La Tv francotedesca fa tappa a Regalpetra

|




A Racalmuto tre giorni di riprese nei luoghi della memoria sciasciana. Il giornalista Jacques Charmelot, autore del documentario: “Abbiamo voluto raccontare i luoghi di questo grande scrittore  perche’ vogliamo invitare i telespettatori di Arte a venire in Sicilia e a Racalmuto che ha tante potenzialita”.

Si sono concluse domenica le riprese della troupe della televisione francotedesca “Arte” che sta realizzando un documentario sulla Sicilia, con particolare riferimento alle saline del trapanese, al pistacchio di Bronte e al rapporto tra Leonardo Sciascia e i luoghi che lo hanno ispirato.

A Racalmuto tre giorni di riprese nei luoghi della memoria sciasciana, con riferimento ad alcuni libri come “Le parrocchie di Regalpetra”, “Occhio di capra”, “La Sicilia come metafora”, avendo come linea del racconto gli anni in cui Sciascia fu maestro alle scuole elementari del suo paese, passando poi dalla contrada Noce dove lo scrittore ha scritto gran parte delle sue opere.

Il giornalista Jacques Charmelot, il regista Francois Chave’ e Leonard Giulianelli, accompagnati in questo “viaggio a Regalpetra” dall’assessore alla Cultura del Comune Salvatore Picone, hanno realizzato le riprese partendo dalla Fondazione Sciascia dove sono custodite le lettere donate dallo scrittore, molte delle quali esposte nella pinacoteca accanto ai ritratti di scrittori e ai registri degli anni cinquanta dell’insegnante Leonardo Sciascia. Tappa anche nell’aula scolastica della scuola “Generale Macaluso”, al teatro Regina Margherita, al Circolo Unione e al Circolo Zolfatai e salinai.

“Abbiamo voluto raccontare i luoghi di questo grande scrittore – ci ha spiegato Charmelot, sposato in Italia con la giornalista Lilli Gruber – perche’ vogliamo invitare i telespettatori di Arte a venire in Sicilia e a Racalmuto che ha tante potenzialita’. Cerchiamo di scoprire e far scoprire i luoghi d’ispirazione e quanto essi hanno confluito nella formazione di un grande intellettuale come Sciascia”.

Il documentario andra’ in onda a marzo. “Ancora una volta Racalmuto richiama le telecamere di importanti tv europee – commenta l’assessore Picone – a conferma che Sciascia e tutto cio’ che ruota attorno ai beni culturali di Racalmuto sono una delle poche, se non l’unica, motivazione per continuare a lavorare su questo fronte, cercando tutti assieme di trasmettere all’esterno un’immagine positiva della nostra comunità”.

Guarda Foto Gallery

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *