“Le Aree Carsiche, il Vallone del Ponte e l’agro di S. Angelo Muxaro”

|




Una giornata di studio nell’Aula Consiliare del Comune di S.Angelo.

“Le Aree Carsiche Gessose: patrimonio naturalistico e vulnerabilità naturale – il Vallone del Ponte e l’agro di S. Angelo Muxaro”. Su questo tema si svolgerà sabato 15 luglio una giornata di studio nell’Aula Consiliare del Comune di Sant’Angelo Muxaro.

Delle aree carsiche, ampiamente diffuse nell’entroterra della provincia agrigentina, verranno trattati prevalentemente gli aspetti geologici riguardanti gli affioramenti gessosi, affrontando sia le tematiche inerenti il dissesto idrogeologico cui tali sedimenti sono soggetti – per la scarsa durezza della roccia gessosa e per la facilità con cui essa viene aggredita dalle acque – che quelle inerenti la valorizzazione dei siti caratterizzati dagli affioramenti gessosi.

“La carsificazione (il processo di dissoluzione dei gessi causato dalle acque)-spiegano gi esperti-ha fatto sì che in tale aree si siano formate grotte, ponti naturali ed altre interessanti forme carsiche che rappresentano un patrimonio naturalistico di rilevante valore”.

L’iniziativa, voluta da Legambiente, Ente gestore della Riserva Naturale “Grotta di Sant’Angelo Muxaro”, è organizzata dall’Associazione Geologi di  Agrigento. Un importante contributo è inoltre fornito dal Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare dell’Università di Palermo. Collaborano inoltre l’Ordine Regionale dei Geologi di Sicilia, l’Associazione Professionisti Uniti, il Gruppo Speleologico Kamikos ed il Comune di Sant’Angelo Muxaro che ha messo a disposizione l’Aula Consiliare per l’incontro.

“La giornata di studio-spiegano i promotori- è rivolta principalmente ai geologi ma è aperta anche ad altre categorie professionali, in considerazione del fatto che tali tematiche interessano anche architetti, ingegneri, ecc., ma anche coloro i quali si occupano di turismo naturalistico. Il geoturismo è costantemente in crescita e pertanto vantare un importante patrimonio di geodiversità rappresenta una risorsa non meno importante di quella archeologica-storico-monumentale, che va senza dubbio valorizzata”.

Il Programma

ore 9.00 l saluto delle autorità. A seguire

La Riserva Naturale Grotta di  S. Angelo Muxaro e le problematiche gestionali legate ai complessi gessosi (curato da Marco M. Interlandi direttore della riserva – Legambiente);

Vallone del Ponte, una risorsa naturale da CONOSCERE  e tutelare (curato da Giuliana Madonia, docente del Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare dell’Università di Palermo);

Seguirà passeggiata didattica lungo il paese (con un piccolo rinfresco a base di prodotti tipici).

La giornata si concluderà con una escursione didattica al Vallone del Ponte di Sant’Angelo Muxaro.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *