Licata, amministratori sul piede di guerra contro la “Dedalo Ambiente”

|




Forte  protesta dell’Amministrazione comunale contro la gestione del servizio di pulizia. L’assessore D’Andrea: “La città in soli tre giorni è irriconoscibile, sporca, lurida e fatiscente”.

Massimo Licata D'Anfrea

Massimo Licata D’Anfrea

L’Amministrazione comunale di Licata, nella tarda mattinata di oggi,-si legge in una nota stampa- insoddisfatta del modo in cui attualmente viene erogato il servizio di pulizia all’interno del centro abitato e dell’intero territorio comunale, ha, ancora una volta protestato  nei confronti dei responsabili della Dedalo Ambiente Spa, gestore del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

“Sono l’assessore al turismo del Comune di Licata – è l’incipit di Massimo Licata D’Andrea -. Per mesi ho lavorato con passione e senza orari per dare alla mia città il decoro, la personalità e l’immagine che merita. Pare che i risultati inizino a venire, visitatori, cittadini, osservatori esterni, operatori locali, stanno ritrovando fiducia e slancio.  Da tre giorni ho notato che tutto ciò sta per essere spazzato via da un servizio di pulizia non adeguato e non attenzionato e, soprattutto, non organizzato. La città in soli tre giorni è irriconoscibile, sporca, lurida e fatiscente. Capisco – conclude l’assessore –  che non avete vissuto il processo di cambiamento che con estremi sacrifici è stato iniziato, capisco che i contratti son pezzi di carta e che non bastano a coinvolgere emotivamente. Però vi chiedo, immediatamente,  di fare un sopralluogo a Licata e a prendere contezza di questa incresciosa situazione. Siete obbligati, moralmente e professionalmente a non abbandonare i cittadini di Licata, che faticosamente stavano iniziando a mettersi in gioco e a trarre profitti sempre più vantaggiosi dalle loro attività”.

Salvatore La Carrubba

Salvatore La Carrubba

“E’ opportuno sottolineare aggiunge l’assessore alla sanità e ai rifiuti solidi urbani, Salvatore La Carrubba – che più volte nel corso delle varie assemblee o conferenze dei sindaci, abbiamo rappresentato le deficienze del servizio ai responsabili della Dedalo Ambiente, lamentando l’insufficienza del personale nel cantiere di Licata rispetto ai cantieri degli altri Comuni dell’Ato, ma tutti gli impegni assunti dai commissari nominati dal presidente della regione, ad oggi non hanno avuto seguito. Il loro compito di traghettatori al nuovo servizio di raccolta è limitato solamente all’aspetto burocratico e  non mirato a garantire l’efficienza del servizio, cosa  per la quale sono stati nominati. Il servizio che oggi si riesce a svolgere nella nostra città è garantito da quei pochi operatori presenti, che con grandi sacrifici, anche con doppi turni lavorativi, riescono, quotidianamente ad assicurare i servizi minimi di legge. Agli stessi, alla data odierna, vengono vietate le ferie, per come comunicatoci da alcuni di loro, perchè altrimenti si causerebbe l’interruzione di un pubblico servizio.

Oggi ci troviamo a pagare un costo del servizio di oltre sei milioni di euro, in gran parte eredità della inadeguatezza del passato, sia in materia di gestione del servizio che  in materia di controllo delle amministrazioni che ci hanno preceduto. Questo esecutivo-conclude La Carrubba- ha chiesto ai propri uffici di  verificare tutti i disservizi lamentati per rappresentarli nelle sedi opportune a difesa degli interessi della collettività”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *