Quel poeta “infelici” e “turmintatu”

|




Tra i graffiti dello Steri di Palermo i versi in siciliano dell’anonimo prigioniero delle carceri dell’Inquisizione che Pitrè chiamò “Il poeta della cella”.

Tra i graffiti e i disegni dei prigionieri dell’Inquisizione, ci sono dei versi che vale la pena, ogni tanto, leggere e rileggere.

Sul Giornale di Sicilia del 25 giugno 1906, raccontando l’importante scoperta di Giuseppe Pitrè al Palazzo Steri di Palermo – le celle dei prigionieri della santa Inquisizione – il cronista dedica ampio spazio alle straordinarie poesie siciliane che si conservano in una parete di una cella del carcere, che per diversi secoli, fino al 1782, ospitò bestemmiatori, streghe, fattucchiere, peccatori della morale ed eretici di ogni natura. E tra questi innocenti torturati molti erano uomini di chiesa, artisti, pensatori, poeti.

Come lo era senz’altro colui che Pitrè definisce il “poeta della cella”.

“Certamente alcune figure, le poesie, le invocazioni, le preghiere, che esprimono sofferenza e dolore, appaiono senz’altro opera dei prigionieri”, scrisse anni fa su Kalos – la preziosa rivista di arte e cultura diretta da Aldo Scimè – Nino Catalano, che è stato dirigente del Dipartimento tecnico-patrimoniale dell’Università di Palermo seguendo pertanto da vicino i lavori di restauro delle carceri del Palazzo Steri, sede del rettorato dell’università.

Di questo poeta dal cuore inconsolabile non si sa nulla. Ci restano i versi che Leonardo Sciascia, come ha ricordato in più occasioni il giornalista Giuseppe Quatriglio, “trascrisse con cura”. Versi in siciliano scritti su un muro con la stessa grafia e lo stesso stile malinconico da un uomo che non si dà pace, rinchiuso com’è in quella cella buia e angusta.

Arriva a noi con i suoi versi a rima alternata che firma coi nomignoli di L’abbannunatu, L’infelici, Lu dimenticatu, Lu turmintatu, Lu scurdatu.

E vale la pena leggerli e rileggerli, come fanno i tanti visitatori del Palazzo che senza ombra di dubbio ospitò quel Fra Diego La Matina da Racalmuto che, a pochi passi da quelle celle e dal lungo corridoio, uccise l’inquisitore monsignor De Cisneros.

Nun ci nd’è nu scuntenti comu mia:
Mortu, e nun pozzu la vita finiri.
Fortuna cridi ch’immortali io sia;
Chì si murissi nun duvria patiri,
pirchì cu la mia morti cissiria
La dogghia e l’infiniti mei martiri.
Per fari eterna la mimoria mia
Nta tanti stenti nun mi fa muriri. (L’infelici)

Cui lu nimicu so’ tenta, e procura
Darici morti pir so’ malu inditiu
La sgarra, ‘ntempu nenti, binchì (?) un’hura
si sapi et è poi misu in precipitiu;
Ma fazzu fidi chi fu una congiura
Di prima forma lu… n so lu tuo uffitiu;
Chi comu trasi in chista sepurtura
nun ndi nesci privfina a lu giuditiu.

Amici nun spijati chistu cn’aju
(Pirchì) la morti ‘nfrunti (mi) la viju.
Nun viditi chi ad ogni passu caju
E nenti in pedi mi sustegnu…?
Nun vidi chi mancu d’unni vaju
Et a lu fatu a pocu a pocu ceju?
(Si vi) spija qualcunu comu staju,
chi staju comu cui va sempri peju. (Lu mischinu)

da nu suspiru haiu a spirari,
sulu sarria pri mia veru suspiru
Chi chiù nun havissi a suspirari:
suspirari lu ciatu in’un suspiru. (Lu dimenticatu)

Eccole, dunque, alcune di queste poesie del luogo della dannazione.
Canzoni dolorose“, li definisce sempre il Pitrè, “addensate in un angolo della cella“: e ne vengono fuori piccoli grandi pianeti di umanità umiliata e avvilita, che in queste umide pareti hanno lasciato una testimonianza unica, di disarmante attualità, di come si può subire grandi ingiustizie dal potere sia esso religioso, politico o giudiziario.

Tra i versi del poeta, che stavolta si firma L’afflittu, uno colpisce per l’ironia e il sarcasmo: “…sugnu murtu et ancora haiu a muriri“.

FOTO GALLERY di Salvatore Picone

Questo slideshow richiede JavaScript.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *