Il silenzio dei marmi e delle croci

|




Dieci scatti del camposanto di Racalmuto di Alessandro Giudice Jyoti che evocano memoria e malinconia. In basso l’Album fotograficoFoto di Alessandro Giudice Jyoti

C’è qualcosa che ci riporta ad alcuni racconti brevi e asciutti di William Faulkner nei dieci scatti di Alessandro Giudice, in arte Jyoti, realizzati tra i cipressi e i viali del camposanto di Racalmuto.

Di memorabile intensità come appunto le pagine di Faulkener (memorabile il racconto Una rosa per Emily) queste foto che diventano simbolo di uno sguardo solitario che presta l’obiettivo al silenzio raccontato ora da un marmo bianco, da una croce arrugginita dal tempo, da una vecchia candela che non vive, da una frase che evoca solitudine, memoria e malinconia.

Un viaggio che racconta indirettamente uomini e donne e bambini che rivivono attraverso il ricordo dei vivi che in questi giorni lasciano un fiore, accendono un cero. E dunque gli angeli tormentati e immobili, i nomi di chi ha lasciato orma, i segni che ci riportano all’oltretomba. C’è la foto del vecchio arciprete rivolta ancora, come per incanto, ai campanili della ‘sua’ Matrice; lo sguardo fisso dell’ultimo clochard che, come scrive Gaetano Savatteri, per la vampa di San Giuseppe, sollevava nuvole di scintille dentro le quali sembrava danzare. E lo sguardo freddo del monumento del cavaliere Carlo Lupi a cui si deve questo cimitero costruito nel 1867 e i marmi degli Sciascia, copertine dell’ultimo libro che segna l’esistenza umana e letteraria del grande scrittore. E proprio Sciascia raccontò così questo luogo più di sessant’anni fa: “… entro nel silenzio dei tuoi viali, tra i marmi che affiorano come rovine nel rigoglio verdissimo dell’erba; e un marcio odore di terra e di foglie mi chiude nell’autunno che in te stagna, anche se il sole folgora sulle lapidi e sui cippi o inverno rabbrividisce nei cipressi. Perpetua stagione di morte: e mi ritrovo vivo, gremito di parole come l’istrione sulla fossa d’Ofelia, vivo come non mai, presso i miei morti“.

Salvatore Picone

Impaginazione galleria a cura di Vincenzo Lauricella

{loadposition album_Jyoti}

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *