Grotte, un tripudio di colori e di sapori accoglie San Martino

|




Grande Festa d’Autunno nelle scuole, tra frutta di stagione, dolci e piatti tipici, fate che lanciano petali.

Grande festa d’autunno al Roncalli di Grotte. La vigilia della festa di San Martino la scuola dell’infanzia e la scuola primaria dedicano una giornata alla presentazione dei progetti sull’autunno.

A dare il via ai festeggiamenti i piccoli dell’infanzia che nella prima parte della mattinata hanno allestito insieme ai loro docenti degli stand espositivi mettendo in mostra elaborati grafici e manufatti realizzati sul tema. Una mattinata intensa, che ha preceduto la visita nel primo pomeriggio dei genitori, abbagliati al loro arrivo da un tripudio di colori e di sapori.

La scuola ha aperto le porte alle famiglie per condividere il recupero di tradizioni e usi tipici del paese di Grotte. Come sempre accade, sono stati i piccoli di tre anni a strappare sorrisi e a sbalordire tutti.

“Ad appena due mesi dall’avvio dell’anno scolastico– spiega il dirigente scolastico Anna Gangarossa-  i piccoli di appena tre anni hanno abbandonato pianti e strilli, integrandosi perfettamente nella rappresentazione teatrale messa su per l’occasione.”

Tra le fate del bosco che lanciavano petali sul pubblico presente ha fatto ingresso “San Martino” col suo grande mantello pronto a soccorrere ed aiutare i meno fortunati. La leggenda del Santo, si sa, fa sempre presa e si presta a veicolare valori come l’amore verso il prossimo e la condivisione.

“Spesso – continua la preside Gangarossa- gli insegnanti lavorano nell’anonimato. L’idea di aprire la scuola alle famiglie dovrebbe rientrare appieno nella prassi educativa. Vedere ciò che un bambino sa e può fare è un passo importante del processo educativo. Non sempre i genitori trovano tempo e spazio per parlare con i propri figli, per fargli raccontare le loro esperienze, per mettere a nudo i loro vissuti. La conclusione di un progetto o la celebrazione di una festività ci offre il pretesto per creare un canale diretto di comunicazione con le famiglie, che riescono a sorprendersi e gioire per la crescita e i progressi dei loro bambini”.

E di autunno hanno parlato anche i non più tanto piccoli della scuola primaria che per mezzo del progetto di educazione alimentare hanno potuto conoscere e degustare frutta di stagione, dolci e piatti tipici.

Il percorso didattico realizzato ha fornito una bella occasione per raccogliere tutti attorno ad un grande tavola per degustare e condividere.

Un momento di festa. Tutti, ma proprio tutti seduti a tavola senza smartphone, tablet o televisori hanno condiviso ‘mpignolate e frutta. Un momento di gioia per grandi e piccoli, accomunati da un piacevole vocio fatto di piccole conversazioni e di acuti stridolini provocati dal piacere di stare insieme.

 

Altri articoli della stessa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *