La scuola deve essere sempre un “luogo di gioia”

|




Grotte, grande festa per l’avvio del nuovo anno scolastico. Il Preside Santino Lo Presti: “Massimo dialogo con i genitori, la scuola non deve chiudere mai la porta”.

E a Grotte si fa festa per dare avvio al nuovo anno scolastico. Questa mattina nei plessi Mattarella, Roncalli, Sciascia e Acquanova tutti gli studenti dei tre ordini di scuola hanno partecipato alle cerimonie di inaugurazione del nuovo anno. Piccoli eventi, confezionati ad hoc per coinvolgere tutti in un momento di festa e di riflessione.

Il tema del 2018? “Le relazioni e la loro importanza nel vivere sociale”. Agli studenti è stato affidato il compito di intessere, alimentare, curare le relazioni. Cosa non facile a giudicare dai fatti di cronaca riportati sui giornali che coinvolgono sempre più i giovani, divenuti apparentemente incapaci di vivere relazioni reali. La scuola, dunque, rimane l’istituzione più importante in cui creare legami, intessere amicizie, comunicare attraverso i canali verbali e non.

“Dovete essere contenti di venire a scuola – dice Santino Lo Presti, Preside Reggente del “Roncalli” di Grotte, rivolgendosi agli studenti- perché venendo a scuola incontrate i vostri compagni, fate nuove amicizie, avete la possibilità di stare insieme per parlare, per giocare, per far nascere relazioni. E poi, a scuola, incontrate anche le vostre maestre, i vostri professori, persone particolarmente importanti che vi preparano a diventare individui della società di domani. Molti di voi un giorno diventeranno medici, avvocati, ingegneri. Ecco, attraverso il vostro ruolo, la vostra professione sarete la società di domani. Quindi ragazzi a scuola dovete venire con gioia. Ma spetta a noi docenti e ai vostri genitori fare in modo che ciascuno di voi possa venire contento a scuola”.

Ed ancora, il Preside Lo Presti ha sottolineato la necessità di trovare il giusto equilibrio tra il tempo da dedicare al gioco e il tempo da dedicare allo studio.

“Il vostro- dice il Preside, rivolgendosi ai docentiè un lavoro difficilissimo e per questo vi ringrazio sinceramente. Dovremmo avere la capacità di far diventare la scuola luogo della gioia. Questi ragazzi dovrebbero venire a scuola contenti; dovrebbero venire a scuola sapendo che c’è una persona che li accoglie, che parla con loro, che è pronta ad ascoltarli. Ma soprattutto dovremmo convincere i genitori che facciamo questo lavoro nell’interesse dei loro figli”.

Compito piuttosto difficile quest’ultimo, in un momento storico in cui le istituzioni sembrano aver perso la loro importanza e i genitori sempre meno preparati al loro ruolo pensano di poter delegare alla scuola il loro ruolo educativo, addossando alla scuola e agli insegnanti gli eventuali insuccessi scolastici. “Questo lavoro – conclude il dirigente scolastico del Roncalli – se fatto insieme ai genitori diventa importante. Però sta anche a noi docenti e dirigenti avere un dialogo con i genitori, non chiudere mai la porta”.


Alle cerimonie di inaugurazione erano presenti il Sindaco di Grotte Alfonso Provvidenza, l’Assessore alla Pubblica Istruzione Annamaria Todaro e  Don Gaspare Sutera.

Nelle foto alcuni momenti dell’inaugurazione dell’anno scolastico

 

Altri articoli della stessa

One Response to La scuola deve essere sempre un “luogo di gioia”

  1. Cettina Callea Rispondi

    03/10/2018 a 22:52

    Grande il Preside Lo Presti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *