In libreria “Il contagio” edito da Laterza

|




Quando i libri non arrivano

L’occasione della pubblicazione del libro sulla Ndrangheta curato da Gaetano Savatteri per evidenziare la mancanza di librerie a Racalmuto

La copertina del libroQui, in piazza Regalpetra, i libri non arrivano. C’è un’edicola e un tabaccaio dove riesci a trovare i volumi su Racalmuto (e sono certi volumi di storia locale di autori conosciuti e meno conosciuti che solo qui si trovano, in questo almeno si ha un primato!); in edicola, nella piazza del paese del più grande scrittore del Novecento, trovi Il giorno della civetta, Le parrocchie di Regalpetra. E qualche libro di Camilleri, di Savatteri, di Saviano. Ma nient’altro. In piazza Regalpetra non ci sono mai stati luoghi dove trovare tanti libri.
Si ha per fortuna conoscenza dell’uscita di un libro grazie alle piazze virtuali o ai giornali che per fortuna ancora arrivano. E così, in attesa di averlo in mano, in piazza qualcuno ha saputo e ha chiesto del nuovo libro firmato dal concittadino Gaetano Savatteri. Un lavoro che molto richiama quel libro davvero interessante pubblicato da Laterza nel 2010 dal titolo Potere criminale: un’intervista di Savatteri sulla storia della mafia a Salvatore Lupo, docente di storia contemporanea all’Università di Palermo e autore di numerosi studi sulla storia siciliana.

Stavolta Savatteri approfondisce i temi della ‘Ndrangheta nel libro, fresco di stampa, dal titolo Il contagio edito da Laterza. E lo fa con Giuseppe Pignatone e Michele Prestipino, i magistrati che hanno portato in Calabria i metodi investigativi messi a punto da Falcone e Borsellino contro Cosa Nostra.
Questo è quello che ho letto in giro. E per fortuna che Giovanni Bianconi sul Corriere e Attilio Bolzoni su Repubblica ne hanno scritto, in attesa di leggere con attenzione anche questa volta questo “racconto” curato da Gaetano Savatteri. Ma per “gustarlo” dobbiamo aspettare un po’, tranne che non si decide di fare una capatina in una libreria di Agrigento o Palermo. Perché i libri qui, come detto, arrivano in ritardo. Le novità editoriali a Racalmuto diventano acqua passata. E se per un libro dobbiamo aspettare settimane o addirittura mesi, ecco che il nostro credere di vivere al centro del mondo diviene invece consapevolezza di stare lontani lontani da tutto.

Salvatore Picone

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *