Licata, si è dimesso l’assessore Salvatore Lombardo

|




Nuovo assessore Antonio Pira.

Ad appena quattro mesi dalla nomina si è dimesso a Licata l’assessore al Territorio, Ambiente e Lavori Pubblici Salvatore Lombardo. Alla base della decisione “sopraggiunti impegni personali”.

Nel ringraziare il sindaco Giuseppe Galanti  per la fiducia accordatagli, Lombardo, tra l’altro,  Scrive: “Sono passati quasi quattro mesi dal giorno in cui ho giurato di agire negli interessi della città ed oggi posso dire di esser stato fedele a tale giuramento. Ho affrontato sotto la tua guida la quotidianità di essere amministratore in una città dove l’emergenza è la norma, dove le disastrose scelte fatte in passato hanno finito per accumularsi ed assumere dimensioni inverosimili. Con te ho lavorato senza orari, ponendo al centro delle mie giornate le emergenze della città ed affiancandole al lavoro certosino di programmazione mirato ad ottenere un cambiamento visibile, efficace e sicuramente migliorativo per la Urbs Dilectissima. Oggi scelgo di dimettermi da Assessore e lo faccio responsabilmente”.

Aggiornamento

Nel pomeriggio di oggi il Sindaco Giuseppe Galanti, a seguito delle dimissioni presentate dall’ex assessore Salvatore Lombardo, ha nominato nuovo assessore Antonio Pira, che ha già prestato giuramento ed è nel pieno delle sue funzioni.

“Sono molto onorato di questa fiducia da parte del Sindacoha dichiarato il neo assessore –  di tutti i consiglieri comunali di maggioranza e di tutto il gruppo che ha convogliato su di me tutta la  loro fiducia… Da subito mi confronterò con l’ex assessore Lombardo e il Sindaco. Subito dopo incontrerò i dirigenti dei dipartimenti dei quali mi verrà assegnata la delega e insieme tracceremo il percorso da fare…”.

 La Giunta comunale adesso risulta composta dal Sindaco Giuseppe Galanti e dagli assessori Antonio Vincenti, Laura Termini, Giuseppe Ripellino, Domenico Raneri e Antonio Pira.

Nella foto: il Sindaco con il neo assessore Antonio Pira e l’assessore dimissisonario Salvatore Lombardo.

 

 

 

 

           

 

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *