I.P.I.A FERMI. SERVIZI SOCIO – SANITARI: UN INDIRIZZO CHE OFFRE OTTIME PROSPETTIVE PER IL FUTURO

|




L’I.P.I.A. “E. Fermi” ospita il Polo socio-sanitario articolato in tre indirizzi: Odontotecnico, Ottico e Tecnico dei Servizi Socio- Sanitari.
In quest’ultimo indirizzo si formano quelle professionalità che trovano collocazione nelle strutture socio-sanitarie, oggi in aumento, per rispondere alle richieste di una società in continua trasformazione e con problemi legati alla presenza di fasce deboli che hanno necessità di essere salvaguardate e tutelate.
Il Tecnico dei Servizi Socio-Sanitari può trovare sbocchi occupazionali negli asili, nelle case di cura per anziani, per disabili (fisici e psichici), per il recupero di tossicodipendenti.

Fortunatamente, rispetto al passato, le istituzioni rivolgono sempre più la loro attenzione verso le categorie sociali più bisognose d’aiuto, venendo incontro alle famiglie che non sempre hanno le risorse e le competenze per gestire situazioni difficili.
Con questi interventi le famiglie ricevono una risposta concreta che permette loro di uscire dalla solitudine nella quale erano relegate in passato, con i problemi che facilmente si possono immaginare, in quanto lo Stato centrale non sempre appronta quanto necessario.
L’I.P.I.A., attento alle nuove professionalità richieste dal mercato del lavoro, ha dato grande rilevanza a questo indirizzo: esso, infatti, dà una preparazione completa, nell’arco dei cinque anni, per la presenza nel percorso didattico di discipline psicologiche, sociologiche, medico-sanitarie, economico-giuridiche e metodologiche, che garantiscono agli alunni, da un lato, l’accesso alle facoltà a numero chiuso e, dall’altro, l’acquisizione di competenze e di tecniche necessarie per il tirocinio da svolgere negli anni successivi al biennio.
In questo contesto va senz’altro evidenziato il consequenziale aggancio al Polo universitario di Agrigento e al corso di laurea in “Servizi sociali”, che diventa l’approdo più naturale per tutti coloro che vogliono aspirare ad una funzione maggiormente qualificata nel mondo dell’assistenza socio-sanitaria.Con l’alternanza scuola-lavoro, come previsto dalla vigente normativa, il biennio finale consente agli allievi, attraverso stage in strutture all’avanguardia, un ulteriore arricchimento e confronto reale con il mondo del lavoro; in quest’ottica, pur essendo interessanti e significative tutte le esperienze fatte ogni anno dagli alunni, particolarmente degna di attenzione è stata quella di un gruppo di diciannove ragazze presso il centro “Movimentoinactor” a Pisa, nel quale le allieve hanno potuto dare la testimonianza più efficace della bontà e della congruenza degli studi.
La direttrice artistica della compagnia, Flavia Bucciero, danzatrice, coreografa, danzaterapeuta, ha dato la possibilità di esplorare la natura più intima e profonda della musica e della danza, di cui le ragazze hanno potuto sperimentare direttamente gli effetti liberatori, nel rapporto tra movimento e musica.
Tale esperienza ha permesso di comprendere l’importanza e la tecnica della Danza-Movimento-Terapia, che s’inquadra nel panorama delle terapie corporee o psico-corporee e costituisce una modalità specifica di trattamento, con ottimi risultati, di diverse manifestazioni della patologia psichica, somatica e relazionale.
Come si vede, un complesso di competenze che vengono acquisite nella maniera migliore in un corso di studi quinquennale che oggi si presenta come il fiore all’occhiello dell’IPIA “Fermi” di Agrigento, all’interno del quale vivono oltre 200 allievi ed allieve la cui prospettiva di trovare un’occupazione è reale e consistente e lo diverrà sempre di più, allorché terminerà la crisi economica che permetterà agli Enti locali di poter offrire servizi socio-sanitari sempre più adeguati e all’altezza della situazione.

Maria Passarello
Docente

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *