Iacono: “Doppio punteggio a chi insegna nei territori svantaggiati”

|




Interrogazione della parlamentare del Pd al ministro dell’Istruzione.

 Maria IaconoLa deputato nazionale del Partito Democratico, Maria Iacono, ha presentato un interrogazione parlamentare al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca per sapere quali interventi intenda intraprendere per garantire  continuità didattica e contemporaneamente  incentivare il personale scolastico ad accettare incarichi di insegnamento nei territori svantaggiati, ovvero,  nei territori di montagna e nelle  isole minori.

La parlamentare del Partito Democratico, ha dichiarato “ ho chiesto, al ministro dell’istruzione, di valutare l’opportunità di ripristinare i parametri della Legge 4 Giugno 2004 n°143 che prevede la valutazione in misura doppia per il  servizio prestato nelle scuole di ogni ordine e grado, situate nei comuni di montagna,  nelle isole minori e negli istituti penitenziari.”

“ Ritengo”, ha proseguito Maria Iacono, “che tali dispositivi di Legge garantiscano in modo più equo e giusto,  oltre che la  funzionalità didattica delle scuole, soprattutto quei meccanismi atti ad incentivare il personale scolastico impiegato nelle sedi svantaggiate.”

“La Legge finanziaria 296/2006, infatti, ha disposto , attraverso l’emanazione di una norma interpretativa , l’abrogazione del doppio punteggio per i servizi prestati nelle sedi svantaggiate, solo per i docenti impiegati dal 2007 in poi, determinando di fatto una disparità di metodo oltre che di merito.”

‘L’interrogazione , depositata alla Camera, s’ispira , tra l’altro, alla proposta di legge attualmente in discussione in commissione cultura, presentata dalle parlamentari  Alessandra Siragusa e Caterina Pes,  recanti norme volte a tutelare il diritto degli alunni che vivono nelle piccole isole o nelle zone di montagna e ad incentivare il personale scolastico ad accettare incarichi di insegnamento nei territori svantaggiati, territorio di montagna e piccole isole.”

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *