Il caso. Lillo Alaimo: “Quel programma non è copiato, è lo stesso: l’avevo scritto io nel 2007”

|




ELEZIONI E FIGURACCE/2. Dopo la rivelazione di Colpi di Spillo, Lillo Alaimo Di Loro, portavoce del movimento Racalmuto Domani guidato dal candidato sindaco Enzo Sardo, spiega la genesi del programma, in gran parte identico a quello presentato nel 2007 dall’ex sindaco Salvatore Petrotto. Spiega che il programma non è copiato, ma è praticamente lo stesso di sette anni fa.

Brutta nottata quella del movimento Racalmuto Domani, dopo la rivelazione di Malgrado tutto che ha dimostrato come il programma del gruppo che candida Enzo Sardo a sindaco sia in gran parte identico a quello presentato nel 2007 dall’ex sindaco Salvatore Petrotto.

Il portavoce del movimento, Lillo Alaimo Di Loro, designato assessore, ha fornito la sua spiegazione che riportiamo integralmente.

Quanto apparso su Malgrado tutto, circa la genesi del programma del movimento Racalmuto Domani, mi infastidisce non poco. Non tanto perchè l’anonimo quanto improbabile giornalista “colpi di spillo” ha voluto velenosamente insidiare il dubbio del plagio. Quanto per le reazioni che questa notizia pretestuosa ha suscitato in alcuni “navigatori di facebook”, dove assieme ai tanti post di buon senso e chiarimento si è affiancato qualche commento esagerato nei toni e assolutamente infondato nei contenuti.

E’ per questa ragione che mi sono deciso, a beneficio della verità, a chiare i fatti.

Lillo Alaimo Di Loro

Lillo Alaimo Di Loro

Ebbene: il programma di Racalmuto Domani, per come oggi è stato presentato alla cittadinaza in versione integrale e sottoscritto dal Candidato Sindaco Enzo Sardo e da tutta la squadra di assessori e consiglieri del movimento, è stato reralizzato sulla base della piattaforma programmatica redatta dal sottoscritto in occasione delle amministrative del 2007, condivisa e integrata da tutto il movimento Racalmuto Domani e sentite le proposte delle categorie e dei cittadini.

Nel 2007, infatti, da buon cittadino e soggetto politico (militante allora come ora nelle file ambientaliste) fui invitato dal candidato Sindaco Petrotto a ragionare su una possibile alleanza per il paese. Proposi allora come piattaforma di discussione la bozza di programma di cui si ragiona. Convinto, allora come ora, che la politica si fa con le Idee, gli Uomini e il Consenso, imposi di ragionare di contenuti per il bene comune della “Polis”. Essendomi accorto che l’allegra compagnia che si affollava sul “carro del vincitore” non mostrava alcun interesse per il bene comune ma tanto interesse per il Comune, mi defilai con consueta eleganza. A mia insaputa il candidato Petrotto utilizzò la bozza, che intanto circolava nel gruppo e che evidentemente condivideva quantomeno nella forma, per depositarla come frettoloso programma elettorale.

Successivamente, nel 2012 in occasione del laboratorio Racalmuto Bene Comune, di cui sono stato animatore, utilizzammo la stessa piattaforma programmatica per ragionare, come abbiamo fatto ora, di quanto serviva al bene comune del paese. Quella breve esperienza (interrotta dal commissariamento del Comune, in quanto sciolto per infiltrazione mafiosa) ci diede l’occasione di arricchire il programma di nuovi contenuti.

Enzo Sardo

Enzo Sardo

L’attuale programma è il risultato quindi di un lavoro di elaborazione intellettuale e partrecipativa che parte dal 2007 e arriva ad oggi. Finalmente, il Movimento Racalmuto Domani arricchisce il programma di ulteriori contenuti e dimostra di possedere tutta la sensibilità, l’intelliggenza e la lungimiranza di una vera classe dirigente, capace di pensare finalmente al proprio futuro a partire dal programma condiviso.

Va chiarito, ad amor del vero, che il programma nella attuale versione integrale è di gran lunga diverso e completo rispetto alla versione del 2007. Una per tutte il paragrafo sulla “Cultura della legalità è contrasto del fenomeno mafioso”. Un paragrafo pieno di significati e determinato nei contenuti che, ironia della sorte, è stato recentemente (articolo del 4 maggio) oggetto di elogio proprio da “Colpi di Spillo”, come unico programma tra i tre presentati che affrontava in modo adeguato l’argomento legalità. Bastava pertanto che la “Prestigiosissima Testata” del “paese della ragione” che in questo caso, ahimè, assomiglia tanto ad un rotocalco di cronaca rosa, prestasse più attenzione alle fonti per capire che in effetti anche se la matrice è la stessa si tratta comunque di due documenti molto differenti tra loro in quanto l’uno l’evoluzione dell’altro.

LA REPLICA DI EGIDIO TERRANA

Alaimo Di Loro non solo conferma quanto abbiamo pubblicato (cosa peraltro verificabile da chiunque, mettendo a confronto le versioni integrali dei documenti offerte al giudizio dei lettori e che riproponiamo qui sotto), ma va oltre.

Noi ci eravamo limitati a scrivere che il programma era copiato, Alaimo Di Loro ci spiega invece che è lo stesso programma del 2007, con qualche aggiornamento. Peccato che il sindaco, la lista, i candidati e perfino i tempi, rispetto a sette anni fa, sono cambiati. O no?

Quanto a Colpi di Spillo, ribadisco ancora che dietro a questa firma c’è l’intero giornale, a partire dal suo direttore responsabile. Quanto scrive Colpi di Spillo è letto, concordato e approvato da me personalmente.  Quindi Colpi di Spillo “è” Malgrado tutto.

Infine, ci sorprende che Alaimo Di Loro consideri questo un episodio da “cronaca rosa”. Magari. Purtroppo è una questione seria, altrimenti non crediamo che il portavoce del movimento Racalmuto Domani si sarebbe affrettato a precisare. Più che rosa, questo era un piccolo giallo che adesso Alaimo Di Loro ci ha svelato raccontando che la mano di chi ha scritto il programma è sempre la stessa, nel 2007 per Petrotto e nel 2014 per Sardo. I tempi cambiano, i sindaci passano, ma i programmi e i loro autori restano.

Egidio Terrana

METTI A CONFRONTO I DUE PROGRAMMI

CLICCA QUI PER LEGGERE QUELLO DI ENZO SARDO

CLICCA QUI PER LEGGERE QUELLO DI SALVATORE PETROTTO

Altri articoli della stessa

3 Responses to Il caso. Lillo Alaimo: “Quel programma non è copiato, è lo stesso: l’avevo scritto io nel 2007”

  1. Piscopo Gaspare Rispondi

    6 maggio 2014 a 14:20

    al Direttore Responsabile:

    Vorrei sottolineare che i commenti giornalistici sul programma che Racalmuto Domani ha adottato e sottoscritto, continuano ad essere scorretti.
    Dal mio punto di vista, io penso che se un qualsiasi progetto è obbiettivamente buono ed era stato adottato da altri (nelle modalità che L. Alaimo descrive nella sua missiva), e che purtroppo non è mai stato reso esecutivo, non intacca la valenza o la bontà di quel progetto.
    Se poi quel progetto da chi l’aveva precedentemente stilato, viene ripreso e integrato all’esigenza dei tempi , non può essere considerato un plagio, né tantomeno una scopiazzatura.

    Dell’articolo non contestiamo la pubblicazione dei due programmi integrali, e sottolineo INTEGRALI, perché in un primo momento era stato pubblicato solo una parte del programma del 2007, solo l’introduzione ed alcuni punti, con l’intento di fare sensazionalismo, ma a ben vedere nell’integrale, molte, e non solo “alcune” come Lei ha scritto, sono cambiate, e sono state integrate! E’ giusto che Voi abbiate ed esponiate la Vs opinione di liberi Giornalisti, non schierati (almeno spero)!! Ma ritengo che chi ha titolato l’articolo abbia commesso un grave errore di informazione, si parla di scopiazzatura addirittura di plagio, pertanto una testata giornalistica seria, dovrebbe, quantomeno, correggere il tiro.

    La nostra posizione non è sulla difesa dei candidati, e sulle loro capacità ,non credo che ne abbiano bisogno, ma è proprio sul programma che è stato sin dall’inizio il nostro punto di partenza per le attività da svolgere.

    Attaccare il Programma è attaccare le intenzioni, la buona volontà di fare quello che è stato sottoscritto da tutto il gruppo.

    I tempi cambiano, i sindaci passano, ma i programmi e i loro autori restano, perchè?

    Piscopo Gaspare

  2. Dalila Conte Rispondi

    6 maggio 2014 a 14:38

    Per quanto mi riguarda poco importa se sia vero o no. Ma partendo dal presupposto che buona parte della redazione di Malgrado Tutto non ci vive neanche a Racalmuto, non so fino a che punto possano essere prese in considerazione le opinioni personali del sig Terrana, che dei problemi di Racalmuto ne sente parlare, non li vive. Posso confermare che è cambiato il Sindaco, le liste, in parte i candidati, ma un cosa è certa non sono cambiati ne i tempi e tanto meno i problemi, al massimo se ne sono aggiunti di nuovi problemi. “O no?”
    Il vero problema per me non è tanto capire “chi ha copiato, perché e come”. Quello che vorrei capire è “da che parte sta Malgrado Tutto?”, visto che un giornalista dovrebbe limitarsi a riportare fatti e non opinioni. Un attività di giornalismo soggettiva è decisamente è poco professionale, questo motivo trovo inappropriata e fuori luogo la replica di Egidio Terrana.
    Inoltre, gira voce, che uno dei pochi superstiti di Malgrado Tutto che ha ancora residenza a Racalmuto, sia uno degli ipotetici assessori di Emilio Messana.
    Sarà mica per questo che Colpi di Spillo o Malgrado Tutto si è schierato?

  3. Salvatore Petrotto Rispondi

    6 maggio 2014 a 20:58

    Oltre ad essere dei copisti, sono anche delle persone false e bugiarde!
    Come si può mai asserire, a distanza di 7 anni, queste castronerie, per le quali, a questo punto, sono costretto ad adire alle vie legali?
    Il mio programma elettorale è stato scritto a più mani, da tutti i componenti dell’allora coalizione che mi sosteneva, compreso il sottoscritto, ovviamente.

    Ma Enzo Sardo, del resto, non è uno scrittore?
    Che bisogno aveva del suo vicesindaco designato che è peraltro un agronomo, simpaticamente denominato il teorico della zolla, per scrivere quello che avrebbe dovuto essere il programma di Sardo.
    Ma questo è il programma di Alaimo, di Sardo o è, più semplicemente, il mio programma di sette anni fa, quello ufficialmente presentato dal sottoscritto.
    A forza di copiare e barare, i nostri due aspiranti sindaco e vicesindaco si sono incartati.
    Sono rimasti, come si suole dire in Sicilia, ‘ntrusciati’ in mezzo a quelle che erano le mie carte ufficiali.
    Questa è tutta la verità e nient’altro che la verità! Lo giuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *