Iacono: “Il crollo del viadotto Lauricella ha dell’incredibile”

|




Per la parlamentare del Pd la provincia di Agrigento è “al centro di una emergenza infrastrutturale” e chiede che il ministro convochi immediatamente ANAS e sindaci per fare chiarezza.

Maria Iacono

Maria Iacono

“Il crollo del ponte “Lauricella”, sul tratto stradale della 626 che collega  Ravanusa e Licata, oltre ad avere dell’incredibile per la dinamica dell’accaduto, testimonia , qualora ci fossero dubbi l’assoluta precarietà della rete infrastrutturale della provincia di Agrigento.”

Lo ha  dichiarato la parlamentare del Partito Democratico Maria Iacono, all’indomani dell’incidente che solo per una fortuna non si è trasformato in una inesorabile tragedia.

Maria Iacono, ha poi aggiunto “a circa un’ anno di distanza dal crollo del ponte verdura,  le cui conseguenze in termini di disagio economico e di mancanza di sicurezza sono ancora evidenti, sebbene l’ANAS  abbia già appaltato i lavori, un’altra importante arteria mostra tutta la sua precarietà  , minando la sicurezza e l’incolumità  delle comunità interessate.”

“A questo punto, si può e si deve parlare di emergenza infrastrutturale e di mancanza di una adeguata programmazione in grado di assicurare sicurezza ed efficienza alla nostra rete viaria. Credo che sia necessario che gli organi competenti facciano al più presto chiarezza sulle condizioni statiche in cui versano le principali strutture viarie della provincia di Agrigento. E’ necessario, alla luce di nuovi episodi che certamente preoccupano e non poco , promuovere  una task- force  guidata dal ministero delle infrastrutture  che, unitamente all’ANAS  ed alla protezione civile, faccia le dovute verifiche sulle principali arterie della provincia di Agrigento.”

“In secondo luogo il governo dica con chiarezza se intende investire sulla manutenzione e sulla programmazione in termini di sicurezza viaria e di risorse disponibili. Ritengo che sia un errore investire solo dopo l’ennesimo incidente o crollo , abbiamo il dovere di programmare gli investimenti in modo oculato e preventivo.”

“Chiederò un ‘incontro al Ministro delle Infrastrutture ed ai vertici dell’ANAS -conclude Maria Iacono- per avere ulteriori chiarimenti circa gli investimenti programmati sulla rete viaria della nostra Provincia e sulle condizioni in cui versano  le principali arterie viarie del territorio”.

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *