L’occhio del “Grande fratello” proteggerà gli ospedali dell’Agrigentino

|




Approvato dall’Asp di Agrigento un piano per incrementare la sicurezza di operatori e utenti con un modernissimo sistema di videosorveglianza.

Quanto prima negli ospedali dell’Agrigentino sarà l’occhio del “Grande fratello” a vigilare sulla protezione del personale e dei pazienti.

L’Asp di Agrigento ha, infatti, deliberato, con un provvedimento immediatamente esecutivo, la fornitura di un sistema di videosorveglianza “altamente tecnologico e dotato una vasta gamma di servizi connessi che permetterà di incrementare le condizioni di sicurezza del personale al lavoro nei reparti ospedalieri di Agrigento, Sciacca, Canicattì, Licata e Ribera, nei presidi territoriali di tutta la provincia, nelle  guardie mediche e nei centri di salute mentale adibiti a Sert (servizi tossicodipendenza)”.

“Un investimento di oltre due milioni e settecentomila euro-spiega l’Asp-  con installazioni e migliorie, rese particolarmente necessarie dai recenti episodi di cronaca che hanno evidenziato alcuni elementi di criticità presso diverse strutture sanitarie regionali. Saranno ovviamente-assicura l’Asp- anche utenti e cittadini a fruire dei nuovi dispositivi di sicurezza che prevedono una corposa dotazione di telecamere IP, sistemi di connettività con rete wireless esterna ad alta velocità, un network di videoregistrazione, la realizzazione di una centrale di monitoraggio presso cui opererà personale tecnico Asp adeguatamente formato, la gestione delle utenze geolocalizzate per mezzo di una pagina web dedicata e strutturata attraverso una mappa interattiva e l’esecuzione di tutte le opere edili necessarie all’installazione dei sistemi”.

A giorni il Servizio tecnico dell’Asp attiverà tuttele procedure.

 

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *