Lucca Sicula ricorda Paolo Bongiorno, il sindacalista ucciso dalla mafia

|




Il 27 settembre cerimonia commemorativa nel 58° anniversario della morte.

Paolo Bongiorno

Il 27 settembre del 1960 veniva ucciso a Lucca Sicula, a colpi di lupara, il trentottenne sindacalista e militante del P.C.I. Paolo Bongiorno segretario della Camera del Lavoro di Lucca Sicula, padre di cinque figli.

“Bongiorno – ricorda in una nota  la Cgil di Agrigento – venne assassinato alle 22.30 vicino alla sede dove con coraggio e costanza difendeva i diritti dei lavoratori, e quel giorno aveva presieduto una riunione della Commissione di collocamento e si era messo in cammino per casa. Lo stesso epilogo di Miraglia, di Scalia, di Spagnuolo e di tantissimi altri sindacalisti che sono caduti in quegli anni. Molti dei quali sono in pochi a conoscere i nomi e le storie. Nomi e storie che noi vogliamo far uscire dall’oblio e raccontare. Non per guardare indietro, ma per trovare la forza per combattere la mafia di oggi e per continuare la battaglia per la dignità del lavoro”.

Giovedì prossimo, 27 settembre, a Lucca Sicula è in programma una iniziativa per ricordare Paolo Bongiorno. L’ha promossa la Cgil, insieme all’Associazione “Lucchesi di Sicilia”, all’Associazione “LIBERA” Agrigento e con il patrocinio del Comune di Lucca Sicula.

Il programma

ore 17.30 –  Concentramento nel Corso Vittorio Emanuele e corteo nel luogo dell’omicidio del sindacalista per la deposizione di una corona di fiori;

a seguire –  al cimitero deposizione di fiori sulla tomba di Paolo Bongiorno;

18,30 –  Palazzo Lo Cascio: cerimonia commemorativa

 

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *