenire dove la Democrazia sarebbe stata fatta a colpi di clic e la felicità avrebbe avuto la pulizia di un impianto a pannelli solari? Se perfino la battagliera Roberta Lombardi oggi si dice pentita di aver maltrattato a quel modo l’allora leader del Pd allora vuol dire che in pochi mesi tutto è cambiato.

È bastato il rovescio delle europee, la delusione cocente del voto che in poche ore ha bruciato l’illusione di avere i voti della maggioranza degli italiani per far uscire praticamente di scena un intero movimento. Certo c’è ancora molto tempo per recuperare, il voto anticipato, ammesso che ci sia, non avverrà prima di febbraio 2015. Ma questa sensazione di distacco, di evanescenza dei grillini ci addolora. Il movimento è stato in fondo l’unico laboratorio di opposizione indipendente degli ultimi anni, ha contribuito in maniera fondamentale alla spinta rinnovatrice del Paese, ha costretto gli altri, Renzi compreso, ad inventarsi, o cercare di farlo, un nuovo modo di intendere la politica. Un Movimento Cinque Stelle appannato e peggio ancora diviso, un Grillo assente, anche se ne possiamo comprendere la stanchezza e perfino la disillusione, sarebbe una grave perdita per tutti.

Altri articoli della stessa

One Response to Ma che fine hanno fatto i Cinque Stelle?

  1. LILLO CHIARENZA Rispondi

    4 ottobre 2014 a 13:07

    Temo che il giornalista acquisisca le notizie dalla televisione e dagli organi di stampa che censurano per puro interesse di parte l’operato del M5S. Galluzzo deve chiedersi che fine ha fatto la libertà e il pluralismo dell’informazione, soprattutto presso i TG della RAI pagati con il canone di tutti, compresi i g
    rillini. La colpa di questa disinformazione è dei suoli colleghi giornalisti. Galluzzo, come dovere di giornalista, dovrebbe andare a vedere cosa fa il M5S e parlarne, anzichè fare il coro ai giornalisti servi del regime che hanno lo scopo di far passare in silenzio o a screditare l’unica ventata di onestà politica che esiste in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *