Il Sole e la Luna

|




Il tuo racconto per Malgradotutto

Vista la grande partecipazione che il nostro concorso sta registrando e le tante richieste che in questi ultimi giorni ci sono pervenute, abbiamo deciso di prorogare al 31 gennaio 2013 il termine ultimo per l’invio dei vostri racconti. Slitta, quindi, in primavera la scelta della giuria composta da Carmelo Sardo, Giancarlo Macaluso, Gero Micciché, Toti Ferlita, Agata Gueli, Paolo Terrana e Gaetano Savatteri, dei migliori racconti che saranno pubblicati in volume e del vincitore del concorso che riceverà in dono un’opera originale del giovane artista Giuseppe Cipolla. Ricordiamo che “Il tuo racconto per Malgradotutto” è un’iniziativa con la quale il nostro giornale apre le sue pagine alla fantasia, alla creatività e al gusto della scrittura. Una sfida, se si vuole, lanciata a tutti quelli che amano leggere e amano scrivere. Le modalità di partecipazione al concorso le trovate sul sito Malgrado tutto web nella sezione “Il tuo racconto”.


Il Sole e la Luna
di
Maria Antonietta Di Falco

Clio,era bella,occhi da cerbiatta , setosi e lunghi capelli neri,un corpo sinuoso,due seni piccoli ma sodi…si era proprio bella , non le mancava nulla per piacere ad un uomo !
Ma,era innamorata di Elio , il più bel ragazzo della comitiva.
Era bello Elio,bello come il Sole , allegro,dolce e aveva sempre una parola carina per ogni ragazza della comitiva .
A Clio,non bastava,lei voleva essere amata e, quei baci che erano amichevoli e affettuosi per Elio, nella sua fantasia,erano dolci,caldi e sensuali .
Le sembrava di essere come il mare che , bacia la riva,la tocca,la bacia , ma poi,come la risacca , dolcemente,torna indietro,faceva di tutto per conquistarlo,era quasi uno zerbino ai suoi piedi.

 

Poi un giorno,un maledetto giorno,Dario , un altro amico della comitiva,venne in compagnia di Argentea .
Argentea,era bella come la Luna , un viso pallido,due occhi di gatta , un vestito bianco e fluente che,lasciava facilmente immaginare cosa c’era sotto.
Tutti , fecero festa alla nuova arrivata ,cercando di metterla a suo agio nella compagnia ma,Clio , non lo fece,avvertì subito una sensazione ostile verso la nuova arrivata , la vide subito come una nemica.
Argentea,fece presto ad ambientarsi , era minuta,dolce e delicata , non aveva la prorompente bellezza di Clio e,fece presto a monopolizzare le attenzioni dei maschi della comitiva.
Era la più giovane e , tutti la vedevano come una piccola perla da proteggere perché, ancora acerba,doveva maturare nella sua ostrica prima che qualcuno la cogliesse.
Clio,non riusciva a farlo,avvertiva in lei una nemica che , prima o poi si sarebbe messa tra lei ed Elio.
Ooh mio Dio,perché non è rimasta a giocare con le sue bambole ?
Esclamò tacitamente dentro di se !
Tutti,continuavano a fare complimenti alla nuova arrivata,sembravano delle mosche che attaccano un gelato “Azzurro Puffo ” , mentre la sua mente cercava di capire perché istintivamente ,vedesse in lei una nemica e cercava di associare quel viso a qualcuno,cercava di capire chi le ricordava o cosa le ricordava.
Nella sua mente,passavano immagini in bianco e nero come fossero le immagini di un film di Shyrley Temple , ” La riccioli d’oro ” del grande schermo ,con i suoi boccoli biondi,il suo dolce sorriso e lo sguardo da monella .
Ma,cosa mi passa per la testa,questa qui,non somiglia per niente a ” Riccioli d’oro ” , si , i suoi capelli sono biondi ma lisci,il suo sorriso,si,è dolce ma un po ammiccante,il suo sguardo non è quello di una monella ma quello di una dolce ammaliatrice,no,no,no,non mi sembra proprio ” Riccioli d’oro “, piuttosto mi sembra Barbie Girl alla ricerca del suo Big Jim.
Sbattendo le palpebre e scrollando un po’ le spalle,Clio,ritornò alla realtà e,continuò la sua solitaria discussione con se stessa .
Ooh,mio Dio,perché non è rimasta a giocare con le sue bambole ! Continuava a ripetersi tacitamente.
Non riusciva proprio a vedere in lei una donna,era un miscuglio di ” Riccioli d’oro e Barbie alla conquista di Big Jim ! !
Perché la sua acerba bellezza la infastidiva,perché vedeva in lei una ipotetica avversaria in amore ?
Forse lo sapeva ma non voleva accettarlo.
Non voleva accettare che,quella bellezza eterea,offuscasse la sua bellezza prorompente,così prorompente da farla desiderare da molti uomini ma non dal suo Elio !
Mentre Elio ,era attratto dalla bellezza quasi eterea di Argentea e,presto ,quei suoi occhi che sembravano due smeraldi , conquistarono il suo cuore .
Anche Argentea era attratta da Elio ,che strano,i loro nomi,rappresentavano il Sole e la Luna !
Clio,fu la prima ad accorgersi del loro amore che dolcemente stava sbocciando tra un ballo lento ed un rock e soffriva,era quasi una sofferenza fisica,anzi lo era proprio sembrava che qualcuno la prendesse a calci e pugni allo stomaco quando,le luci psichedeliche della discoteca,illuminavano i loro corpi mentre ballavano un complice ballo lento,quei due corpi,languidamente abbracciati,sembravano volersi fondere in uno solo,si sentiva soffocare dalla gelosia e,per non perdere le attenzioni di Elio che con lei ,continuava a comportarsi come la risacca del mare che bacia la riva e poi torna indietro , incominciò lei a fare delle avances ad Elio.
Però,ogni volta,Elio dolcemente la respingeva,senza farle notare il suo comportamento impudico.
Questo,fu il motivo per cui Clio,incominciò ad odiare Argentea !
Non sapeva più a che santo rivolgersi,il suo amore per Elio,stava diventando una ossessione .
Immersa nella sua ossessione,non aveva notato la caratteristica dei loro nomi,fu Dario che scherzando,una sera , facendo un brindisi con birra ma coca-cola per Argentea che,non aveva l’età per bere alcolici , esclamò : Ragazzi,vi siete accorti che nel gruppo,ci sono tre persone i cui nomi , fanno riferimento alla mitologia ?
Tutti in coro risposero nooo , anche coloro che portavano qui nomi e,fu proprio Elio a dire,dai spiegaci chi sono e cosa significano i loro nomi.
Ecco, proprio tu , rispose Dario , il tuo nome Elio,significa Sole e,tu Argentea,il tuo nome è un attributo della Luna . Ecco,voi,siete il Sole e la Luna !
Già,il Sole e la Luna , ripeté a se stessa Clio…lui bello,luminoso e caldo come il Sole e,lei pallida,fredda e oscura come la Luna che non splende di luce propria ma riflette quella degli altri .
Eih,Clio mi stai ascoltando ?
Si,si scusami Dario , mi ero distratta,ho la mente che ogni tanto se ne va per conto suo,inseguendo sogni lontani.
Ecco,dicevo,continuò Dario,Elio è il Sole e Argentea è la Luna ma,c’è anche un altra persona che porta un nome mitologico e questa persona sei tu Clio.
Io ? Rispose stupita Clio , non lo sapevo e,cosa significa ?
Il tuo nome apparteneva ad una Musa,figlia di Zeus e di Mnemosyne e vuol dire…colei che rende celebri !
Oooh rispose Clio,bello ma non so proprio chi potrei rendere celebre !
Tutto finì in una allegra risata ed un altro brindisi .
Quel discorso però,in Clio aveva suscitato curiosità…che strano , il suo nome era quello di una Musa .
Dimenticò le preghiere rivolte a tutti quei santi , implorandoli di far innamorare di lei Elio e incominciò a cercare sul Web chi fossero gli Dei e le Muse.
Non sapeva nulla della loro storia o magari,qualcuno a scuola ne aveva parlato e,lei non aveva ascoltato.
Del resto i suoi studi,si erano fermati alla terza media,non aveva voluto continuare,non le piaceva e così si era messa subito a lavorare ,facendo la commessa.
Navigando sul Web,scoprì che nell’antica Grecia , erano adorati gli Dei e Zeus,era il padre di tutte le divinità che,spesso si rivolgevano a lui,chiedendo aiuto.
Scoprì che spesso , Zeus esaudiva le loro richieste,trasformando qualcuno in qualcosa .
Clio non raccontò a nessuno cosa aveva scoperto e si lasciò trasportare dalla fantasia ed incominciò a supplicare Zeus .
Oh sommo Zeus,come mi piacerebbe che Elio ,fosse veramente il Sole ed Argentea la Luna !
Come mi piacerebbe che non si potessero amare,così come la notte che,insegue sempre il giorno e mai s’incontrano…così come,il Sole e la Luna che,si guardano e non si toccano perché…per amarsi,devono fondersi in una Eclissi !

Maria Antonietta Di Falco

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *