“Influencer? E’ importante che le persone si fidino di te…”

|




Incontriamo Giorgia Accolla, giovanissima e seguitissima influencer siciliana con oltre trentamila follower su Instagram. “Carta fondamentale per questo lavoro: saper comunicare, fare in modo che le persone, che non ti conoscono, inizino a fidarsi di te e di quello che fai e dei consigli che dai…”

Giorgia Accolla

Lei è Giorgia Accolla, 22 anni, laurea in Scienze politiche e Relazioni Internazionali. Giorgia vive a Palermo ed è una seguitissima influencer, oltre trentamila follower su Instagram. In questa intervista ci racconta il suo lavoro nel marketing digitale.

Che cos’è esattamente il marketing digitale?

Il marketing digitale è un ramo del marketing tradizionale, è in costante fermento e si evolve a ritmi molto veloci. Ovunque ormai si sente parlare di Web, Web 2.0 e social media marketing. Sostanzialmente il marketing digitale è la gestione dei processi di comunicazione digitale (la nuova comunicazione online) e multimediale.

Si può vivere solo di internet?

Se utilizzato bene si, si può vivere di Internet. Tutto sta nell’uso che ne fai e come sai sfruttarlo. Internet è un mezzo potentissimo ed oltre essere una vera e propria fonte di guadagno, é divenuto ormai un vero e proprio lavoro del futuro, ma attenzione non tutti sanno cogliere questo lato e sfruttarlo senza abusarne.

In che cosa consiste il suo lavoro?  

Sostanzialmente il mio lavoro non è altro che dare visibilità ai vari brand, aziende, marche di abbigliamento con cui collaboro e mi accordo stipulando contratti. Il mio profilo instagram è una vera e propria vetrina, è il mio biglietto da visita, curata nei minimi dettagli per attirare l’attenzione del cosidetto ‘follower’ che non è altro che il tradizionale consumatore. Attraverso post in galleria, ig stories della durata di 24h, cerco di dare maggiore visibilità al prodotto ,al capo, al brand in questione in cambio di merce e richiedendo una fee, in gergo tecnico, che non è altro che un onorario. I negozi, le aziende pagano per avere pubblicità e sponsorizzazione da parte mia, per far si che io mostri a chi mi segue (i miei follower) che vesto quella determinata t-shirt, o quel determinato paio di scarpe, che si può trovare taggando il marchio, la pagina instagram del brand e che poi si può acquistare tramite link, investendo quindi su una pubblicità diversa dalla cartellonistica, che a parer mio ormai è un po’ morta. Perchè con la pubblicità online, la foto o comunque la pubblicità di quella data azienda o brand arriva in maniera diretta al consumatore, è a portata di mano, direttamente sul loro smartphone…Carta fondamentale: saper comunicare, fare in modo che le  persone, che non ti conoscono, inizino a fidarsi di te e di quello che fai e dei consigli che dai…”.

Giorgia Accolla

Pare che gli influencer in Sicilia stiano aumentando. E’ così?

Si ha ragione, in Sicilia stanno aumentando, vi sono già diversi influencer anche se poi non troppi. Penso che Palermo, e soprattutto la Sicilia sia un terreno fertile, lo dico da sempre e sono fermamente convinta di ciò. Non mi spaventa il fatto che sono in aumento in Sicilia gli influencer perché penso che per definirsi tali devono avere dei contenuti di qualità e non essere scontati, altrimenti chiunque potrebbe farlo!

Quali sono i maggiori rischi della rete? 

I maggiori rischi della rete si presentano sottoforma di materiale pornografico, messaggi offensivi e minacciosi, immagini provocanti e imbarazzanti, contenuti pericolosi o ancora richieste di sesso online e pedopornografia. Molto spesso ragazze accettano lavori online, posando per pseudo fotografi, i quali si definiscono così, ma in realtà poi questo materiale viene usato per altro, ingannando le ragazze in questione, facendo credere che queste foto fossero destinate a collaborazioni con brand e aziende importanti, e invece no sono solamente delle truffe. Ancora, l’inadeguato utilizzo della Rete può indurre in una situazione di dipendenza psicologica con conseguenti danni psichici e funzionali per il soggetto.

Qual è la differenza tra facebook e instagram?

Secondo me c’è un abisso tra questi due mezzi di comunicazione, tra questi due social. Facebook personalmente non lo uso più moltissimo. Su Facebook si può scrivere ciò che si pensa sul proprio stato, ma anche condividere foto, però penso non sia ‘interessante’ quanto Instagram che invece si basa principalmente sulle foto, sui video e per questo mi piace e lo uso anche molto di più. E’ più piacevole staccare la spina guardando semplicemente alcune foto o video sulla propria home, diverse foto di amici o amiche o di personaggi pubblici che segui.

Com’è il suo rapporto con il denaro?

Il mio rapporto con il denaro è cambiato nel tempo. Quando ero più piccolina, non riuscivo a far bastare la paghetta che mi davano i miei genitori perché spendevo e sperperavo, aggiungerei, tutto in vestiti principalmente. Era una vera e propria ossessione. Ho capito che mi stava sfuggendo di mano quando per ben tre volte ho comprato lo stesso maglioncino, perché non ricordavo di averlo già comprato!! Mi sentivo bene ad avere cose nuove da mettere, mi sentivo più sicura di me, ecco. Fortunatamente poi ho capito che dovevo darci un taglio, e piano piano ho cercato di fare scelte razionali, mettendo da parte ogni mese qualcosa per poi investirli. Così sono riuscita a fare ciò che mi ero prefissata ed è stato molto appagante devo dire. Infatti ora tutto ciò che guadagno, cerco sempre di metterne una parte di lato, di investirli in progetti miei o in viaggi. Se ad esempio ho qualche sfizio di qualunque tipo, una borsa, un paio di scarpe, le compro! Sono soldi che ho guadagnato io, e capisco di più il valore di spenderli in maniera più ponderata e razionale, senza doverli chiedere ai miei genitori che ovviamente me li darebbero; ma penso sia un modo per crescere e maturare.

Lei ama molto viaggiare. Può raccontarmi la sua esperienza a Bali. E’ vero che sia una sorta di paradiso terrestre e che per parlarne bisogna viverci?

Non appena si tocca il tasto Bali, mi spuntano gli occhi a cuoricino. Assolutamente si, è tutto vero, è un paradiso terrestre e ci tornerei altre 200 volte. Questa estate io e il mio ragazzo, nonchè anche mio fotografo personale (grazie a lui sono arrivata dove sono ora) Andrea Cottone, siamo stati un mese a Bali, in Indonesia. Questo viaggio ci ha cambiati, ci ha resi più puri, vivi. Abbiamo visto posti e luoghi incantati ed ogni parola sarebbe superflua. Abbiamo avuto l’opportunità di soggiornare in fantastici resort, hotel e ville per sponsorizzarli su instagram. Abbiamo cambiato diversi alloggi ma alcuni ci hanno letteralmente fatto innamorare e stregati, completamente immersi nella natura, in delle vere e proprie giungle, dormire all’aperto in case di legno o bungalow penso sia una delle emozioni che non dimenticherò molto facilmente. Bali è magica, sono magici anche gli abitanti che ci vivono, sorridono a tutte le ore del giorno e ti fanno sentire sicuro e protetto.

Quali sono i suoi progetti per il futuro?

Ho diversi progetti per il futuro…Spero un giorno di poterne realizzare almeno la metà. Siccome sono abbastanza scaramantica, non ve li svelerò e vi lascerò un po’con il dubbio, magari chissà mi inizierete a seguire o a conoscere per poter rendervi conto voi stessi se riuscirò nei miei progetti o meno.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *