Quando la sinistra diventa inutile e superflua

|




Perché rinasca la sinistra, questa sinistra deve finire, non solo il PD ma anche LeU.

Pietro Grasso, leader di LeU e Matteo Renzi, segretario Pd

Quando scrissi sulle pagine di questo giornale che la sinistra era finita, tutti mi saltarono amichevolmente addosso. Non lo scrissi perché volevo che finisse, ma perché era ed è necessario buttare a mare queste macchine sfasciate che sono gli attuali partiti di sinistra per potere riaprire una riflessione e rimboccarsi le maniche senza paura ma anche senza autoinganni. Era ritornata ad aleggiare la parola eguaglianza. Ma è rimasta una parola.

Questa sinistra, del tutto soggiacente al neoliberismo, direttamente o indirettamente, per interesse o per sudditanza e superficialità culturale, ha aperto inevitabilmente la strada ai quei cosiddetti populismi troppo spesso visti con il disprezzo e l’arroganza di chi, benestante, suppone, a torto, di esserne superiore.

I risultati si stanno vedendo. Quando la sinistra manca la sua missione, accettando di fatto quel meccanismo neoliberista che in nome della libertà di impresa e dell’efficienza aziendale costruisce il mondo a sua immagine e somiglianza, invitando alla competition e all’individualismo e creando insieme alla ricchezza di pochi la disoccupazione, le diseguaglianze, lo spreco e la povertà, coloro che subiscono tutto questo non si rivolgono contro chi li ha ridotti così, bensì contro quelli più deboli di loro, quelli più in basso, quelli che premono.

Una mia amica cittadina rumena che sta in Italia e manda i suoi figli in un asilo italiano, mi ha confessato che suo marito, rumeno anche lui, era simpatetico con la Lega, perché, insomma, bisogna fare un po’ di ordine con tutti questi stranieri che non lavorano. Nihil novi sub soli, niente di nuovo sotto il sole. L’ultimo degli arrivati nella sfera dei privilegiati, per quanto il privilegio sia fragile e insicuro, diventa il primo guardiano contro colui che sta al di là del muro dei non privilegiati.

Ora tutta la sinistra ha paura perché non è più abituata a muoversi fuori dal governo e dalla governabilità, non sa più lottare, non sa più distinguere la politica dalle rappresentanze istituzionali, non sa e non vuole attivare le presenze nel territorio come circoli e associazioni per riaccendere il sapere e la cultura, non ha il coraggio di combattere veramente il neoliberismo, se non a parole, magari con qualche esternazione via facebook o twitter.

Benvenuti nel capitalismo reale, quello dove la rabbia e lo scontento di massa si rivolge contro chi sta ancora più in basso nella scala degli sfruttati e dei diseredati e dunque va a destra.

Alfonso Maurizio Iacono

Perché rinasca la sinistra, questa sinistra deve finire, non solo il PD ma anche LeU. Quanti di loro sono mischiati con MPS o con la liberalizzazione selvaggia delle imprese? Quanti di loro sono stati conniventi con la rovina della scuola, dell’università e della ricerca o non hanno idea di come riformarle? Di quale lavoro parlano? La verità è che la sinistra accetta il metodo neoliberista di ricevere l’imposizione degli imprenditori privati a scapito di progetti legati al bene comune. L’altro giorno, l’ex presidente del Parco S. Rossore-Migliarino osservò amaramente che la battaglia che si fece per costruire quel parco negli anni ’70 oggi non sarebbe stata fatta e al posto del parco ci sarebbero alberghi, case, palazzi ecc. in nome naturalmente della libertà d’impresa. Paradossalmente, proprio perché la sinistra ha tradito la sua missione, piaccia o non piaccia, l’unico vero baluardo contro la Lega che avanza è, salvo sorprese, proprio il M5Stelle.

Quando accetta la vecchia affermazione della Thatcher secondo cui al capitalismo non c’è alternativa, e dunque il futuro è solo ciò che si vede qui e ora, la sinistra diventa inutile e superflua.

Foto da internet

Altri articoli della stessa

One Response to Quando la sinistra diventa inutile e superflua

  1. Vittorio Rispondi

    07/03/2018 a 16:17

    Gli ex comunisti sono duri a morire… ma non avete visto che si e no siete il 5% del Paese ?
    Ma non avete visto che ovunque nel mondo avete creato disastri ?
    Non vi rendete conto che siete la FALSA sinistra ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *