La Racalmuto da cambiare

|




Il problema della pulizia non è l’unico che affligge il paese. Basta recarsi in piazza per constatare con i propri occhi tante altre irregolarità.

racalmuto macchina fermaGrande fermento al comune di Racalmuto per l’organizzazione delle squadre che svolgeranno le pulizie delle strade, degli spazi verdi, dove giocano i nostri bambini e del paese in generale. Un paese che, negli ultimi anni, è stato invaso da erbacce e cumuli di spazzatura che non hanno certo favorito, all’esterno, un’immagine esaltante di questi luoghi. Il sindaco Emilio Messana ha chiesto, più volte, relazioni sullo stato dell’arte e piani di esecuzione la pulizia, non la definirei straordinaria, ma ordinaria, visto che è dovere dell’amministrazione comunale curarne l’attuazione e diritto dei cittadini vivere in un ambiente piacevole e igienicamente sano.

Le riunioni si susseguono e i dirigenti vengono chiamati ad organizzare il lavoro che dovrà essere espletato dal personale preposto a tale mansione, anche se tanti manutentori e pulizieri, riconosciuti tali dal loro incarico ufficiale, svolgono altre mansioni, dislocati nei vari uffici.

Ma il problema della pulizia delle strade e degli spazi, non è l’unico che affligge questo paese. Basta recarsi in piazza per constatare con i propri occhi tutte le irregolarità che vengono ripetutamente commesse. Mi riferisco alle soste delle autovetture in spazi non consentiti e in modi che poco spazio lasciano alla educazione civica. Alle fermate di alcuni automobilisti che lasciano la propria autovettura in mezzo la strada, bloccando il traffico, per andare a comprare comodamente le sigarette o il pane. Alle lunghe chiacchierate svolte tra l’automobilista e l’amico, comodamente appoggiato all’autovettura intento a raccontare tutta la sua vita, tanto interminabili sono le discussioni, e guai a lamentarsi di tale atteggiamento o mostrare segni di insofferenza perché si rischia di essere malamente apostrofati. Ed ancora all’assenza dei cestini gettacarte, un tempo posizionati e recentemente danneggiatiracalmuto da cambiare o rimossi dai vandali. E infine a quanti buttano cartacce e quant’altro per terra o depositano la spazzatura agli angoli delle strade. Per tutti questi occorrerà più che un’organizzazione e un controllo, un vero corso che insegni loro i modi di comportamento in una società civile.

Tante le belle parole da parte di tutti i candidati e ascoltate dai cittadini in campagna elettorale. Adesso si aspettano fatti concreti. Questa, e non solo, è la Racalmuto da cambiare. Un lungo e costante lavoro che deve obbligare quanti governano a rimboccarsi le maniche, ricordando che le pulizie, come a casa propria, non vengono svolte una sola volta, ma hanno bisogno di costanza e controlli.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *