La Fondazione Sciascia rischia di chiudere

|




Esclusa dai fondi regionali insieme ad altri importanti enti culturali.

La sede della Fondazione Sciascia

La Fondazine Leonardo Sciascia

Non c’è posto nella Tabella H per la Fondazione Sciascia. Tradotto: niente più contributo da parte della Regione. Una scelta che mette seriamente a rischio l’attività dell’importante istituzione culturale di Racalmuto, che, a questo punto,  corre seriamente il rischio di chiudere definitivamente i battenti, non avendo altri proventi.

La Fondazione Sciascia non è il solo ente che è stato escluso dai finanziamenti. La stessa sorte è toccata ad altre istituzioni culturali storiche come il Centro studi filologici e linguistici italiani, l’Istituto Gramsci, l’Officina di studi medievali, la Fondazione Ignazio Buttitta, la Società siciliana di Storia Patria, il Centro nazionale studi pirandelliani, la Fondazione Federico II, l’Isas, Amnesty International. Tutti soggetti, tra l’altro, che, come riferisce LiveSicilia, in occasione degli ultimi bandi, sono stati considerati dallo stesso governo regionale, “aventi priorità in quanto già destinatari di precedenti espresse norme regionali di riconoscimento di specifici contributi”.

Naturalmente sarà importante capire quali criteri sono stati adottati dal governo regionale nelle scelte che ha operato. Di certo possiamo sicuramente prevedere che gli esclusi non subiranno passivamente le decisioni di Crocetta e della sua giunta.

Tornando alla Fondazione Sciascia va segnalato che a Racalmuto si registra già una certa fibrillazione all’interno della nuova amministrazione comunale che, dalle voci che emergono, sembra fortemente intenzionata a dare battaglia. Ne sapremo di più nelle prossime ore.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *